FeaturedRecensioniVideogames

Football Manager 2019 – Recensione

Il manageriale per eccellenza al setaccio!

Per noi di GameIndustry.it questo è un anno dedicato al calcio in tutte le sue forme e soprattutto a 360°. Siamo partiti ad Agosto con il nuovo capitolo di Konami, Pro Evolution Soccer 2019, passando con la replica di EA Sports a fine settembre con FIFA 19, per arrivare a oggi, dove andremo ad analizzare, da fan della serie speranzosi di veri passi avanti, al manageriale per eccellenza, Football Manager 2019.

La nostra speranza, essendo cresciuti a pane e calcio in ogni loro riproposizione, è che quest’anno rappresenti una vera crescita per il brand che, nonostante l’immensa solidità di un sistema di gioco quasi impeccabile, a nostro avviso necessitava di un leggero cambio di rotta per non risultare l’ennesimo “copia-incolla” dall’edizione precedente.

Dopo svariate ora a godersi l’immensa profondità tattica, vedendo ciò che gli sviluppatori ci hanno messo a disposizione per ricreare il nostro modo di giocare, siamo pronti per dirvi cosa ne pensiamo.

Giacca o tuta?

Prima di addentrarci alle novità e vecchie componenti in grado di rendere Football Manager l’ideale per chi cerca questo genere di simulazione, dobbiamo creare quello che è il nostro alter ego virtuale, colui che ci rappresenterà all’interno del titolo.

Per farlo, come visto anche negli scorsi anni, possiamo scegliere diversi aspetti per renderlo più personale possibile, dalle caratteristiche fisiche, con possibilità di utilizzare una generazione tridimensionale da una foto del nostro volto, fino alle caratteristiche tecnico-tattiche, valutando se saremo un allenatore più incline al campo vero e proprio, oppure maestro della psicologia, con valori che andranno via via ad aumentare nel corso delle stagioni, in base soprattutto al nostro rendimento.

Ovviamente questo non rappresenta un fattore fondamentale per la valutazione del gioco, ma in ogni caso riteniamo sia sempre bello e soprattutto immersivo poter personalizzare ogni aspetto che gira attorno a questa meravigliosa professione, che siamo sicuri ogni appassionato di questo sport sogna di fare, alcuni magari già lo fanno dal proprio divano mentre guardano la nostra Serie A: beh, questa è la vostra occasione di dimostrare chi siete!

football manager 2019 recensione

Tattiche rivisitate

Incominciamo ad addentrarci maggiormente con quello che rappresenta il “core” del titolo, l’aspetto fondamentale per valutare effettivamente la bontà della produzione di Sports Interactive, ossia: le Tattiche.

Negli anni abbiamo visto un cambiamento costante di come queste venivano ricreate per costruire una simulazione più fedele possibile, tentando di ricostruire poi una personalizzazione capillare della costruzione di manovre offensive e difensive. In questa edizione vediamo una generale semplificazione, in cui vengono proposte una serie di tattiche predefinite e molto conosciute nel mondo del calcio, permettendo ai meno esperti di approcciarsi in maniera meno ardua al titolo, cominciando a costruirsi una propria “cultura calcistica virtuale” nel susseguirsi delle stagioni.

Però è anche possibile, per i più esperti o per chi preferisci una maggior personalizzazione, creare la propria tattica da zero, differenziando il comportamento della squadra nelle tre fasi di gioco principali: con la palla, quindi in costruzione di manovra, quando si è senza palla e si tenta di eseguire la miglior fase difensiva possibile, infine in momento in cui o viene perso il controllo del pallone, oppure nell’istante in cui la si riconquista, quindi le prime fasi di costruzione-distruzione del gioco.

Aver questa possibilità ci permettere di costruire una fantastica coerenza tattica, almeno sulla carta, consentendoci di dare effettivamente la nostra impronta alla squadra, assegnando anche i singoli compiti ai giocatori, come per esempio la metodologia con cui interpretare il ruolo, che rimane, fortunatamente, invariata rispetto al passato.

Fortunatamente l’intenzione degli sviluppatori di semplificare, rendere più intuitiva, la costruzione delle tattiche è andata a buon fine e questo lavoro è andato a colpire anche il lato degli allenamenti, sezione paritariamente importante.

