TechRecensioniFeatured

Raiju Ultimate – Recensione

Dopo aver testato per qualche settimana il nuovo controller di casa Razer siamo pronti a darvi le nostre impressioni sul prodotto.

Un joypad che soddisfa tutte le esigenze?

Il Raiju Ultimate è un pad che sembra voler mostrare tutti i muscoli già dalla sua confezione. Razer ci ha infatti dato la possibilità di ricevere il controller durante la Gamescom di Colonia e in quell’occasione abbiamo effettuato anche un unboxing direttamente dalla città tedesca.

Il controller, progettato principalmente per l’utilizzo su PS4, può essere utilizzato senza alcun problema anche su PC.

Nella confezione sono presenti oltre al Raiju, anche una pratica e comoda custodia e il cavo di ricarica. Essendo quest’ultimo telato si evitano facilmente aggrovigliamenti, il che è sicuramente molto utile.

Pad alla mano le prime impressione sono estremamente positive per via dell’estrema maneggevolezza e comodità con la quale è possibile impugnarlo. Grazie anche ad uno strato di “grip” presente sul dorso la sensazione è quella di un prodotto ergonomico, studiato in ogni dettaglio.

Raiju Ultimate Recensione

Ma quanti pulsanti ci sono?

I classici tasti PlayStation a membrana del DualShock 4 vengono sostituiti da dei tasti meccanici. Grazie ad essi non solo è possibile capire con chiarezza quante pressioni del tasto vengono effettuate, ma si evitano anche pressioni involontarie. Il D-pad e gli analogici possono essere invece rimossi e scambiati con altri moduli. Ad esempio è possibile scegliere fra un classico D-pad a croce ed uno “unito”, oppure utilizzare analogici concavi o convessi, a seconda delle preferenze del giocatore.

Oltre alle caratteristiche già elencate, il Raiju presenta ben 4 pulsanti aggiuntivi rispetto al classico DualShock 4. Due di questi si trovano fra i grilletti (Rispettivamente fra R1 ed R2 e L1 ed L2), mentre gli altri due si trovano sul dorso del pad.

Raiju Ultimate Recensione
È qui possibile vedere i pulsanti M1 ed M2

A differenza di quanto possa sembrare ad un primo colpo d’occhio, raggiungere i tasti aggiuntivi è molto semplice e veloce, garantendo così maggiori possibilità di rapidità nella pressione combinata di più pulsanti. Per personalizzare a piacimento il pattern di questi ultimi è possibile collegare tramite bluetooth il pad ad un apposita app per smartphone. Grazie all’app di Razer si possono salvare fino a 4 profili contemporaneamente sul joypad ma non solo.

Ognuno dei 4 pulsanti può essere assegnato per rappresentare la pressione di uno dei classici tasti PlayStation. Un esempio pratico è quello di sfruttare uno dei tasti dorsali per sostituire il cerchio (tasto tipicamente associato all’azione di abbassarsi negli FPS) in modo tale da non dover sollevare le dita dai grilletti.

Raiju Ultimate Recensione
Ecco i pulsanti M3, M4 e gli switch

Sul dorso del controller troviamo anche 3 piccoli switch. Due di questi (quelli con il simbolo del lucchetto) permettono di “bloccare” i grilletti dorsali. Nella pratica, bloccare i griletti permette di poter premere il pulsante senza dover completare la pressione fino in fondo. In questo modo anche una minima pressione verrà rilevata dal gioco come una completa.

Se vi trovate a giocare ad uno sparatutto, questa funzione si rivela estremamente utile vista l’estrema velocità con la quale è possibile premere il tasto. Personalmente ho sfruttato questa possibilità e ad essere sincero non nascondo che l’ho trovata di grandissima utilità.

Il terzo switch (quello posizionato al centro del dorso) permette di scambiare fra i profili bluetooh per PS4 e PC, e il profilo per l’utilizzo via cavo. Grazie a ciò non c’è il bisogno di dover effettuare l’associazione fra dispositivi ogni qual volta vogliate connettere il pad.

 

Razer sembra aver pensato a tutto

I 4 (NB: è il numero massimo di configurazioni che il pad può salvare) profili che possono essere creati con l’app potranno essere scambiati senza alcun tipo di interruzione anche durante il gioco, a patto che siano stati caricati sul pad. Mentre tutti gli profili che andremo a creare saranno salvati in un server cloud di Razer, basterà poi ricollegare il Raiju all’app per poter scambiare i profili caricati.

Nelle varie configurazioni salvate è possibile anche salvare eventuali modifiche alla sensibilità degli analogici. La sensibilità di questi può essere modificata facendo riferimento solo a quello di destra, solo a quello di sinistra o a entrambi.

Tramite l’app è possibile anche personalizzare colori ed effetti per le luci RGB presenti sul controller. Sono infatti presenti oltre alla classica scelta dalla palette di colori anche effetti visivi di diverso tipo.

Raiju Ultimate Recensione
È possibile qui notare i 4 pulsanti presenti sul fronte del pad

Nella parte frontale del pad sono presenti 4 tasti funzione, ognuno di loro con un incarico differente.

Il primo pulsante a partire da sinistra permette di scambiare fra le 4 configurazioni di tasti salvate. Una volta premuto il tasto il led posizionato sopra di esso cambierà colore, in modo tale da rappresentare il profilo selezionato.

Il secondo pulsante consente il collegamento bluetooth con l’app dedicata. Il terzo invece, permette di scambiare fra i vari effetti disponibili per le luci RGB. L’ultimo, ma non meno importante, blocca i tasti START, SHARE, e SELECT. Grazie a ciò eviterete di premere per sbaglio uno di questi ultimi, evitando così brusche interruzioni della sessione di gioco.

Conclusioni e verdetto

Il pad di Razer ci ha sicuramente lasciato un esperienza più che positiva. Il Raiju sembra essere un controller capace di soddisfare le esigenze di qualunque gamer, grazie ad un ampia gamma di possibilità di personalizzazione, un estrema cura nella scelta dei materiali ed un design più che accattivante. È difficile trovare un difetto a questo piccolo gioiello di tecnologia e l’unica pecca che ci teniamo a menzionare è il prezzo non proprio accessibile. Il pad è infatti disponibile al costo di 199.99 Euro, il che lo rende un prodotto estremamente elitario.

Valutato nel complesso, rimane comunque un eccellente prodotto e sicuramente il controller per PS4 più completo in assoluto al momento sul mercato.

Raiju Ultimate

Riassumendo

Il pad di Razer ci ha sicuramente lasciato un esperienza più che positiva. Il Raiju sembra essere un controller capace di soddisfare le esigenze di qualunque gamer, grazie ad un ampia gamma di possibilità di personalizzazione, un estrema cura nella scelta dei materiali ed un design più che accattivante. È difficile trovare un difetto a questo piccolo gioiello di tecnologia e l’unica pecca che ci teniamo a menzionare è il prezzo non proprio accessibile. Il pad è infatti disponibile al costo di 199.99 Euro, il che lo rende un prodotto estremamente elitario.

Overall
9/10
9/10

Pros

Ergonomico e comodo

Massima possibilità di personalizzazione

Ottimi materiali

Cons

Prezzo molto elevato

Tags
Vedi altro

Mattia Incoronato

20 anni, appassionato fin da piccolo da videogiochi e tecnologia, studente universitario presso la facoltà di informatica di Camerino. Patito della DC comics, del cinema e del rap italiano!

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close