Giusto poco tempo fa abbiamo analizzato nel dettaglio l’opera completa di Kuroko’s Basket, ultimo lavoro di Tadatoshi Fujimaki, uno Spokon molto interessante che è riuscito a soddisfarci quasi completamente. Quest’oggi siamo qui a vedere cosa il suo mini spin-off, Extra Game, è in grado di regalare, riunendo per un ultima volta tutta la Generazione dei Miracoli, per affrontare un team sulla carta stellare.

Siete pronti ad iniziare la prima metà della partita più attesa?

kuroko-1

Un nuovo avversario

Come accennato pocanzi, Extra Game è uno spin off di due volumi, dove la Generazione dei Miracoli verrà riunita un ultima volta, assieme alla presenza di alcune figure extra che si sono distinte nell’opera principale, per affrontare i Jabberwock, una squadra americana composta da grandissimi talenti con una struttura fisica fuori dal normale. Solo per questa volta vedremo tutti collaborare, con l’intento comune di abbattere un nemico molto pericoloso, in termini di abilità, spavaldo e sbruffone, mettendo tutti solo la bandiera dello schieramento “buono”.

Finalmente potremo vedere in azione due squadre fuori da ogni scala di abilità, con manovre spettacolari ed a tratti “inumane”, come siamo stati abituati nelle vicende della Winter Cup; uno scontro da non perdere per nessun motivo.

kuroko-3

Tanti stili di gioco differenti

Visto la struttura dello spin-off, pensiamo sia quasi insignificante parlare di trama, dato che si riassume nella sola partita, accompagnata da un breve prologo, dove possiamo constatare la sbruffonaggine del team americano, capace di definire “scimmie immeritevoli di giocare a basket” chiunque venga schiacciato dalle loro abilità, facendo infuriare Kuroko, dato che è un’ideologia che va brutalmente ad incocciare con quello che è il suo modo di vedere questo sport. Da qui si susseguiranno per qualche pagina degli scontri verbali e fisici, finendo per regolare tutto sul campo da gioco, dove tante stelle si daranno battaglia per regalare uno spettacolo mai visto.

Per quanto la partenza nel volume uno sia decisamente lenta, dato che contiene il pre-partita e il come tutto ha inizio, il secondo riesce a recuperare il “tempo perso”, regalandoci pagine ricche di costante azione e adrenalina. In queste è possibile constatare quanto lo strapotere Jabberwock sia incredibile, tale da risultare più di una volta in netta superiorità, obbligando i nostri eroi a utilizzare sin dalle battute iniziali tutte le loro carte per poterla spuntare.

Un punto negativo di come essa viene raccontata è racchiuso nel suo esito scontato, dove i protagonisti superano costantemente i loro limiti per soverchiare le sorti dell’incontro, lasciando in disparte uno dei poteri più interessanti visti nell’arco finale dell’opera principale, cosa che ci ha lasciati decisamente con l’amaro in bocca.

kuroko-2

Disegno sempre sul pezzo

Il disegno continua a colpire in ogni suo frangente, con momenti concitati in grado di catturare il lettore ed immergerlo nell’atmosfera; stesso discorso vale per i personaggi, ben definiti e caratterizzati, facendocelo definire già in passato come uno dei migliori Spokon sotto questo punto di vista. Anche in questo nuovo capitolo tutto viene confermato e le nostre attese, riguardo l’aspetto artistico, appagate, in attesa se anche la “trama” farà lo stesso. Star Comics continua a lavorare ad alti livelli, con una stampa di qualità ed una quantità di inchiostro sulle dita modesto, portando il volume in tutte le fumetterie ed edicole ad un prezzo realmente modesto, pari a 4.50€.

 

Kuroko’s Basket ci ha appassionato nella sua veste principale e riesce ad intrigarci pure in questa piccola parentesi, con una serie di azioni incredibili, anche se tutto sommato, per ovvi motivi, scontate. Quello che sta accadendo in Extra Game è un qualcosa di molto atteso dai fan, che tanto desideravano vedere la Generazione dei Miracoli all’azione assieme, al di fuori dei sporadici flashback in cui si vedevano solo giocate individuali, proprio per questo è un’opera dedicata a loro, che può essere letta a se stante, ma senza la “magia” che si ha quando i personaggio e le loro storie, oltre che caratteristiche, vengono esplorate nel dettaglio. In conclusione ci sentiamo di consigliare l’acquisto a coloro che hanno amato la serie, rimanendo un must per i fan di Kuroko e compagni. Attenzione però a non viaggiare con le aspettative, dato che, a nostro avviso, rappresenta un’opera eseguita solamente per fan-service, piuttosto che un progetto volto ad approfondire le vicende narrate in passato.

Kuroko's Basket: Extra Game - Recensione
Tutti gli eroi del manga in un'unica squadraMolto divertente da seguireDisegno sempre di qualitàAntagonisti di livello
Esito scontatoAndamento della partita visto e rivisto
8Voto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: