FeaturedRecensioni

Analisi dodicesimo episodio di Steins;Gate 0 – Mamma oca della mutua ricorsione

Analizziamo il dodicesimo episodio di Steins;Gate 0, adattamento animato dell’omonima Visual Novel. Volete un analisi di tipo diverso? Date un’occhiata a quelle scritte dai nostri amici di Open The Steins;Gate Italia.

Quanto riportato include alcuni spoiler sulla puntata, vi consigliamo quindi di leggere solo dopo la visione di quest’ultima.

Sinossi dodicesimo episodio di Steins;Gate 0

Nonostante la particolare conclusione della scorsa puntata, è rimasta aperta una questione che non abbiamo affrontato negli ultimi episodi. Kagari infatti non ha ancora riacquisito totalmente la memoria e rimangono poche tracce da seguire.

Ma in realtà un indizio lo abbiamo eccome! La misteriosa canzone canticchiata da Mayuri non è nuova alle orecchie di Kagari! Non appena ascolta la dolce melodia, cominciano a riaffiorare diversi ricordi nella sua mente, provocandole uno svenimento da stress emotivo. Dopo l’enorme preoccupazione di Mayuri, Daru, Okabe e Suzuha, questi ultimi due parlano ancora della possibilità di raggiungere lo Steins Gate.

dodicesimo episodio di Steins;Gate 0 - Suzuha ed Okabe

La scena infatti si è spostata sul tetto di Radio Kaikan dove assistiamo all‘ennesimo rifiuto di Okabe di fronte a Suzuha, che ha apertamente intuito il suo interesse nel fare recuperare la memoria a Kagari. Non resta altro da fare se non informarsi sull’origine di questa misteriosa canzone, chiedendo a Mayuri.

Purtroppo la soluzione non è così immediata, Mayuri dice di averla sentita cantare a Suzuha, che a sua volta l’ha imparata da sua madre Yuki nel futuro. La Yuki del presente, frequentando un corso di cucina, ha conosciuto una signora che era solita intonare il brano, complicando ancora di più questo gioco del telefono senza fili.

dodicesimo episodio di Steins;Gate 0 - Okabe con amici

Okabe chiama la misteriosa signora per scoprire che era proprio sua madre di cui si stava parlando, e che la canzone fosse in origine nata da Okabe in persona. Insieme a Mayuri e Kagari, decidono di andare presso il cimitero dove è sepolta la nonna di Mayuri per ridestare i ricordi di Okabe.

Ma a riavere la memoria non sarà Okabe, bensì Kagari, che dopo avere evitato un investimento frontale riesce a ricordare tutto sull’identità di sua madre.

dodicesimo episodio di Steins;Gate 0 - Okabe salva Kagari

Il potere della musica

Anche qui viene ripreso il tema della musica e della sua importanza nella vita quotidiana. Se avevamo esaminato il rapporto tra Kurisu e Maho usando Mozart, in questo caso possiamo usare la canzoncina come filo conduttore del rapporto tra Mayuri e Kagari.

dodicesimo episodio di Steins;Gate 0 - Mayuri

La povera orfana, rimasta senza alcuna fonte di sostegno, vede in Mayuri l’unica luce nella sua buia esistenza. La canzone crea un legame indissolubile ed un rinforzo psicologico che unisce madre e figlia adottiva, sicuramente uno dei migliori momenti di Steins;Gate 0.

Non possiamo tralasciare Suzuha, che ricorda la canzone da sua madre Yuki, che la canticchiava quando era ancora in vita. Insomma, una melodia lega diverse famiglie e può esprimere così tanto, ricordandoci quindi che la musica unisce le persone e solidifica i rapporti oltre lo spazio ed il tempo.

dodicesimo episodio di Steins;Gate 0 - Kagari riacquista la memoria

Kagari infine ricollega il tutto grazie al Flauto Magico di Mozart della radio, rischiando di essere investita nel mentre. Una volta ripresa, esterna subito la sua gioia riconoscendo Mayuri come sua madre.

