FeaturedSpeciali

GameRome – Le nostre impressioni sulla prima edizione dell’evento

Quest’anno si è svolta la prima edizione della GameRome, un nuovissimo evento a tema videoludico nella nostra capitale, organizzato dall’associazione Vigamus. La fiera, svoltasi nella location di Parco Leonardo, è sicuramente una grandissima novità per il panorama videoludico italiano. Questa prima edizione, ci ha stupiti in positivo ed ha messo una solida base per le ricorrenze future dell’evento. Parco Leonardo dal 10 al 13 Novembre di quest’anno, si è trasformato in un vero e proprio parco a tema del videogioco, con tante attività da fare e tante cose da vedere, fra cui: contest, cosplayers, tornei, flash mob, maratone di film, raduni ufficiali e postazioni da gioco.

Tanti anche gli sponsor di questa prima edizione, tra di loro troviamo nomi come Crytek, Storm in a Teacup, InnoGames, Rortos e Streamline Studios. Ma il vero punto di forza dell’evento è stato gli ospiti, grandi nomi dell’industria videoludica hanno partecipato a questa prima edizione, dando così modo alla Gamerome, di avere una sua unicità nel panorama degli eventi di questo genere. Un opportunità unica per poter incontrare di persona: Tomonobu Itagaki, autore delle saghe di Ninja Gaiden e Dead or Alive, Denis Dyack, direttore di Eternal Darkness, Martin O’ Donnel, compositore delle colonne sonore di Halo e Destiny, Tim Willits, studio director di Id Software e per finire Robert Krakoff, attuale presidente di Razer.

15094949_565833503620705_4642053706678352228_n
Gli ospiti di quest’edizione, a partire da sinistra: Tomonobu Itagaki, Denis Dyack, Robert Krakoff, Martin O’Donnel, Tim Willits

La GameRome, è stata suddivisa in diverse sezioni, ognuna di esse con i propri eventi. L’IndiePalace, ospitava tanti sviluppatori indie che davano la possibilità di provare i loro giochi, tante erano le postazioni di prova, tra cui anche due di esse per provare il visore per la realtà virtuale HTC VIVE. Sicuramente i giochi che ci hanno colpito di più sono stati Gates of Nowhere, e Die Young, ma anche tutti gli altri titoli erano altrettanto validi. Ho apprezzato particolarmente quest’area dell’evento, che ha dato voce a tanti sviluppatori italiani, ha dato modo loro di farsi conoscere e di promuovere i loro giochi. Provare tutti quei nuovi titoli, è stata sicuramente una delle cose più divertenti che ho potuto fare durante la GameRome.

Denis Dyack prova Gates of Nowhere all'IndiePalace
Denis Dyack prova Gates of Nowhere all’IndiePalace

L’UCI cinemas di Parco Leonardo, è stato invece sfruttato per alcune conferenze, per la Marty O’Donnell live experience, e infine per la cerimonia di premiazione che si è svolta Sabato sera (a cui purtroppo non sono riuscito a partecipare). La Marty O’Donnell live experience, a cui ho potuto con mio entusiasmo assistere, è stato uno dei momenti più belli in assoluto dell’intera fiera. Martin, ha messo su uno show, che era a metà tra un racconto della sua carriera nel mondo dei videogiochi e un concerto live. Martin ha raccontato di come è nata la colonna sonora del primo Halo, ha raccontato aneddoti, esperienze, ha spiegato quali sono i suoi modi per trovare l’ispirazione per comporre e tanto altro, il tutto, intervallato da alcuni dei suoi pezzi più famosi eseguiti live su pianoforte.

Martin O'Donnell si esibisce live
Martin O’Donnell si esibisce live

Sul palco che è stato montato all’esterno del centro commerciale, si sono esibiti diversi cosplayer, gli Youtuber CiccoGamer89 e MarcusKronMC hanno fatto i loro interventi ed è stato sfruttato inoltre, come vetrina per le interviste agli ospiti. Ho potuto assistere all’intervista che è stata fatta ad Itakagi, che una volta sceso dal palco, si è rivelato disponibilissimo a fare foto e firme con tutti i fan presenti . Ho trovato interessantissima e molto apprezzabile l’idea di intervistare in live gli ospiti, che sono stati la vera anima dell’evento e hanno dato la giusta marcia in più alla GameRome.

La gamestreet, era un area che è stata invece sfruttata per delle lezioni della Lightsaber Combat Academy, una vera e propria scuola per imparare a combattere con spade laser. Inoltre,qui si sono svolti i vari raduni e i diversi flash mob.

I ragazzi della Lightsaber Combat Academy
I ragazzi della Lightsaber Combat Academy

E per finire, all’interno del centro commerciale vero e proprio, erano presenti diversi stand che vendevano fumetti, videogiochi, magliette, gadget e tanti altri oggetti a tema videoludico.

In conclusione, la GameRome si è rivelata qualcosa di diverso, di unico e nuovo in Italia. Questa prima edizione è stata piena di eventi, piena di cose da fare, ma sopratutto ben organizzata e ordinata.

Crediamo che questo primo anno, sia solo l’inizio di quello che probabilmente sarà un percorso tutto in crescita per questa fiera, che ha tutte le carte in regola per diventare un punto di riferimento anche internazionale per gli appassionati. Contiamo di poterci tornare l’anno prossimo, con ancora più voglia e più curiosità di scoprire quali saranno le novità che l’evento ci proporrà nella prossima edizione.

Link al sito ufficiale GameRome: http://gamerome.com/

Mattia Incoronato

Classe '98, appassionato fin da piccolo da videogiochi e tecnologia, laureato in informatica presso l'Università degli Studi di Camerino. Amante della DC Comics e del cinema.

Lascia un commento

Close