FeaturedRecensioniVideogames

Guilty Gear XX Accent Core Plus R – Recensione

Siete pronti a tornare in battaglia con la storica serie di Arc System Works?

I picchiaduro dell’Arc System Works sono sempre stati ben accolti dalla nostra redazione, abbiamo avuto modo di mettere le mani sia ai vari Blazblue che a Dragon Ball FighterZ, quest’ultimo sviluppato in collaborazione con Bandai Namco Entertainment.

La vera serie principale, o meglio serie madre, è sicuramente quella di Guilty Gear, il picchiaduro più tecnico e completo che il mercato videoludico abbia mai potuto vedere.

Il team di sviluppo ha voluto riproporre Guilty Gear XX Accent Core Plus R su Nintendo Switch, dopo aver già visto luce diverso tempo fa su PlayStation Vita nel solo mercato nipponico.

Possiamo già anticiparvi che il titolo si presta piuttosto bene alla natura portatile della console di Nintendo. Lo staff di PQube ci ha dato l’opportunità di mettere le mani sul titolo e noi ci siamo fiondati a recensirlo per voi!

Un segno narrativo

Partiamo dal presupposto che la trama della serie Guilty Gear è sempre stata molto complessa, ogni capitolo ha aggiunto diversi dettagli che hanno fatto sì che il quadro generale fosse molto complesso rispetto all’idea iniziale proposta con quello per la prima PlayStation.

Alla base della storia si pone lo scontro tra gli esseri umani e i Gears, delle cavie umane divenute delle macchine, ma che fortunatamente con il tempo sono riusciti a ribellarsi e creare così un movimento di rivolta contro i “padroni”.

La trama riesce a creare un background ben delineato per i personaggi più iconici, cercando di introdurre una narrazione già molto più complessa rispetto ai capitoli precedenti.

Sicuramente si tratta di una tipologia di narrazione che non a tutti piacerà, i tempi sono piuttosto lenti e per entrare nel vivo impiega un bel po’ di tempo.

In compenso, la sceneggiatura è sempre di ottimo livello, forse l’unica incertezza risiede in alcuni dialoghi fin troppo “banali”, dove si sarebbe potuto far di più per elargire più dettagli importanti.

Per portare a termine la storia principale basteranno appena cinque ore di gioco scarse, lasciando una longevità piuttosto scarsa rispetto ai capitoli che son venuti dopo o se confrontato a produzioni come quella di BlazBlue.

Tante modalità e tanto da fare

La modalità principale è sicuramente quella dell’Arcade, dove dovremo completare un determinato numero di scontri con il nostro personaggio preferito, fino ad arrivare a quello che è possibile definire “boss finale“.

Come già detto prima, è presente uno Story Mode che getta le basi per il mondo di Guilty Gear, poi abbiamo una Survival Mode che metterà a dura prova le nostre abilità con il gioco, infatti è consigliato affrontare quest’ultima solo dopo aver padroneggiato per bene il nostro main character.

Tra le modalità più interessanti vi è quella dedicata alle missioni, dove avremo delle condizioni ben precise da portare a termine per poter avanzare allo stage successivo.

Infine, è presente anche una modalità Versus che ci permetterà di provare a nostro piacimento i personaggi che ci gradiamo di più o fronteggiare un amico in uno scontro locale.

E’ disponibile anche una galleria in cui sbloccheremo diversi elementi man mano che completeremo gli eventi della modalità storia.

Dati di Sol Badguy nella modalità Galleria di Guilty Gear XX Accent Core Plus R per Nintendo Switch

In questa edizione è stato inserito anche il Multigiocatore Online, che permette di mettersi subito in competizione con altri giocatori. Come ben saprete, Guilty Gear è una serie difficile da domare, specialmente per le combo molto brutali e dalla difficile esecuzione, e per questo è sempre consigliato aver giocato per un paio di ore prima di gettarsi nella mischia online.

I server ci sono sembrati piuttosto stabili, non abbiamo avuto nessun segno di lag durante la nostra prova.

Come detto già in precedenza, il gioco si presta principalmente a un pubblico più esperto, che ha già avuto modo di mettere le mani sui picchiaduro targati Arc System Works, rendendo l’esperienza più “elitista”.

Il concatenare le combo su Guilty Gear è molto difficile, inutile dirvi che richiede un quantitativo di tempo incalcolabile, anche perché bisognerà prima riuscire a far proprio il timing delle combo.

Combattimento tra Raidget e Nji con calcio in aria su Guilty Gear XX Accent Core Plus per Nintendo Switch

La portabilità è tutto

Nonostante tutto, il titolo è giocabile anche da chi non vuole impegnarsi molto, visto che vi è un selettore della difficoltà che permetterà di rendere godibile il titolo anche ai giocatori meno pratici… anche se in effetti si snatura in parte la tipica difficoltà che caratterizza la serie.

Nella versione per Nintendo Switch non abbiamo riscontrato nessun input lag. Non a caso, il tempismo e l’esecuzione di alcune combo con i Joy-Con ci sono risultati piuttosto fattibili, nonostante avessimo avuto difficoltà nelle prime ore di gioco.

Il livello stilistico della serie è sempre stato a livelli alti ed anche in questo caso non si fa eccezione.

Gli artwork del gioco che accompagnano la storia sono sempre piacevoli e ben curati e lo stesso possiamo dire degli sprite di gioco (in questo caso non abbiamo l’effetto simil-3d visto da Xrd in poi), sempre ben disegnati e ispirati.

I venticinque personaggi presenti nel roster sono ben bilanciati e ognuno ha a disposizione un set unico di combo. Ky contro Zappa con mossa speciale

Si tratta in tutto e per tutto di un porting 1:1 che presenta i suoi evidenti limiti tecnici, anche il comparto audio risente leggermente del peso degli anni.

Il bello della versione Nintendo Switch è che è possibile portarsi un picchiaduro del calibro di Guilty Gear ovunque si voglia per giocarlo come e quando si vuole.

Commento Finale

In conclusione, siamo rimasti soddisfatti dal porting di Arc System Works, anche se ci saremmo aspettati qualche contenuto esclusivo per questo nuovo porting, ma così non è stato.

I limiti tecnici sono evidenti, ma la possibilità di potersi portare in giro un titolo della serie è una cosa da non sottovalutare.

Per quanto il titolo si presti principalmente a un pubblico molto raffinato, tende la mano anche ai meno esperti con un selettore della difficoltà.

Ci sentiamo in dovere di consigliare il titolo a chi ama i picchiaduro o semplicemente la serie di Guilty Gear.

Guilty Gear XX Accent Core Plus R

Riassumendo

La serie Guilty Gear è riuscita a splendere con un capitolo storico sulla console di Nintendo. Ci sentiamo in dovere di consigliarlo a chi è alla ricerca di un picchiaduro di qualità e che riesca a donare la giusta dose di competitività.

Overall
8/10
8/10

Pros

La storia è interessante ma…

Un Roster numeroso e valido

Un livello stilistico di ottima fattura

La possibilità di poterselo portare in giro con Nintendo Switch

Cons

…non semplice da capire

Qualche contenuto esclusivo non avrebbe guastato

Si sente leggermente il peso degli anni

Tags
Vedi altro

Federico Molino

Amante delle opera di nicchia e delle belle OST. Appassionato instancabile di molte cose, ma tra le tante spiccano il cinema e la fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close