Il dodicesimo episodio di Steins;Gate 0 esprime pienamente quanto questa serie sia legata a tematiche differenti rispetto a Steins;Gate, quali la musica ed anche altri elementi più occulti. I ricordi che riaffiorano dopo aver sentito determinati suoni arricchiscono la forma di narrazione usata con interessanti digressioni.

Parallelismi con il film Load Region of Déjà vu

Sebbene il film non sia propriamente considerabile canonico,troviamo un interessante riferimento ad esso. Quanto segue potrebbe spoilerarne un dettaglio, pertanto consigliamo di non proseguire con la lettura qualora non si fosse visto il film!

In questa puntata vediamo alla fine, dopo i titoli di coda, una scena con Okabe ragazzino e Kagari seduti su una panchina. Okabe ascolta per la prima volta la misteriosa canzone, che poi continuerà a essere trasmessa da persona a persona. In realtà l’origine non è proprio certa, visto che viene fatta molta confusione, ma possiamo affermare che non si tratta di un loop.

dodicesimo episodio di Steins,Gate 0 - Okabe e Kagari
Okabe incontra Kagari
dodicesimo episodio di Steins;Gate 0 - Fuka Ryouki no Deja Vu
Scena tratta dal film “Steins;Gate: Fuka Ryouki no Deja Vu”

Per quanto riguarda invece il film Load Region of Déjà vu, notiamo subito un parallelismo con la stessa scena, ma Kurisu sostituisce Kagari. Sarà proprio lei nello stesso giorno e luogo ad aiutare Okabe a creare la figura di Kyoma, lo scienziato pazzo.

Quest’ultima figura ha ricevuto anche un cenno durante la chiamata che avviene fra Okabe e sua madre, con un gioco di parole reso in italiano in maniera abbastanza originale. Molti aspettano il ritorno della figura dello scienziato pazzo, ed è abbastanza confortante che ne venga ricordata l’esistenza in un episodio del genere.

Purtroppo, il film sta in una zona grigia di Steins;Gate, visto che non solo è un’opera molto controversa, ma vi sono pure dubbi sulla sua canonicità.

Un’occhiata al lato tecnico

Nota estremamente positiva la colonna sonora, che riceve una impennata grazie a Hoshi no Kanaderu Uta, canzone alla base dell’episodio. Non ne sentiremo solo una versione, ma diverse varianti durante questo dodicesimo episodio di Steins;Gate 0.

Ad inizio puntata viene proposta una versione al pianoforte, per poi ricomparire in versione carillon. Verso la fine abbiamo un’ottima chiusura segnata da Megumi Han e Kana Hanazawa, che ce ne offrono una versione inedita. Le due doppiatrici (Kagari e Mayuri rispettivamente) rafforzano ulteriormente l’importanza della canzone con questo ottimo duetto.

Passando al lato regia, molte inquadrature sono abbastanza azzeccate e rendono bene l’idea. Per fare un esempio, l’inquadratura riportata qui sotto rappresenta un ottimo uso del paesaggio in rapporto allo stato d’animo di Kagari.

dodicesimo episodio di Steins;Gate 0 - Kagari per strada

Non è la prima volta che Steins;Gate usa così bene i paesaggi per descrivere uno stato d’animo, generalmente negativo o di disorientamento.

Coerenza con l’opera originale

Svolta inaspettata il volere mostrare prima questo ramo, nominato nella Visual Novel come “Recursive Mother Goose“, localizzato in lingua italiana non proprio nel migliore dei modi.

L’appuntamento tra Daru e Yuki non presenta la stessa lunghezza, ma è una scelta comunque accettabile. Delude invece la mancanza momentanea di dettagli sul passato di Kagari, lasciando solo presagire che sia ricercata, come visibile a fine puntata.

dodicesimo episodio di Steins;Gate 0 - Yuki e Daru

Tutto sommato è stato un episodio coerente, con un maggiore focus sul lato emotivo piuttosto che informativo. Possiamo senz’altro reputare questo dodicesimo episodio di Steins;Gate 0 uno dei picchi di questo adattamento animato, nonostante segua un tragitto diverso rispetto alla fonte originale.

