GamesRecensioniFeatured

Earth Defense Force 5 – Recensione

EDF! EDF! EDF!

Esiste qualcosa di più godurioso dell’uccidere, da soli o con amici, orde di insetti giganti?
La saga di Earth Defense Force ci insegna che poche cose sono migliori di quanto appena illustrato e, nel corso degli anni, la saga ha accompagnato serate all’insegna del trash e della distruzione indiscriminata.
Earth Defense Force 5, uscito a inizi dicembre, si prefissa l’obiettivo di continuare la traduzione con costanti miglioramenti per offrire la miglior esperienza possibile.

Insecticide

Immaginate di essere al vostro primo giorno nel nuovo posto di lavoro e, senza preavviso, ritrovarvi davanti ad una situazione totalmente fuori dalle vostre possibilità; questo è esattamente ciò che accade al nostro avatar durante il tutorial iniziale, orde di insetti faranno irruzione nella base militare che stiamo visitando e non ci sarà tempo di pensare razionalmente, imbracciato il fucile d’ordinanza siamo già pronti a fronteggiare l’offensiva nemica!

Come sempre potremo scegliere una difficoltà da cui partire e una classe, quattro le possibili scelte per quest’ultima: Ranger (la classe più equilibrata, buone capacità offensive e di movimento), Wing Diver (libertà di volare tramite jetpack sfruttando attacchi aerei), Air Raider (specializzato nell’uso di supporti aerei e terrestri) e i Fencer, dotati di incredibile potenza sacrificando però la velocità di movimento.

Ogni giocatore ad ogni livello di esperienza potrà quindi trovare la classe più adatta al proprio stile di gioco ma Earth Defense Force 5 spinge continuamente a sperimentare, differenti livelli chiedono differenti approcci e potremmo preferire una strada piuttosto che l’altra.

earth defense force 5 recensione

6000 Shots Per Minute to Make a Hill All Level

Pad alla mano il feeling è il solito della saga, un solido sparatutto in terza persona dall’animo profondamente arcade tanto immediato da giocare quanto impegnativo da padroneggiare.

La Modalità Storia è composta da 110 livelli in cui il senso di progressione è tangibile, avanzando avremo di fronte nemici sempre più vari e coriacei, si parte da “semplici” formiche giganti passando per gli UFO fino ad arrivare a nemici corazzati e mostri giganti per dirne qualcuno. Gli stessi livelli aumenteranno in complessità per quanto concerne gli obiettivi, non sempre basterà uccidere tutto ciò che troveremo davanti ma dovremo anche distruggere strutture per impedire il continuo arrivo di nemici o distruggere mezzi di supporto che cercheranno di intralciarci.

Sarà quindi necessario pianificare e capire a chi dare la priorità durante le missioni, uno dei pregi della saga di Earth Defense Force è proprio quella di non basare la propria difficoltà sul numero e sulla forza degli avversari quanto sulla loro organizzazione, una sorta di caos ragionato in sostanza.

Dai cadaveri potremo raccogliere medikit piccoli e grandi mentre le scatole con la dicitura “Armor”, se raccolte, a fine missione aumenteranno la capacità della nostra armatura.

Le scatole con la dicitura “Weapon”, come è facile immaginare, conteranno armi già possedute o armi inedite; nel primo caso accumulando una serie di doppioni miglioreremo uno dei parametri dell’arma in questione laddove le armi inedite si aggiungeranno semplicemente al nostro arsenale.

Fucili d’assalto, fucili di precisione, lanciarazzi, lanciagranate, lanciafiamme, torrette, carriarmati, esoscheletri… chi più ne ha più ne metta! La varietà di armamenti è sempre stata un fiore all’occhiello di Earth Defense Force e questo capitolo non fa certamente eccezione.

La possibilità di portare in missione solamente due armi oltre ad un supporto speciale dona ulteriore strategia al gameplay e spesso e volentieri dovremo sperimentare più combinazioni prima di trovare la chiave di volta.

