Fate/Zero – Anteprima

Quando si parla di saghe complesse non può che pensare alla serie Fate, nata dal genio di Type-Moon attraverso le Visual Novel. Questo è il prequel che ricopre un ruolo importante nella serie, visto che vengono svelati alcuni misteri che Fate/Stay Night ha lasciato un po’ in sordina lungo il suo corso narrativo, specialmente per quanto riguarda il padre di Emiya Shirou, ovvero, Kiritsugu Emiya, che ha adottato il giovane Shirou dopo una presunta guerra del Santo Graal. Il ruolo che quindi ricopre Fate/Zero è importante, gli avvenimenti che si svolgono in questo prequel sono più di quel che si possa immaginare, non solo per chiarire certi dubbi rimasti in sospesi, ma anche a far luce su diversi aspetti che prima risultavano molto vaghi e non completamente chiari. In Italia è attualmente in pubblicazione grazie all’Editore Edizioni Star Comics, che sta compiendo un ottimo lavoro su questa serie, sia come traduzioni che come qualità del volume.

Si ringrazia Edizioni Star Comics per averci messo a disposizione i volumi del manga in modo da poterli analizzare

MMOST001_0Titolo: Fate/Zero
Editore IT: Edizioni Star Comics
Autore: Type-Moon
Volumi: 12 (In Corso)
Prezzo: 4,30€ (Cad.uno)

 

 

 

 

Guerra del Santo Graal

Gli eventi quindi narrati in questo manga sono quelli della quarta guerra per il Santo Graal, che vede protagonista molte famiglie note a chi ha seguito le vicende di Fate/Stay Night. Come sempre, l’unico obiettivo è quello di contendersi la sacra reliquia, per poter quindi chiedere a quest’ultima di esaudire il proprio desiderio. Lo scontro di questa guerra è tra maghi, a questi vi sono i Servant, delle creature leggendarie che vengono invocate da diverse epoche dalla coppa sacra, ognuno di questi appartiene a una classe di combattimento. La storia di Fate/Zero va oltre la classica guerra, visto che tra i partecipanti vi è un Killer dei maghi, Kiritsugu Emiya, arruolato dalla famiglia Einzbern per poter conquistare al loro posto il sacro Graal, visto che i membri della famiglia Eizbern non ci sono riusciti per ben tre guerre di fila.

La tattica di Kiritsugu va aldilà della normale routine di un mago, visto che lui usa diverse bocche da fuoco nei suoi scontri, cosa che non fanno i suoi contendenti. Il buon killer di maghi studia anche i suoi avversari, primis fra tutti Kotomine Kirei, un prete che desta tanto sospetto a Emiya. Ad accompagnare il nostro fidato protagonista vi è Saber, anche conosciuta nella leggenda come Artoria Pendragon. Ciò che differenzia Kiritsugu da Shirou è il modus operandi, nonostante entrambi vogliono salvare qualcuno, il padre rispetto al figlio non si fa scrupolo di “uccidere qualcuno per salvarne molti” o almeno questa è la sua filosofia di vita nel voler essere un eroe del mondo, cosa inversa per Shirou, che non vuole ferire nessuno ma vuole comunque salvare tutti. I personaggi di Fate/Zero sono assai complessi, hanno una mentalità molto ben più studiata di quella di Stay Night e per certi versi, la trama è molto più cruenta e cruda, specialmente nelle fasi di combattimento contro Caster.

FateZeroScreen1

Narrazione e traduzione impeccabili

Ogni evento di questo arco narrativo è ben spiegato, senza mai tralasciare alcun dettaglio. La cosa che va assolutamente lodata è come la storia si evolve, in un continuo crescendo di colpi di scena imprevedibili che lasciano sempre di stucco. Il rapporto tra i personaggi è molto importante in questo capitolo, basti vedere l’evoluzione tra Saber e Kiritsugu o quella di Rider e il suo master. Ad assistere il comparto narrativo vi è il disegno, ben curato nei personaggi principali come Saber o Irisviel von Einzbern, il tutto ornato da degli sfondi molto evocativi, alcuni macabri ma ben progettati. Se dobbiamo trovare un difetto a quest’opera, risiede nella sua complessità, la storia è molto particolare e originale, richiede spesso una concentrazione maggiore da parte del lettore per poterne capire il meccanismo, specialmente nelle prime fasi della guerra, quindi si tratta di una lettura non adatta a tutti i lettori. Bisogna anche lodare il lavoro svolto da Edizioni Star Comics che ha mantenuto il più fedele possibile la traduzione all’opera originale, lasciando immutati certi termini, cosa molto gradita da tutti i fan della serie. Il materiale del singolo volume è lodevole, molto compatto e con la carta di ottima qualità, facilmente sfogliabile e mette in risalto le magnifiche tavole di Fate/Zero. Noi in primis ci siamo innamorati degli artwork dei volumi, non disegnati a caso visto che ogni personaggio della cover ha sempre che vedere con un elemento chiave nel volume protagonista.

FateZeroScreen2

Commento Finale

Che altro dire? Questi primi dodici volumi di Fate/Zero c’hanno convinto appieno, siamo felici che l’opera cartacea sappia mostrare i muscoli di una serie assai complessa. La trama viene narrata in una maniera maniacale, con ogni singolo avvenimento spiegato nel dettaglio, specialmente per quanto riguarda le fasi iniziali e i rituali della guerra. Il disegno, come abbiamo già detto nell’articolo è ben curato, personaggi visivamente piacevoli e ambientazioni che risaltano all’occhio. Noi ci sentiamo assolutamente in dovere di consigliare quest’opera, specialmente se avete gradito Fate/Stay Night, qui siamo difronte a un opera che difficilmente si saprà dimenticare, dal nostro canto, non vediamo l’ora di vedere come andrà a finire.

Amante delle opera di nicchia e delle belle OST. Appassionato instancabile di molte cose, ma tra le tante spiccano il cinema e la fotografia.

Leave a Reply