FeaturedRecensioniVideogames

Rocket League (Nintendo Switch) – Recensione

È stata indubbiamente una delle sorprese degli ultimi anni, anche se forse è ingiusto definirlo tale, visto il suo potenziale era lampante sin da subito. Stiamo parlando di Rocket League, un titolo che è stato in grado, oltre a riuscirci tuttora, di avvicinare a se una schiera di utenti numericamente elevatissima, grazie al suo essere immediato, divertente, approfondibile come livello di abilità e soprattutto: competitivo. Proprio il suo esserlo ha permesso una maggiore popolarità tra il pubblico degli e-Sports, mostrando su schermo uno spettacolo eccezionale, in grado di intrattenere ed invogliare chiunque a provarci.

Nato su Playstation 4, per poi arrivare su PC ed Xbox One, ora approda anche su Nintendo Switch, per la gioia di tanti, rappresentando uno dei titoli portabili per eccellenza, viste le sue partite rapide e divertenti, adattandosi perfettamente con la natura della console.

Questo porting sarà stato di qualità? Scopriamolo!

Dal grande al piccolo schermo

Il punto focale di tutto è la trasposizione da console fissa a “portatile”, queste virgolette sono per la natura ibrida della console, tale da rendere impossibile una classificazione univoca. Consentendoci di giocarlo in qualsiasi momento ed ovunque, che sia in casa, oppure fuori in un momento di noia che possiamo letteralmente distruggere grazie a Rocket League, un titolo che si conferma assolutamente divertente anche in questa nuova veste.

A nostro giudizio il tutto è stato effettuato con estrema cura, senza tralasciare nessun aspetto e senza perdere la fluidità, che risulta essere fondamentale in un titolo simile, anche se è naturale, come discuteremo in seguito, una perdita di qualità visto la risoluzione minore con il quale è possibile giocarlo, ma non riesce minimamente a rovinare quella che è l’esperienza di gioco.

Infine ci si chiede quali siano le novità, se mai ci fossero. Possiamo affermare che le modalità di gioco, gameplay e via discorrendo sono rimasti invariati, anche per consentire un cross-play con gli utenti PC e Xbox One, avendo come extra solamente delle macchine esclusive come quella di Super Mario e Metroid, molto belle da vedere e dettagliate, arricchite da un sonoro personalizzato a seconda dell’azione che eseguiremo. Una nota che ci ha parzialmente deluso è la presenza dei contenuti a pagamento separati dal gioco, essendo una “nuova uscita” ci aspettavamo che per invogliare l’acquisto venissero inclusi tutti i DLC usciti nel corso degli anni, ma non è stato così; anche se è parzialmente da comprendere visto il prezzo di lancio (19.98€).

nswitchds_rocketleague_02

Tante modalità e divertimento

Rocket League è giocabile online, offline, da soli o con amici, da modalità classiche alle più disparate, rendendolo sempre vario e divertente in qualsiasi salsa. Questo è il suo punto di forza, l’estrema versatilità con il quale può regalare sorrisi ed intrattenere, adattandosi di conseguenza alla perfezione con la natura ibrida della console, come discusso pocanzi, potendo, qualora siamo fuori casa senza un wi-fi utilizzabile, di giocare offline divertendoci ugualmente.

Inoltre il concept del gioco lo rende di per se competitivo, con l’accecante voglia di vincere ogni “contrasto” sul pallone, ogni partita, segnare il più possibile e prenderne nessuno. È possibile sfogare questa foga nelle partite competitive online, per scalare le leghe messe a disposizione e vincere ogni tot partite dei premi, che consistono in auto, decalcomanie, antenne o accessori, per rendere i nostri veicoli più personalizzati ed unici possibile.

Al momento della recensione abbiamo a lungo provato e ci siamo soffermati sul comparto multiplayer, per testare l’efficienza dei server, oltre che alla qualità del cross-play, rimanendone assai soddisfatti, come nella sua versione precedentemente uscita, anche se attendiamo speranzosi di poter giocare in un prossimo futuro anche con i giocatori PlayStation 4.

nswitchds_rocketleague_03

Minor risoluzione, ma fluidità alle stelle

Come accennato, il porting ha portato un abbassamento della resa grafica, inevitabile visto che non è possibile competere con l’hardware di PlayStation 4 o Xbox One, ma non lede all’esperienza di gioco, questo perché il frame rate rimane stabile e godibile in ogni suo frangente. In un gioco di questo tipo è l’aspetto fondamentale da considerare, più dell’aliasing meno marcato o delle texture più pulite, con l’assenza di fluidità si avrebbe perso completamente quello che è l’animo del gioco, ossia il suo essere frenetico e spettacolare, divertente ed emozionante, con continui ribaltamenti di fronte ed esplosioni.

nswitchds_rocketleague_01_mediaplayer_large

In conclusione

Siamo alle battute finali, secondo noi Rocket League è un titolo straordinario in ogni sua veste, in grado di divertire chiunque, da chi cerca un gioco per rilassarsi in modo casual, a chi invece cerca la competitività e vuole una piattaforma da studiare, oltre che approfondire per carpirne tutte le meccaniche. Come già detto, il suo punto di forza è la versatilità con il quale può essere vissuto e si sposa con la console di casa Nintendo, anche lei simbolo di versatilità con la sua struttura ibrida. Assieme hanno creato un connubio ideale, esattamente ciò che ci aspettavamo e soprattutto un titolo che Switch aveva bisogno di annoverare tra le proprie fila, specialmente visto che siamo al suo primo anno di vita era importante accaparrarsi un potenziale campione di vendite e siamo sicuri sarà così nei prossimi mesi. Per cui, se siete possessori di Nintendo Switch e cercate un titolo divertente, dovete assolutamente acquistare Rocket League, visto che è capace di intrattenervi per una miriade di ore ad un prezzo irrisorio.

Tags
Vedi altro

Emanuele Cevoli

Amante di videogiochi e non solo, tutto quello che è informatico attira la sua attenzione, ma anche Anime e Manga non sono da meno. Sin da piccolo è abituato a giocare un po' di tutto, ma gli action-adventure la fanno da padrone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close