Più alta la difficoltà alla quale giocheremo più alta sarà la qualità delle armi lasciate dai nemici.

earth defense force 5 recensione

Expect the Unexpected

Uno dei miglioramenti più evidenti di Earth Defense Force 5 è l’Intelligenza Artificiale alleata.

Nei precedenti capitoli i nostri compagni di sventura erano più un peso che altro, qui l’IA degli alleati e sensibilmente migliorata e più organizzata in maniera da dare minimo supporto alle nostre scorribande.

Il motore fisico Havoc è implementato in maniera più verosimile, le strutture non sembrano più fatte di cartapesta ma hanno un loro peso e la stessa distruzione è resa in maniera più vicina alla realtà. Quello che manca è una certa interazione ambientale che, a mio parere, darebbe un’ulteriore spinta al gameplay se ben implementata.

earth defense force 5 recensione

United We Stand

Non poteva certamente mancare la modalità cooperativa, in locale potremo giocare in split-screen con un altro amico mentre, in rete, potremmo essere accompagnati da altre tre persone; non ho potuto provare la cooperativa offline ma online il gioco si comporta bene, il codice di rete regala un’esperienza fluida senza troppi patemi.

La presenza della cooperativa arricchisce un pacchetto già corposo di suo, completare tutte le missioni a difficoltà Normal chiederà minimo 35-40 ore e come potete immaginare la rigiocabilità è garantita dal voler sbloccare tutte le armi giocando alle difficoltà più alte, testare le altre classi e così via.

earth defense force 5 recensione

Invincible Force

Squadra che vince non si cambia nemmeno sul versante grafico, Earth Defense Force 5 non chiede il graficone o chissà quali grandi effetti speciali per cui, seppur possiamo notare modelli poligonali leggermente più curati e una fisica più credibile, graficamente il titolo Sandlot rimane essenziale quanto basta.

Lo stesso framerate, generalmente ancorato ai 60 FPS, subisce meno cali rispetto al passato ma le situazioni più concitate rimangono un osso duro e la fluidità ne risente.

La colonna sonora si compone di diversi pezzi strumentali e elettronici degno accompagnamento di conflitti feroci con poche concessioni a pezzi “calmi”.

earth defense force 5 recensione

Earth Defense Force 5 prosegue una tradizione consolidata a base di forsennata azione sparacchina e un’anima così trash che più trash non si può; in un certo senso parliamo di un unicum in una generazione videoludica dove titoli “ignoranti” come questo, i Just Cause o il futuro Crackdown 3 vengono ingiustamente giudicati come superati. Earth Defense Force 5 punta a far divertire da soli o in compagnia senza sacrificare il livello di sfida e senza troppi fronzoli e nulla da dire, la missione è compiuta.

Il gioco, al momento, è disponibile unicamente su PlayStation 4 in versione digitale al costo di 49,99 Euro.

 

 

 

 

 

 

 

Earth Defense Force 5

Riassumendo

Da soli o in compagnia Earth Defense Force 5 è imperdibile per chiunque cerchi azione immediata, ottimo senso di progressione e orde di nemici più o meno assurdi da sconfiggere ondata dopo ondata… Divertimento essenziale ma totale.

Overall
8/10
8/10

Pros

Gameplay arcade immediato ma profondo

110 livelli da completare

Arsenale sterminato a disposizione

Modalità cooperativa totale

Ottimo senso di progressione

Cons

Fisica migliorata ma poco sfruttata

Framerate ancora migliorabile nonostante il motore grafico non compia miracoli

Tags
Vedi altro

Giammarco Giummo

Tante le cose che lo appassionano: i videogiochi, la musica, l'informatica, il calcio, il basket... Cerca sempre di valorizzare i prodotti meno in vista e di analizzare ciò che lo circonda in maniera da avere sempre nuovi punti di vista e nuove idee.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close