Gates of Nowhere – Provato

Quest’anno si è svolta la prima edizione del Gamerome, un nuovissimo evento tutto italiano a tema videoludico. La fiera si è svolta nella capitale, più precisamente nella location di Parco Leonardo e ha dato modo a tanti sviluppatori di farsi notare, visto che era stata messa a disposizione un’intera area per la prova di diversi titoli indie. (A breve un reportage per esteso dell’evento)

Gates of Nowhere è stato probabilmente il titolo più interessante fra tutti quelli presenti. Il gioco, sviluppato dal team italiano Symmetrical,  è pensato per la realtà virtuale ed infatti la demo è stata giocata con il visore HTC Vive.

Il gioco, che sfrutta l’Unreal Engine 4, è un action RPG dall’atmosfera cupa e tenebrosa, che ci mette nei panni di un anonimo protagonista bloccato dentro a delle segrete.

Appena messo il visore, la sensazione di essere trasportati all’interno di un altro mondo è molto forte, vista anche la precisione pressoché perfetta del visore e dei controller nel replicare i nostri movimenti nella realtà. Per ovviare al problema dello spazio disponibile per muoversi, gli sviluppatori hanno inserito un furbo espediente: il nostro protagonista potrà teletrasportarsi per brevi distanze, facilitando così l’esplorazione. Il gioco non ci darà nessuna informazione su quello che dovremo fare, ma lascerà al giocatore scoprire tutto ciò che lo circonda. All’inizio della partita, ci troveremo dentro una cella buia ed il nostro obiettivo sarà quello di iniziare ad esplorare queste segrete per scoprire come fuggire.

gon-pics-01

Tutta l’ambientazione che ci circonda è curata e riesce a dare il giusto senso di inquietudine, visto che ci troveremo in stanze con poca luce, cadaveri e chiazze di sangue sul pavimento, con mostri pronti ad attaccarci. A tutto questo si aggiunge la sensazione di chiuso, quasi claustrofobica, che si viene a creare in certi momenti.  Le prime armi che troveremo saranno una classica coppia di spada e scudo, che potremo maneggiare a nostro piacimento grazie all’ottima sensibilità dei controller HTC. L’altra arma disponibile in questa demo era un arco, da notare che, passando la freccia da scagliare su una fiamma, era possibile infiammarne la punta e questo è uno dei tanti dettagli inseriti dagli sviluppatori. Tutto l’equipaggiamento funziona perfettamente, senza intoppi e in modo molto intuitivo. Il cuore del gameplay è proprio questo: esplorare questo inquietante mondo, combattendo i mostri che ci si pareranno davanti per sopravvivere. Semplice, ma altamente immersivo, al punto da dimenticarsi di essere all’interno di un gioco. Tanto è vero che, quando qualche nemico ci correrà addosso per attaccarci, magari maneggiando uno spadone, ci si spaventa quasi come se fosse reale. In altri momenti ci troveremo a doverci abbassare fisicamente per passare sotto a degli ostacoli, in altri ancora ci sembrerà davvero di dover magari salire su delle scale e così via.

web_gon_splash

Anche gli effetti delle luci e delle ombre sono molto curati, così come i modelli dei nemici, anch’essi disegnati con cura e precisione. L’unica nota negativa che può essere segnalata per ora, è la scarsa intelligenza dei nemici, che si limiteranno ad attaccarci uno alla volta, ma il gioco è ancora in fase pre-alpha e siamo sicuri che l’IA sarà migliorata. Durante tutta la breve demo che ho potuto giocare, non ci sono mai stati momenti noiosi o troppo lenti, il gioco scorre bene, è fluido e non ha cali di framerate, ma sopratutto, non c’è stato nessun segnale di motion sickness.

Siamo sicuri che per ora, Gates of Nowhere è tra i titoli in uscita più interessanti e più promettenti per la realtà virtuale, di conseguenza non vediamo l’ora di poter vedere altro materiale del gioco. Visto che tutto quello che abbiamo potuto vedere fin ora, è solamente una parte dell’intero progetto. A breve sarà disponibile una prima versione del titolo su Steam, ed è in programma anche una versione per l’Oculus Rift.

Vi lasciamo qui il primo trailer del gioco

Link al sito ufficiale del gioco: http://www.gatesofnowhere.com/

Link al sito degli sviluppatori: http://www.symmetricalvr.com/

Continuate a seguirci per altri aggiornamenti su Gates Of Nowhere.

Avatar

Classe ’98, appassionato fin da piccolo da videogiochi e tecnologia, laureato in informatica presso l’Università degli Studi di Camerino. Amante della DC Comics e del cinema.

Leave a Reply