Quest’anno abbiamo la possibilità di suddividere il piano settimanale in tre sessioni giornaliere, potendo differenziare su cosa andare a concentrarci, come per esempio modalità di attacco, tattica o difesa, per preparare la squadra nel miglior modo possibile.

football manager 2019 recensione

Tante possibilità, posizionate non sempre a dovere

Quando hai a disposizione una miriade di funzionalità si incorre in una delle più classiche problematiche: la gestione della UI. Questo può causare diversi problemi, soprattutto a livello di utilizzo e immediatezza nel raggiungere i punti da noi desiderati, provocando diversi problemi e sensazioni di disorientamento generale.

Fortunatamente gli sviluppato hanno tenuto conto di questi aspetti e sono corsi ai ripari, sulle tattiche e allenamenti come discusso in precedenza, oltre rivisitando alcuni aspetti degli osservatori, rendendolo sicuramente molto più intuitivo e immediato.

Ma il problema potrebbe soprattutto incorrere verso i nuovi allenatori, proprio per questo Sports Interactive ha inserito un tutorial interattivo relativo a tutti gli aspetti principali di   cui è dotato il titolo, facilitando il lavoro sia ai novizi, che ai più esperti che magari, per un motivo o per un altro, non hanno seguito assiduamente la serie nel corso degli ultimi anni.

Sfortunatamente però non è tutto oro ciò che luccica, vedendo nuovamente riproposti svariati aspetti non eccessivamente curati delle edizioni precedenti, come la gestione delle intervista e relazioni generali, che spesso e volentieri verremo invogliati ad assegnarli al nostro secondo per non perdere tempo prezioso, ma soprattutto evitare un grandissimo senso di noia.

football manager 2019 recensione

Tecnicamente parlando

Il motore del titolo negli anni ha sempre visto un passo avanti, seppur non eccelso, costante, ma senza andare a stravolgerlo completamente, anche per evitare di appesantire eccessivamente un’opera che già ora risulta essere pesante nell’elaborazione, andando a colpire duramente qualora si caricassero un gran numero di giocatori nel database.

Quest’anno ha visto una leggera pulizia, vedendo bene o male invariato, stesso discorso vale anche per l’elaborazione degli incontri, il cuore pulsante di tutto il sistema di gioco, che in questa edizione vede l’introduzione di una nuova feature: il VAR.

La tanto discussa tecnologia, che si sta diffondendo in tutte le competizioni europee, approda nel mondo video ludico, in cui vedremo l’arbitro andare a controllare l’azione appena generata, per verificare effettivamente sia stata regolare o meno, quante volte in prima persona ci siamo lamentati di gol annullati per fuorigioco inesistenti? Magari ora la musica potrebbe cambiare.

football manager 2019 recensione

In conclusione

Football Manager 2019 non rappresenta uno stravolgimento delle precedenti edizioni, per quanto in ogni caso presenti interessanti novità e gli sviluppatori pare siano reattivi nel risolvere i bug che ne affliggono l’effettiva giocabilità. Rispetto al recente passato abbiamo visto un alleggerimento della UI, rendendola più intuitiva e meglio studiata, sia per i novizi, che per gli amanti della serie, ottimizzando uno degli aspetti più critici e complessi da risolvere, escludendo le imprecisioni del sistema di elaborazione degli incontri.

Concludendo, per quanto non rappresenti una grandissimo passo avanti, è obiettivamente un ottimo titolo, che consigliamo ai fan della serie, soprattutto a chi negli ultimi anni ha saltato l’acquisto in attesa di tempi migliori.

Football Manager 2019

Riassumendo

Football Manager 2019 non rappresenta uno stravolgimento delle precedenti edizioni, per quanto in ogni caso presenti interessanti novità e gli sviluppatori pare siano reattivi nel risolvere i bug che ne affliggono l’effettiva giocabilità.

Overall
8/10
8/10

Pros

Rivisitazione di Tattiche e Allenamenti

Gameplay granitico

Tanta libertà

Interfaccia più intuitiva

Cons

Alcuni vecchi problemi affliggono il titolo

Alcune feature, allo stato attuale, non rappresentano un valido intrattenimento

Tags
Vedi altro

Emanuele Cevoli

Amante di videogiochi e non solo, tutto quello che è informatico attira la sua attenzione, ma anche Anime e Manga non sono da meno. Sin da piccolo è abituato a giocare un po' di tutto, ma gli action-adventure la fanno da padrone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close