To be continued…

Perché Kagari è ricercata? E soprattutto, cosa ne è degli altri interrogativi lasciati ancora irrisolti? Non possiamo fare altro che speculare e ipotizzare cosa succederà successivamente!

dodicesimo episodio di Steins;Gate 0 - Mayuri smile
10/10

E voi cosa ne pensate del dodicesimo episodio di Steins;Gate 0? Ricordiamo che è da poco in vendita su Steam la Visual Novel originale, già sbarcata su Sony nel 2016. Ne consigliamo caldamente l’acquisto e la recensiremo non appena possibile!

 

Tags

Marco Giordano

Grande fan dei generi di stampo orientale, predilige quasi ogni genere purché motivato da scelte estetiche o da una trama solida. Attratto non solo dal lato informatico dei videogiochi, ma anche dal loro aspetto stilistico ed economico.

3 Commenti

  1. Il film ovvio che sia canonico, ovviamente canonico alla serie e non il videogioco visto che sono universi differenti, come con questo 0.
    Personalmente non vedo cosa ci sia da mettere in dubbio, e come mettere in dubbio l’OAV che continua la SERIE e non il VIDEOGIOCO.

  2. Ciao Simone! Ti rispondo per punti, spiegandoti perché non abbiamo conferme e perché nella community mondiale siano sorti sempre numerosi problemi in merito:

    -Purtroppo non si sono mai avute conferme in via ufficiale che il film sia canonico, per diverse motivazioni. La prima è che viola le regole principali poste da Steins;Gate e sarebbe quasi impossibile dargli una motivazione totalmente legittima dentro la timeline. In secondo luogo, Deja Vu non è stato scritto da Hayashi, ma solo supervisionato.
    Non essendo dello scrittore originale, ma solo supervisionato, non esistono le condizioni per essere canonico, come nel caso di LBP. Quest’ultimo, contiene storie che hanno effettivamente molto senso come continuazione dei “finali alternativi” di Steins;Gate, ma non sono ufficiali essendo state redatte da altri scrittori, addirittura esterni.

    -La canonicità dell’anime non è separata da quella delle altre fonti canon, visto che sono adattamenti e seguono sempre, a grandi linee, quanto stabilito dalle fonti originali. Inoltre, Steins;Gate non è isolato, ma è nel più grande cerchio delle SciAdv, motivo per cui non è mai stato facile spiegare persino alcune scelte dentro la novel di 0, fonte di molte controversie visti alcuni elementi poco spiegati, ma chiariti nell’anime.

    -Generalmente, nel caso delle visual novel, le produzioni animate senza fonte originale servono solo per continuare il brand e fornire materiale ai fan. In questo specifico caso, S;G è stato sempre oggetto di forte dibattito, visto che all’interno delle SciAdv riceve più contenuto di tutti, spesso non canon o non confermato, come il movie. Senza contare che Darling e LBP, che appartengono sempre a S;G, non sono canonici, sebbene contengano qualche info corretta sulla serie, anche se molte oramai sono state fornite dall’anime di 0.

    -I casi di opere canon spin-off vengono confermati, basti pensare ai due Chu Chu appartenenti alla serie Chaos, che rientrano nel canon della saga, contrariamente ai due titoli menzionati sopra che invece sono “fanservice” per sviluppare punti lasciati in sospeso da Steins;Gate.
    Attualmente, il movie è semplicemente visto come un’aggiunta alla serie, ma mai usato come metro di riferimento in quanto è scardinato dalle regole introdotte dalle opere canon, adattamento animato incluso.

    Spero che questa risposta esaustiva abbia risolto i tuoi dubbi, ci auguriamo anche che Chiyomaru faccia più chiarezza in futuro sull’ordine delle opere, anche all’interno della serie stessa. Continua a seguirci e spero ti sia piaciuta la nostra analisi!

Lascia un commento

Close