FeaturedRecensioniVideogames

Senran Kagura Reflexions – Recensione

Un nuovo spinoff della serie Senran Kagura

Nel 2014 uscì su Nintendo 3DS Senran Kagura Burst, il primo titolo di una serie che da lì a pochi anni avrebbe conquistato un’enorme fetta di pubblico grazie ai capitoli musou che uscirono successivamente su PlayStation 4 PS Vita. 

Il punto di forza delle serie si sviluppò proprio grazie a quest’ultimi che fondevano un sistema di gioco ben studiato, ma al contempo molto semplice, con l’ enorme quantità di fanservice che da sempre ha contraddistinto la serie. 

Grazie a ciò, il franchise ha guadagnato un enorme fama portando il team di sviluppo a realizzare non solo dei veri e propri seguiti ma anche una serie di titoli secondari che andavano a toccare generi videoludici esterni al musou, come rhythm game, sparatutto, party game e molti altri. 

Questa volta ci troviamo a trattare Senran Kagura Reflexions, titolo spinoff uscito in precedenza su Nintendo Switch e che ora vede un suo esordio anche su PC. 

Il team Marvelous sarà riuscito a proporre un buon prodotto rispettando la formula che da sempre ha contraddistinto la serie Kagura? Scopritelo insieme a noi grazie alla nostra recensione! 

Aiutiamo Asuka a risolvere i suoi problemi

Asuka che viene massaggiata dal giocatore

La trama di Senran Kagura Reflexions è molto semplice: Asuka si sente incompleta senza la propria metà amorosa e starà a noi, tramite dei massaggi mirati, indurla a fare dei sogni erotici che serviranno a risolvere i suoi problemi.

Il nucleo del gameplay consiste nell‘aiutare la famosa ninja attraverso le tre fasi di gioco. All’inizio ci si troverà a stringere le mani della nostra protagonista che se massaggiate ci trasporteranno in una delle sue fantasie. 

Asuka versione sportiva

Qui inizierà la seconda fase del gioco. Infatti, tramite l’utilizzo delle levette analogiche e dei grilletti, potremmo spostare le nostre mani, utilizzare il liquido idratante e anche spostare la visuale per decidere quale parte del corpo toccare e quale azione effettuare. 

In base all’azione/parte del corpo toccata, intorno alla nostra protagonista, apparirà un’aura di colore diverso che rappresenterà i suoi sentimenti. Il colore selezionato andrà ad influire su quello di un cristallo che alla fine di ogni run comporrà uno dei pezzi del cuore di Asuka.

Dopo di ciò si passerà al Glorious Reflexology. In parole povere, utilizzando degli oggetti particolari dovremmo massaggiare la nostra protagonista cercando di utilizzare i comandi per mantenere l’indicatore all’interno della mezzaluna che indica lo stato di piacere.

Dopo l’animazione finale il cristallo precedentemente descritto si riempirà e verremo riportati davanti ad Asuka per poi ripetere tutte le fasi prima citate.

Diorama, personalizzazione e modalità Mini-Reflexology

Asuka nel menu di gioco

Oltre alla modalità storia il gioco mette a disposizione altre tre modalità extra ovvero: Dress-Up, dove potremo personalizzare liberamente Asuka con vari stili di capelli e accessori ottenibili tramite il completamento della modalità storia.

La modalità Mini-Reflexology, che permette di interagire direttamente con la nostra personale Asuka accarezzandola e massaggiandola praticamente all’infinito senza mai passare alla Glorious Reflexology.

Infine c’è la possibilità di creare dei diorama. Grazie a questa opzione il giocatore potrà posizionare Asuka su uno sfondo a scelta, aggiungere vari effetti, decidere come vestirla e che espressione farle assumere e infine salvare il tutto. 

Reparto tecnico

Asuka versione idols

A livello tecnico, Senran Kagura Reflexion, si presenta con un comparto grafico piuttosto buono. Il modello di Asuka non risulta minimamente inferiore a quello di uno dei titoli della serie principale. 

Per gli scenari, Marvelous, ha optato per i classici scenari 2D tipici di molte visual novel, rendendo il tutto molto gradevole alla vista.

Parlando del reparto sonoro non c’è molto da dire. Lo spinoff, proprio come la serie principale, presenta un ottimo doppiaggio e delle OST che si fondono bene alle scene che ci verranno proposte. 

In conclusione 

Senran Kagura Reflexions si presenta come un titolo piuttosto discreto. Non è certamente un capolavoro e, per via della sua ripetitività, risulta un gioco diretto solo ai fan più accaniti della serie.

Per tutti gli altri potrà risultare un gioco molto poco originale e che a lungo andare annoierà, tuttavia potrebbe anche suscitare interesse per gli altri vari spinoff della saga.

Riassumendo

Senran Kagura Reflexions si presenta come un titolo piuttosto discreto e ripetitivo.

Consigliato solamente ai fan accaniti della serie!

Overall
6.5/10
6.5/10

Pros

  • Modelli e scenari veramente belli
  • Personalizzazione varia e ben strutturata
  • Musiche e doppiaggio per nulla inferiori alla serie principale

Cons

  • Molto ripetitivo
  • La storia è molto mediocre
  • Durata di gioco inferiore alle tre ore
Tags
Vedi altro

Mario Cofano

Appassionato di cultura Videoludica e animazione, in particolare predilige i giochi di stampo orientale. Apprezza molto quando un titolo dà la giusta importanza sia a gameplay, trama e grafica senza però eccedere troppo in nessuno di essi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close