La saga di Darksiders sta per tornare e con lei sta per arrivare una nuova protagonista e nuovi nemici da affrontare. Ecco il nostro provato dalla Gamescom.

Fury, questo è il nome della nuova protagonista di Darksiders 3, che non è altro che uno dei cavalieri dell’apocalisse. Fra i pochi accenni della trama che sono stati rilasciati, sappiamo con sicurezza che Fury partirà in viaggio per sconfiggere i sette peccati capitali, ma per ora non conosciamo altro. Dalla demo provata, si è subito potuto notare come questa nuova avventura sia basata su una progressione più lineare rispetto ai capitoli precedenti. Una differenza riscontrabile fin da subito è l’assenza della minimappa, infatti l’avanzamento durante i livelli di gioco sarà strutturato in maniera più rigorosa e controllata.

Darksiders 3 provato gamescom 2018

Il titolo si è mostrato principalmente come un action con qualche elemento rpg. È possibile infatti col proseguire della storia, sbloccare diversi tipi di poteri e skill da equipaggiare a piacimento. Il combat system si è invece rivelato molto interessante, mostrando i muscoli sopratutto durante la boss battle presente nella demo. Fury può attaccare grazie alla sua frusta e schivare i colpi nemici con grande agilità. Schivare al momento giusto permette di effettuare un contrattacco molto potente ed è inoltre è possibile effettuare diversi tipi di combo durante gli scontri. Gli sviluppatori ci hanno poi confermato che Fury sarà in grado di utilizzare altre armi e di conseguenza sbloccare altri stili di combattimento, permettendo così una maggiore varietà nel gameplay e nelle possibilità di approccio alle battaglie.

Darksiders 3 provato gamescom 2018

Un elemento che ho potuto constatare di persona è il buon grado di sfida offerto dalla produzione: durante gli scontri sarà fondamentale cercare di capire il pattern di attacco dei nemici visto che bastano pochi colpi per finire al tappeto. Non siamo certamente di fronte all’ennesimo souls-like, Darksiders 3 ha mostrato di avere una propria personalità, ma la difficoltà è sicuramente maggiore rispetto ai giochi precedenti del brand. La boss battle presente nella demo ci ha messo di fronte a Envy (Invidia), un boss non troppo complicato da sconfiggere ma che ci ha dato comunque del filo da torcere. Durante questo scontro è stato fondamentale schivare, saltare e muoversi continuamente per evitare di essere colpito dai colpi del boss. Anche il feeling dei colpi andati a segno è ottimo e la soddisfazione alla fine del combattimento è stata tanta.

Darksiders 3 provato gamescom 2018

Envy, il boss presente nella demo

Dal punto di vista tecnico Darksiders 3 si è mostrato ottimo per quanto riguarda il framerate, mentre per quanto riguarda il comparto grafico ci troviamo di fronte ad una produzione a cui non manca nulla, ma che non si eleva particolarmente in nessun modo. Abbiamo apprezzato particolarmente l’art direction del titolo, grazie ad un character design davvero ispirato e notevole.

In conclusione ci siamo trovati a giocare ad un titolo che ad un primo impatto lascia piacevolmente sorpresi, vista la qualità oggettiva del gioco, ma che non ha impressionato in nessun frangente. Darksiders 3 sembra per ora una buona produzione ma mancante di originalità, visto che non sembra portare nulla di nuovo nel genere degli action/adventure. Abbiamo ancora pochi elementi per poter dare un giudizio più completo, ma ritorneremo sicuramente a parlarne in futuro.

Se volete darci suggerimenti, o scambiare opinioni su videogiochi, anime, serie tv e tanto altro, potete unirvi alla nostra community oppure registrarvi sul canale notizie di Telegram, per essere sempre sulla cresta dell’onda!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: