Klim Wind – Recensione

La base di raffreddamento di un Computer è importante, specialmente se si fa un utilizzo per parecchie ore consecutivamente. Solitamente vengono acquistati da parte di videogiocatori, che tendono maggiormente a sfruttare appieno le potenzialità dei propri laptop, portandoli ad uno stress maggiore e provocando un elevato riscaldamento, che se non monitorato può anche causare dei danni irrimediabili. A dar manforte arriva le basi di raffreddamento, come quello che Klim propone con il suo Wind. Il Wind permette di evitare surriscaldamenti della GPU o la CPU.

klimw1

Come dicevamo in prefazione, il surriscaldamento è il nemico numero uno di ogni notebook, perché porta a deteriorare facilmente i componenti più importanti che ne compongono l’infrastruttura. Al primo impatto è possibile notare quanto il Wind sia compatta come base di raffreddamento, abbiamo una parte di contorno di plastica ed una griglia in metallo che separa le ventole dal Computer. A renderla stabile vi sono dei piedini, in modo da posizionare il nostro PC con un’angolatura dinamica e comoda per l’utilizzo. Lo scatolo del prodotto si presenta molto professionale e ben realizzato, stuzzicando gli amanti delle belle confezioni.

Qualitativamente parlando siamo ad ottimi livelli, specialmente perché il tutto è molto robusto, inoltre i piedini non si muovono minimamente una volta poggiati sul tavolo, oltre che aver con sé dei gommini per evitare di graffiare la superficie dove poggeremo il nostro amato compagno d’avventure. Le ventole sono quattro, due sopra e due sotto, la cui dimensione di aggira intorno 120x15mm, stando alle indicazioni riportati sulla scheda tecnica. L’attivazione delle ventole è semplice, è presente una rotellina simile a quella del volume che attiverà la coppia di ventole che decideremo di utilizzare. La cosa positiva di questa base di raffreddamento è che possiamo decidere se utilizzare tutte e quattro le ventole, o solo due per evitare un eccessivo rumore.

Klimw2

Le ventole si alimentano tramite il cavo usb, ma non preoccupatevi, fortunatamente anche se uno degli slot viene occupato dalla base di raffreddamento, quest’ultimo è possibile recuperarlo grazie ad un hub usb situato dietro al prodotto, in modo da non perdere alcun slot per colpa del Klim Wind.  Il prezzo al quale viene venduto è abbastanza basso se considerata la sua qualità,  il nostro test è andato sicuramente a buon fine, più che altro abbiamo notato che la temperatura durante le sessioni di gioco erano veramente basse, se confrontate a quelle senza l’aiuto del Klim Wind. Altra prova che abbiamo fatto è stata renderizzare dei video con Sony Vegas, dalla durata circa di cinque – dieci minut; anche qui il prodotto si è comportato bene, ha mantenuto piuttosto regolare la temperatura del nostro notebook.

klimw3

Concludendo, possiamo sicuramente dirvi che il Klim Wind è promosso appieno, non solo c’ha soddisfatto, ma ha superato anche le nostre aspettative. Se dobbiamo proprio trovare un difetto a questo device, diremo che è sicuramente la troppa rumorosità di quando si hanno tutte e quattro le ventole accese, creando qualche disagio per chi usa il Notebook la notte e non vuole creare molto baccano all’interno della propria stanza. In sostanza, il prodotto è ottimo, viene venduto ad un prezzo competitivo ed accessibile a tutti, se cercate una soluzione al riscaldamento questo è quello che fa per voi.

Link Amazon

Amante delle opera di nicchia e delle belle OST. Appassionato instancabile di molte cose, ma tra le tante spiccano il cinema e la fotografia.

Leave a Reply