Life is Strange 2: Episodio I – Roads – Recensione

La nascita di un opera come quella di Life is Strange ha un percorso molto strano, poiché è partito da una base totalmente imprevedibile che è andata a sfociare in un successo inaspettato.

Nato dalle mani di Dontnod Entertainment, la serie è iniziata con un primo episodio di cinque che ha riscosso un discreto e caloroso benvenuto da parte dei videogiocatori di tutto il globo. Nel 2015 ormai erano piuttosto noti questa tipologia di videogiochi ad episodi, quindi, Life is Strange era uno dei tanti che seguiva l’onda lasciata da Telltale Gamesche ha visto purtroppo la sua chiusura giusto di recente -.

Arrivati a fine serie, la produzione ha avuto un successo clamoroso data la qualità della sua narrazione, tant’è che fu annunciata un edizione retail con tanto di rilascio di una patch che andava a tradurre il titolo anche in lingua nostrana, visto che il primo debutto degli episodi era solo in lingua inglese.

A seguito del grande successo e in attesa del secondo episodio, Decknine ha preso le redini in mano donandoci uno spin-off su una delle protagoniste più amate, che abbiamo avuto modo anche di analizzare nelle nostre pagine. Quest’oggi ci ritroviamo di nuovo con una produzione targata Dontnod, che dopo Vampyr, ha finalmente preso in mano le redini della serie Life is Strange donandoci questo primo episodio del secondo capitolo della saga.

La domanda è lecita, riusciranno gli sviluppatori francesi a replicare il successo del primo capitolo? Scopriamolo insieme, gustandoci questa recensione del primo episodio.

Un inizio “Strano”

L’inizio di Life is Strange 2 è piuttosto diverso da come ce lo si potrebbe aspettare. Abbiamo una telecamera della polizia che inquadra più pattuglie, i quali stanno indagando su un qualcosa di sospetto che non viene mai chiaramente identificato. Poco dopo, la scena si sposta sul protagonista Sean Diaz, un ragazzino di sedici anni che vive un adolescenza comune, dove l’amore per la compagna di classe è uno dei tanti problemi che gli passano per la mente. Accompagnato dalla sua amica Lyla, i due organizzano una festa e quindi il ragazzo incomincia ad effettuare i dovuti preparativi per la festa.

Life is Strange episodio 1 roads recensione

Poco dopo, i due ragazzi discutono su Skype, quando questa chiamata viene interrotta quando Sean si accorge che il fratellino Daniel Diaz, di 9 anni, sta litigando con il vicino, quest’ultimo intento ad aggredire il povero bambino. In quanto fratello maggiore, Sean corre in aiuto del fratello, dove la discussione sfocia in una violenta rissa dove il vicino finisce accidentalmente ferito.

Il padre dei ragazzi interviene quando un poliziotto si avvicina per capire la situazione impugnando la pistola. Da qui accadrà quello che farà partire realmente la trama, un dramma che porterà Sean e Daniel a spostarsi per tantissimi chilometri da casa, vagando in giro alla ricerca di risposte e di un posto più tranquillo.

Life is Strange episodio 1 roads recensione

La maturazione di due ragazzi

Lungo il percorso narrativo del primo episodio impareremo a conoscere i due nuovi protagonisti, tra emozioni contrastanti e teneri momenti, capiremo il legame che unisce Daniel e Sean. La storia funziona perfettamente ed essendo ancora un primo episodio, siamo abbastanza soddisfatti poiché vengono elargiti così tanti dettagli da lasciare il giocatore un finale molto soddisfacente. L’unica cosa che forse può far storcere il naso è l’andamento piuttosto lento alle prime ore di gioco, dove le nostre mansioni saranno piuttosto banali e di pura quotidianità.

Life is Strange episodio 1 roads recensione

L’interazione è un elemento importante in questo secondo Life is Strange, perché possiamo letteralmente interagire con un innumerevole quantitativo di oggetti, oltre che effettuare determinate azioni in compagnia di nostro fratello, quali quest’ultime vengono segnalate da un indicatore blu.

Le scelte che effettueremo lungo il nostro percorso non si ripercuoteranno stavolta solo su noi, ma dobbiamo stare attenti poiché queste possono intaccare anche il nostro rapporto e destino con il piccolo Daniel. Da un certo punto di vista, le scelte di questo nuovo titolo sono più importanti del precedente, perché si ha una responsabilità in più e qui non abbiamo neanche l’aiuto dei poteri temporali di Maxine.

Life is Strange episodio 1 roads recensione

I muscoli dell’Unreal Engine

L’engine utilizzato è quello di Unreal, il quale riesce finalmente a donare una qualità grafica di tutto rispetto, più ricca di dettagli ed effetti particellari. I momenti in cui abbiamo a disposizione delle ambientazioni naturali, è possibile cogliere la poetica ambientale che i ragazzi di Dontnod Entertainment ci hanno lasciato. Forse si poteva fare qualcosina in più per quanto riguarda i modelli poligonali, che non spiccano per qualità, nonostante il design sia piuttosto ispirato.

Le musiche di questo nuovo titolo sono un qualcosa di forte e toccante che si accostano perfettamente con il contesto narrato. Certo, finora non siamo ai livelli dei Daughter che hanno accompagnato la colonna sonora di Life is Strange: Before the Storm, ma la qualità raggiunta è soddisfacente.

Life is Strange episodio 1 roads recensione

Commento Finale

In conclusione possiamo dire di essere rimasti piuttosto soddisfatti da questo primo episodio dedicato a Life is Strange 2, i protagonisti Sean e Daniel sono ben curati, hanno un background alle spalle molto interessante che siamo sicuri che si evolverà per il verso giusto conoscendo i ragazzi di Dontnod Entertainment. Per il momento per noi è promosso, siamo curiosi di vedere che cosa succederà con il prossimo episodio. Rimanete sintonizzati con noi, che a seguire arriveranno nei prossimi mesi le recensioni degli episodi successivi.

[amazon_link asins=’B01B667D60,B0794VBC9Z’ template=’ProductCarousel’ store=’GameIndustry’ marketplace=’IT’ link_id=’0e6b2e86-c3f1-11e8-ad40-c1f3c93ab665′]

Life is Strange 2: Episodio I - Roads

Riassumendo

In conclusione possiamo dire di essere rimasti piuttosto soddisfatti da questo primo episodio dedicato a Life is Strange 2, i protagonisti Sean e Daniel sono ben curati, hanno un background alle spalle molto interessante che siamo sicuri che si evolverà per il verso giusto conoscendo i ragazzi di Dontnod Entertainment. Per il momento per noi è promosso, siamo curiosi di vedere che cosa succederà con il prossimo episodio. Rimanete sintonizzati con noi, che a seguire arriveranno nei prossimi mesi le recensioni degli episodi successivi.

Voto Finale
8.5/10
8.5/10

Pro

Narrativamente parte bene per essere il primo episodio anche se…

Graficamente è migliorato di molto

Le musiche sono sempre molto ispirate

I due nuovi protagonisti sono ben curati

Contro

…impiega un po’ ad entrare nel vivo

I modelli poligonali potevano essere curati di più

Federico Molino

Federico Molino

http://GameIndustry.it

Amante delle opera di nicchia e delle belle OST. Appassionato instancabile di molte cose, ma tra le tante spiccano il cinema e la fotografia.

Leave a Reply