FeaturedRecensioniVideogames

Crash Team Racing Nitro-Fueled – Recensione della versione PlayStation 4

Siete pronti a scaldare i motori per la nuova produzione Activision?

Dopo vent’anni dall’uscita del primo Crash Team Racing su PlayStation 1 e in seguito al remake della trilogia originale delle avventure del Bandicoot di casa Naughty Dog, Activision coglie il momento e affida a Beenox il compito di svecchiare il primo capitolo della serie di corse incentrata sul mondo di Crash.

Tra derapate sfumanti, tubi di scappamento che scoppiano a ogni turbo e missili a ricerca, le corse più pazze della storia dei videogiochi fanno il loro ritorno su PlayStation 4Xbox One e Nintendo Switch, con una veste grafica totalmente rinnovata.

Dopo ore passate in pista insieme ai personaggi, eccovi la nostra recensione dell’edizione PlayStation 4.

Il ritorno di Nitros Oxide

Come citato prima, il compito affidato a Beenox da parte di Activision era quello di svecchiare il primo gioco racing game incentrato sul mondo di Crash. Quindi come poteva mancare una modalità che fa il suo grande ritorno: la modalità Avventura, rimanendo invariata nella trama e nella mappa di gioco, quest’ultima ora arricchita di dettagli e rifiniture.

La modalità Avventura adesso è giocabile in due modi differenti: la modalità “Classica” che non porterà cambiamenti rispetto a vent’anni fa e la modalità “Nitro-Fueled” che ci consentirà di poter cambiare personaggio nel corso dell’avventura e personalizzarlo con le varie modifiche estetiche che sbloccheremo gara dopo gara.

La trama, che rimarrà invariata in base alla modalità che sceglieremo di giocare, sarà la stessa del primo CTR: un alieno di nome Nitros Oxide minaccia di distruggere la Terra, l’unica maniera per fermarlo sarà batterlo in una corsa sui Go-Kart.

Polar ritornerà tra i primi personaggi giocabili

Anche la progressione della storia rimarrà invariata. La mappa sarà divisa in cinque zone differenti, sia per gare che per ambientazione. In ogni zona saranno presenti sei corse: le prime quattro saranno obbligatorie per il completamento della storia poiché alla nostra prima vittoria otterremo un trofeo che darà accesso un’altra corsa.

Dopo aver completato le quattro gare dell’area potremo accedere alla Gara Boss, nella quale sfideremo in 1vs1 il boss della zona. Battendolo otterremo una chiave boss che ci aprirà una nuova area. Ottenute tutte le chiavi potremo finalmente sfidare Oxide in persona.

Nella sesta ed ultima gara di ogni zona, infine, potremo vincere una reliquia che più avanti ci darà accesso a delle competizioni speciali.

Crash Team Racing Nitro-Fueled recensione

L’avventura però non si ferma qui. Ogni corsa sarà giocabile in altre due modalità differenti, che sbloccheremo dopo la battaglia Boss dell’area: nellla “Corsa delle reliquie“, nella quale avremo un tempo limite in cui finire 3 giri del tracciato e verremo aiutati da delle casse che ci faranno guadagnare secondi preziosi.

Nella modalità “Sfida CTR“,una variabile delle corse classiche nella quale bisognerà, oltre che arrivare primi, anche trovare le lettere C, T e R che saranno dislocate in vari punti della mappa.

Vincere nelle modalità alternative farà ottenere rispettivamente reliquie dalla prima e gettoni dalla seconda, che ci apriranno le porte per nuove corse.

Un gameplay che lascia mozzafiato

Gara nella mappa Valle Polare

Arriviamo ora alla parte più succulenta della recensione: il gameplay. Subito entrati in pista la nuova veste grafica delle mappe risalterà ai nostri occhi. Il lavoro da parte del team di Beenox è eccelente, un restauro stilistico delle varie mappe che si avvicina alla perfezione.

Su PlayStation 4 la risoluzione è fissata a 1080p, mentre il framerate rimane sempre stabile a 30 fps senza mai dare segno di cedimento.

Il gameplay di base è rimasto lo stesso di vent’anni fa: derapate, oggetti, frutti wumpa e i correlati potenziamenti, le indimenticabili scorciatoie, ci sono proprio tutti. L’unica pecca è l’assenza di nuovi oggetti che non avrebbe fatto sicuramente male al bilanciamento delle gare.

