Eccoci nuovamente dopo tanto tempo a parlare di un nuovo titolo in accesso anticipato per la piattaforma Steam. Questa volta è il turno del tanto acclamato They Are Billions, nuovo RTS survival che è riuscito in poco tempo ad avere un seguito decisamente interessante su tutte le piattaforme sulle quali è stato mostrati, Twitch in primis. Per chi ancora non lo conoscesse, il titolo di Numantian Games ricalca lo stile dei classici RTS, quali per esempio Age of Empires, mettendoci qualcosa di suo, ossia una struttura survival in cui si dovrà resistere ad ondate incessanti di zombie, vogliosi di distruggere qualsiasi cosa gli si pari davanti al proprio cammino.

Questo ritorno ad un genere che sembrava a tratti quasi scomparso, avrà avuto i suoi frutti?

TheyAreBillions2

Al momento ricordiamo nuovamente che il titolo è in accesso anticipato su Steam, per cui non vi sono presenti varie modalità se non la classica survival divisa per giorni, rappresentanti la difficoltà del gioco, che si assesta su un livello abbastanza alto, specialmente per chi non è esperto di titoli del genere, ove la strategia regna sovrana. Più il quantitativo di giorni sarà basso, più alta sarà la difficoltà, dato che le ondate di Zombie saranno più frequenti ed importanti, partendo da un minimo di 80 ad un massimo di 150 giorni utilizzabili come “clock” prima del termine della partita.

Come accennato, la struttura di gioco è in tutto e per tutto un survival, in cui partiremo soltanto con un quartier generale, assieme ad un esiguo numero di mercenari, per salvarci dalle prime ondate e raccattare quante più risorse possibile nelle prime fasi di gioco.

Da qui comincia la nostra strenua resistenza, costruendo casolari per i lavoratori, campi per coltivare, estrattori vari e via discorrendo, per raccogliere risorse, energia ed ergere un campo base di tutto rispetto, tramite la ricerca di tecnologie per sistemi di difesa all’avanguardia, oltre a guerrieri capaci di distruggere qualsiasi cosa si muova.

TheyAreBillions6

Un aspetto che può destabilizzare il nostro scontro sin dalle prime fasi è la componente randomica, dato che nelle mappe presenti, non rinasceremo mai nello stesso punto, portandoci spesso a riavviare la partita qualora ci ritrovassimo alle porte della città dei non morti, assieme alle risorse presenti nei dintorni. Proprio per questo ed i motivi spiegati in precedenza, possiamo riassumere They Are Billions in una corsa alla sopravvivenza, ove ogni mossa iniziale dovrà essere ottimizzata per avere una crescita veloce ed efficace, in modo da sopravvivere a lungo andare.

Per questo motivo spesso ci capiterà di percepire di non avere sempre il pieno controllo della situazione e che solo un determinato ordine di costruzione può portarci alla vittoria, dato il tempo tiranno e le invasione scriptate ad un certo intervallo di tempo, senza dimenticarci dello spazio di costruzione limitato, visto la presenza di rocce, foreste e laghi.

TheyAreBillions5

Le unità a nostra disposizione sono molteplici, tutte o quasi da scoprire e si adattano completamente al nostro stile di gioco e non solo, dato che anche il nostro livello di sviluppo e risorse sarà fondamentale per capire cosa potremo o no usare, considerando il fatto che alcune unità ottenibili nelle fasi finali di gioco richiedono un quantitativo energetico e di risorse decisamente importante, dando però il loro apporto contro il grande esercito alle porte. Proprio parlando di nemici possiamo notare un discreto varietà, obbligandoci ad organizzarci al meglio per affrontare ogni situazione al meglio, dagli zombie lenti e goffi, a quello in ottime condizioni che tendono a correre improvvisamente, fino ad arpie volanti e non solo, comportandosi come una marea inarrestabile, senza tattica, ma solo costante pressione e distruzione.

TheyAreBillions3

Tecnicamente parlando, siamo davanti ad un buon titolo, sicuramente non perfetto, ma l’atmosfera “cyberpunk” rende e riesce a fare la differenza, facendolo risaltare sulla massa per la cura dei particolari, con ambientazioni molto semplici, ma ben curate ed una visione d’insieme, se non prendi singolarmente, che riesce a dire la sua. Sfortunatamente ancora l’ottimizzazione deve dire la sua, sicuramente per l’essere in accesso anticipato, dato che alcune ondate di zombie potrebbero mettere in difficoltà qualsiasi setup hardware, rendendo decisamente confusionario e complesso combattere al meglio; è un aspetto che gli sviluppatori dovranno per forza di cose sistemare prima della release finale.

TheyAreBillions1

In conclusione

They Are Billions è un titolo molto particolare a cui non eravamo abituati ad avere a che fare da tantissimo tempo, specialmente per la sua forma RTS, resa grandiosa da titoli del calibro di Age of Empires e sembra che questo genere possa ritornare in auge nei prossimi anni, o almeno speriamo, il tutto unito al classico sistema survival che invece siamo decisamente abituati a vedere. Vi sono molti spunti interessanti, mentre altri da migliorare, ma essendo in un accesso anticipato, possiamo ritenerci soddisfatti, avendo fiducia che gli sviluppatori possano convertire il grande supporto che stanno ricevendo, in miglioramenti concreti, per regalarci un gioco che tanti amanti del genere attendevano, in grado di farci passare diverse ore impegnative e divertenti.

Vi ricordiamo nuovamente che il titolo è presente su Steam al prezzo di 20,69€.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: