ERASED Vol. 9 – Recensione

Ne avevamo già parlato ampiamente in un altro articolo di Erased, dove abbiamo analizzato tutti gli otto volumi che compongono l’opera di Kei Sanbe. Oggi ci ritroviamo nuovamente a parlarne per un motivo importante: un volume extra, prodotto dall’autore per spiegare diverse sub-story ed approfondire gli altri protagonisti delle vicende che hanno composto quello che è Erased. Il volume in terra natia è intitolato Boku dake ga inai machi: Re, mentre da noi ha mantenuto sempre il titolo originale come in terra nipponica, ma senza il suffisso Re, adattando il volume con la numerazione, diventando così il volume nove dell’opera. In tutto e per tutto si tratta di uno spin-off molto gradito, ma per certi versi potrebbe essere obbligatorio il suo acquisto e vi spieghiamo il perché.

Un ringraziamento speciale all’editore Edizioni Star Comics per averci fornito i volumi per questa recensione.

Low1Titolo: Erased Vol. 9
Editore IT: Edizioni Star Comics
Autori: Kei Sanbe
Volumi: Volume Singolo (Numerato 9)
Prezzo: 5,90€

 

 

 

 


Gli Eroi

scan3

La storia si incentra, come poc’anzi anticipato, sui quattro protagonisti cardine che hanno aiutato Satoru Fujinuma durante il suo lungo travagliato viaggio verso la giustizia. I personaggi verranno approfonditi uno per uno, non solo di quello che è successo durante il coma del protagonista, ma anche di ciò che hanno provato lungo la lotta. La cosa che c’ha colpito moltissimo è come possano emergere dei dettagli e delle personalità che normalmente non avremmo mai pensato di collegare a determinati personaggi. Il volume nove si prefissa l’obiettivo di far ragionare pure al lettore, dando una lezione importante che possa riversarsi anche sulla vita odierna.

scan1

Il Sapore delle forti emozioni

Il messaggio di fondo di Kei Sanbe è quello di non arrendersi mai difronte alle ingiustizie che la vita ci pone, specialmente quando siamo davanti a delle persone che soffrono e noi possiamo far qualcosa per aiutarle. E’ sicuramente una lezione importante e viene “impartita” da personaggi come Kenya che spinti dalla volontà di Satoru combattono queste ingiustizie. Vi chiederete il perché dovrebbe essere obbligatorio l’acquisto di questo volume, beh, primo fra tutti perché grazie al suddetto tankobon è possibile creare un quadro generale degli eventi senza lasciare così traccia di dubbi, inoltre, la conoscenza della parte psicologica di ogni protagonista si collega a diversi eventi all’interno della storia.

scan4

Trattandosi di uno Spin-off è facile pensare che possa esserci dietro un altro autore, ma fortunatamente così non è in questo caso. A dirigere l’opera c’è sempre Kei Sanbe, che con il suo tratto delicato e leggero riesce nuovamente ad emozionare ed a strappare qualche lacrima. Una delle cose più belle che riesce a fare l’autore, oltre la storia ben diretta, sono gli sfondi che compongono l’intero volume, degli scorci mozzafiato che rimangono impressi dentro al cuore e fa sì che Erased non venga mai dimenticato. L’Artwork della copertina è molto suggestivo, può essere inoltre interpretato in tanti modi, ma esteticamente è sublime. Come gli altri Tankobon, anche questo è provvisto di una sovracopertina che una volta sfilata, mostrerà un artwork in bozza.

scan2

scan5

Edizione Italiana e Commento Finale

La traduzione italiana come nei volumi precedenti è a cura di Edizioni Star Comics, che è riuscita di nuovo nel suo intento. Grazie all’editore perugino abbiamo avuto modo sia noi che voi, di goderci un opera di altissima fattura, il cui valore è prezioso vista la trama molto delicata e che impartisce delle lezioni di vita importanti, una morale che dovrebbe essere sempre ricordata da ogni individuo.

Il volume è promosso, l’acquisto è assolutamente obbligatorio per chi ha già amato la serie “canonica”. Le singole sub-story valgono il prezzo a cui viene venduto, inoltre arricchisce il quadro generale di una storia che ha già saputo donare tantissime forti emozioni.

 

 

Amante delle opera di nicchia e delle belle OST. Appassionato instancabile di molte cose, ma tra le tante spiccano il cinema e la fotografia.

Leave a Reply