In occasione dell’arrivo nelle sale cinematografiche di tutto il mondo il terzo capitolo di Cars, i ragazzi di Avalanche Software hanno pensato bene di sviluppare un titolo dedicato a Saetta McQueen. Il titolo ci mette nei panni fin da subito del mitico eroe Saetta, addentrandoci dentro il videogioco con un tutorial. Siamo scesi in pista con la versione per Nintendo Switch, curiosi di sapere come se l’è cavata lo studio di Avalanche Software, sviluppatori ormai noti per lo sviluppo di Disney Infinity.

Alle basi della guida

Come vi avevamo già anticipato nella nostra prefazione, il gioco ci mette fin da subito in pista con un tutorial nei panni di Saetta McQueen che viene affiancato da altri nomi famigliari come Cruz Ramirez. Una volta che avremo appreso le basi da questo lungo livello introduttivo, ci ritroveremo nello studio di Chick Hicks, che dopo un breve dialogo tra i protagonisti scopriremo che quest’ultimo non è altro che il nostro hub principale dove potremo scegliere le attività da intraprendere nel gioco. Come da tradizione per il genere, le modalità si suddividono in diverse categorie: la prima tra tutti è la corsa classica, dove il vincitore sarà chi prima taglierà il traguardo allo scadere dei giri, poi abbiamo l’eliminazione, dove saranno presenti sulla pista dove gareggeremo diverse armi con il quale abbattere i nostri avversari e conquistare più punti per la vittoria. Un’altra modalità interessante è quella delle acrobazie, dove il vincitore viene decretato da chi fa più acrobazie “pulite” quindi senza schiantarsi, ottenendo così più punti degli altri, in fine è presente la sfida per il miglior giro, dove affronteremo un fantasma che emulerà il nostro miglior giro su quel tracciato.

Cars1

Purtroppo il gioco si basa principalmente su questi eventi non avendo una modalità storia, anche se bisogna dire che quest’ultimi sono importanti da giocare perché permettono di sbloccarne di speciali che aumentano leggermente il divertimento del gioco. Secondo noi il titolo è prettamente studiato per la famiglia, oltre che ad un pubblico giovane, vista la presenza del Multiplayer esclusivamente solo locale. Fortunatamente nella versione Nintendo Switch da noi testata non abbiamo riscontrato grandi problemi, anzi la giocabilità è molto piacevole sia in modalità portatile, che con la console su dock. I comandi sono semplici e reattivi, non è presente alcuna funzione touch su Cars 3: In corsa per la Vittoria. Ad appagare la giocabilità vi è una difficoltà non proprio leggera, anzi, certe volte i nemici ci lasceranno uno stacco di distanza abbastanza elevate, certe vole risulta quasi impossibile raggiungerli e conquistare così almeno uno dei posti del podio. Qualunque auto sceglieremo avremo diverse possibilità di comandi, ovvero, con un tasto potremo derapare in qualunque momento pure se non è presente una curva; questo è dovuta a una mancanza di fisica dell’auto, ma che non stona trattandosi di un titolo cartonesco, invece a nostra difesa contro gli avversari durante le gare avremo gli spintoni a destra e sinistra, che ci permettono di buttare fuori tracciato i nostri temerari avversari che tentano di superarci.

cars2

Come nel film!

La componente audio è ottima, specialmente perché i personaggi sono doppiati dal cast del film, rendendo così piacevole l’ascolto come nella pellicola. Anche le tracce che avremo modo di sentire lungo le nostre gare o nei menù non sono affatto male, magari non proprio varie, ma almeno non stonano con il contesto. A livello grafico non fa miracoli Cars 3: In gara per la vittoria, ma alla fine dei conti ne ripaga di una stabilità ottima come framerate. Tutto sommato si tratta di un esperienza piacevole quella che è riuscita a costruire Avalanche Software, anche se principalmente è una tipologia di gioco che è consigliato a una famiglia o a un pubblico più giovane, in estremis a chi è proprio amante delle vicende di Saetta McQueen. Il nostro principale consiglio è quello di giocarlo su Nintendo Switch – sempre se la possedete – trattandosi di un titolo piacevole da giocare sia in giro o stesi magari comodo in un divano.

cars3

Commento Finale

In conclusione non è affatto male l’esperimento di Avalanche Software, riesce nel suo obiettivo anche se dispiace un po’ per la mancanza di una narrazione di sotto fondo che poteva alimentare la longevità del gioco e colmare così la ripetitività che si viene a creare a lungo andare tra un evento e l’altro. Come abbiamo già detto, graficamente non fa miracoli, ma l’impatto visivo tutto sommato è piacevole ed accompagnato dal doppiaggio originale della pellicola si riesce a chiudere un occhio sul primo elemento. Tirando le somme possiamo dire che a noi ha convinto, si tratta di un prodotto perfettamente pacchettizzato per un pubblico giovane che sentiamo di consigliare, specialmente se amate le vicende della sgargiante vettura rossa di Saetta McQueen.

Cars 3: In Gara per la Vittoria
Divertente da giocare ma...Doppiatori originaliAlcuni eventi risultano molto interessanti
...dopo qualche ora si sente il peso della mancanza di una modalità storia
7.5Voto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: