GamesAnteprimeFeatured

Valkyria Chronicles 4 Demo – Provato

Nell’attesa stressante dell’uscita di Valkyria Chronicles 4, ne abbiamo provato la demo su Nintendo Switch, console che si presta molto per la comodità. Onestamente, ci aspettavamo una demo più corta, ma fortunatamente ci sbagliavamo di grosso.

Per chi se lo fosse perso, il titolo è ambientato nello stesso periodo del primo Valkyria Chronicles, durante le avventure di Welkin, ma sul fronte opposto. Il nemico rimane sempre il temuto Impero, che con le sue mire espansionistiche punta a sottomettere il resto d’Europa.

Non vi preoccupate, il gioco è anche accessibile come primo titolo, anche se ve lo sconsigliamo per il semplice fatto che non potete assolutamente perdervi la remastered su PS4! Proprio come in Giappone, di recente è stato anche annunciato un porting della versione rimasterizzata su Nintendo Switch!

Cosa ci offre questa bellissima demo

Per incominciare, potremo giocare addirittura fino al capitolo 2, quindi un bell’assaggio di cosa ci si prospetta col gioco completo. Fortunatamente, potremo trasferire i nostri progressi e riprendere da dove eravamo rimasti una volta acquistato il titolo! Scelta molto piacevole e che condividiamo abbastanza, dimostra anche che SEGA si sia interessata di più alla fanbase occidentale.

valkyria chronicles 4 demo provato schermata iniziale
Una suggestiva schermata iniziale

Immergendoci nell’azione, inizieremo dal prologo che ci spiegherà le meccaniche base, facilmente intuibili, ma un ripasso non guasta mai! A livello di trama, si presenta abbastanza simpatico e interessante come inizio, senza essere eccessivamente pesante o drammatico, almeno non ancora.

Da subito ci viene detto che la nostra troupe sarà impegnata nell’ardua operazione Northern Cross, che servirà a rovesciare l’impero attaccandone la capitale, Schwartgrad. Come intuibile, tale operazione completa l’altra svolta in parallelo da Welkin ed Alicia sul fronte opposto.

valkyria chronicles 4 demo provato federazione e impero
Federazione VS Impero

Passando al lato pratico, vi verranno spiegate le nuove meccaniche ed avremo un assaggio della nuova classe, il Granatiere. Le missioni che affronteremo inizialmente non saranno prive di sorpresa: infatti, dopo aver raggiunto l’apparente obiettivo, altri ostacoli potrebbero presentarsi nella nostra avanzata…

Ciò ci lascia ben sperare sul fatto che i capitoli siano più lunghi e corposi come gameplay, magari con più obiettivi in una stessa missione. La presenza di più fasi o di una componente strategica maggiore sono senza dubbio una delle aggiunte che speriamo di trovare.

Ritorno al passato

Il gioco utilizza sempre il sistema BLiTZ (Battle of Live Tactical Zones), cioè azione in tempo reale, ma nell’ottica di uno strategico a turni. Coerentemente ai titoli tradizionali della serie, potremo comandare le nostre unità da un’apposita mappa o potremo scegliere di impartire degli ordini per ottenere particolari effetti.

Abbiamo trovato il tutto molto più snello rispetto a Valkyria Chronicles e sicuramente un risultato migliore rispetto al sistema innovativo proposto da Valkyria Revolution.

valkyria chronicles 4 demo provato protagonista claude wallace
Il protagonista, Claude Wallace. Ricalca lo stile di Welkin, cioè lo storico protagonista del primo titolo

Ma a volgere al passato non è solo il gameplay, persino le musiche e lo stile ricalcano fortemente lo stile del primo storico titolo. Il compositore originale Hitoshi Sakimoto è ritornato alle prese con la colonna sonora, che ci auguriamo sia magistrale anche questa volta.

Per quanto riguarda lo stile grafico ci reputiamo anche soddisfatti da questo classico stile CANVAS (ad acquerello), che ci dà la sensazione di immedesimarci nel contesto storico. Infatti, anche questa volta la storia narrata si presenta sotto forma di cronaca storica, una epopea già avvenuta ma che spetta a noi rivivere e sperimentare.

valkyria chronicles 4 demo provato attacco a sorpresa
Possiamo anche sorprendere i nostri nemici per guadagnare un vantaggio!

Una nuova classe per una nuova avventura

Aggiunta più importante della demo è la nuova classe, il Granatiere, che ci ha stupiti non poco. Sebbene goda di una capacità di movimento estremamente limitata, è capace di essere letale con i suoi attacchi.

valkyria chronicles 4 demo provato riley granatiere
Uno dei personaggi principali, nonché il primo Granatiere che ci verrà dato

Posizionandoci in un punto, potremo sparare una granata in aria con un range estremamente elevato per eliminare alcuni nemici estremamente rognosi, come i cecchini. Anche difensivamente si presenta pericolosa, sparando granate a ripetizione per allontanare i nemici!

valkyria chronicles 4 demo provato granatiere nuova classe
La nuova classe in tutta la sua potenza

I nostri nemici non mancheranno di usare tale nuova classe in battaglia, spingendoci a reinterpretare alcune delle nostre strategie passate.

valkyria chronicles 4 demo provato quartier generale
Gestire le truppe, comprare e potenziare armi, allenare le truppe ed altro!

Ci viene data la possibilità di esplorare il quartier generale per vedere le opzioni a nostra disposizione nella gestione delle truppe, immettendoci da subito nel lato puramente gestionale-strategico.

valkyria chronicles 4 demo provato command room
Bisogna sempre controllare le proprie truppe!

Cosa ci aspettiamo dal gioco completo

La demo ci è piaciuta moltissimo, ma ha anche aumentato irrimediabilmente il nostro hype verso questo nuovo titolo. Il ritorno generale a Valkyria Chronicles ci emoziona tanto, dopo una bizzarra esperienza con Valkyria Revolution.

Dramma, tensione, sangue versato e pentimento sono le cose che ci aspettiamo in particolare, da una storia che narra ancora una volta gli orrori della guerra e la corsa alla tecnologia, nonché la discriminazione razziale.

A differenza dei paesaggi presenti negli altri titoli della serie, Valkyria Chronicles 4 avrà una maggiore presenza di scenari freddi ed innevati, come suggerito dal nome dell’operazione “Northern Cross”.

valkyria chronicles 4 demo provato prato
Non saranno solo rose e fiori…

Nel gioco completo sarà possibile scegliere anche il doppiaggio giapponese originale, cosa non possibile nella demo. Inoltre, la presenza di sottotitoli anche in italiano può aiutare i meno ferrati in lingua inglese.

Le premesse, lo staff e il lavoro che abbiamo potuto analizzare dalla demo sembrano promettere molto bene; tuttavia, per dare un giudizio completo serve provare il titolo completo per vedere se il gioco soddisferà o meno le nostre alte aspettative!

 

Tags
Vedi altro

Marco Giordano

Grande fan dei generi di stampo orientale, predilige quasi ogni genere purché motivato da scelte estetiche o da una trama solida. Attratto non solo dal lato informatico dei videogiochi, ma anche dal loro aspetto stilistico ed economico.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close