In alcune mappe non c’è da nascondere che, nonostante il rinnovamento grafico, la vecchiaia si sente comunque, ma ciò non rovinerà le ore che passerete sui vostri kart. Il gioco comprende più di trenta tracciati tra mappe per corse e battaglie, modalità 1vs1 dove due giocatori si ritroveranno a lottare con i loro Kart gettandosi ogni oggetto presente contro.

Di questi trenta tracciati ne fanno parte ben tredici tratti da Crash Nitro Kart, il titolo uscito nel 2003 su PlayStation 2.

Crash Team Racing Nitro-Fueled

In totale il gioco comprende 25 personaggi divisi in 3 categorie: principianti, i personaggi consigliati per chi si approccia per la prima volta al titolo caratterizzati da un’alta maneggevolezza e da scarsa accelerazione; intermedi, personaggi equilibrati nelle statistiche e consigliati per chi già ha avuto esperienza con la serie; avanzati, consigliati per gli esperti della serie e caratterizzati da una scarsa manovrabilità e da un’alta accelerazione. Questo numero aumenterà con i futuri aggiornamenti.

Tutti i personaggi possono essere personalizzati, dal semplice cambiare il pattern di colori al variare completamente l’aspetto. Anche i Kart saranno altamente personalizzabili sia nel modello sia nei colori e nelle decorazioni. La maggior parte delle personalizzazioni e dei personaggi saranno acquistabili all’interno del “Pit Stop” tramite i crediti Wumpa, che saranno ottenibili completando le gare nelle varie modalità del gioco.

Online con non pochi problemi

Varie personalizzazioni presenti nel in Crash Team Racing Nitro-Fueled

La modalità online, su cui Beenox dovrà puntare per garantire longevità al suo titolo, ha avuto un inizio molto travagliato, caratterizzato da un day 1 tragico: lobby che non si riempivano, matchmaking lento e le persone che si teletrasportavano in gara erano i problemi più evidenti.

Subito Beenox è intervenuta con una patch che ha tentato rattoppare il problema, e ci è parzialmente riuscita poiché il matchmaking è già stato notevolmente velocizzato e adesso ci si disconnette dalle lobby molto più di rado.

Oltre i problemi iniziali riguardanti la connessione, l’online di Crash Team Racing soffre di evidenti mancanze, in particolare sulle modalità, poichè al momento vi sono solo le semplici corse e la modalità battaglia. Speriamo che in futuro Beenox aumenti le modalità dell’online. Inoltre segnaliamo che è possibile creare stanze per giocare con gli amici in privata.

Conclusioni finali

Tirando le somme Crash Team Racing Nitro-Fueled è la perfetta reincarnazione di uno dei giochi PlayStation 1 più amati e richiesti dal pubblico. Il lavoro grafico del team di Beenox riesce a ridare nuova vita a un gioco che portava vent’anni sul suo groppone, nonostante ciò alcune mappe risentono ancora di vecchiaia.

Inoltre la presenza sia dei trucchi storici presenti nella versione PlayStation 1 sia di contenuti provenienti da Crash Nitro Kart mettono la ciliegina su un lavoro gestito egregiamente.

Infine vi ricordiamo che Crash Team Racing Nitro-Fueled è disponibile dal 21 giugno su PlayStation 4, Xbox One e Nintendo Switch.

 

Crash Team Racing Nitro-Fueled

Riassumendo

Crash Team Racing Nitro-Fueled si presenta come un’ottimo svecchiamento dell’originale Crash Team Racing, che consentirà alle nuove generazioni e ai fan di vecchia data di riscoprire uno dei migliori titoli basati sul Bandicoot e il suo contorto universo. La presenza di contenuti da Crash Nitro Kart mette la ciliegina sulla torta per quello che è stato un ottimo lavoro da parte di Beenox. Unica pecca la non aggiunta di nuovi oggetti in gara.

Overall
8.5/10
8.5/10

Pros

Fedele all’originale

Gran numero di contenuti

Personalizzazione elevatissima

Supporto post lancio

Cons

Alcune mappe sono invecchiate male

La mancata aggiunta di nuovi oggetti che bilancino maggiormente l’esperienza

Tags
Vedi altro

Giuseppe La Face

Nintendaro fin da piccolo, pensa ancora di poter diventare forte su Smash e vincere qualcosa. Fan di varie serie come Monster Hunter (senza mani) e Persona.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close