FeaturedRecensioniVideogames

Pawarumi – Recensione dell’edizione Nintendo Switch

Gli RGB come non li avete mai visti

“The rock-paper-scissor shoot’em up”. Così Manufacture43 descrive Pawarumi, il suo primo lavoro uscito il 30 Gennaio 2018 su PC via Steam e il 24 Luglio 2019 su Xbox One e Nintendo Switch.

Dopo varie ore di prova, eccovi la nostra recensione dell’edizione Nintendo Switch.

RGB: la base del gameplay

Pawarumi non è uno shoot’em up come gli altri: non sono presenti potenziamenti per i colpi primari o possibilità di avere un colpo secondario, raccogliere bombe o proteggersi dietro uno scudo.

In Pawarumi non è presente nulla di ciò, differenza spiegata da un gameplay che ci fornisce sin dal primo minuto ogni suo elemento.

Avremo infatti a disposizione la barra della vita e della super in primis, il tutto basato su una meccanica molto stravagante e originale, che gira attorno alle varie interazioni tra i vari colori che useremo e i nostri nemici.

Infatti i nostri proiettili saranno di tre colori diversi: rossi, verdi e blu. Ma la vera particolarità saranno le interazioni che i vari colori avranno con i nemici. Questi ultimi saranno di uno dei tre colori citati e gli effetti che i nostri proiettili avranno cambieranno in base al nemico.

I proiettili rossi saranno efficaci contro i nemici di colore blu, ma allo stesso tempo se usati contro i nemici di colore verde ricaricheranno la barra della super e se usati contro i nemici dello stesso colore ricaricheranno la barra della vita e così per gli altri due colori.

In parole povere, si tratta di una situazione rock-paper-scissors, che dovremo saper gestire e padroneggiare durante le nostre ore di gioco nella modalità Arcade.

I più esperti impareranno sicuramente come usare al meglio i diversi colori , così da poter massimizzare i punti e scalare le classifiche online.

Stile particolare ma non riuscito

Gameplay di Pawarumi con raggi fucsia

Lo stile adottato dai ragazzi di Manufacture43 per i vari stage è veramente particolare. Un tentativo di mischiare lo stile neo-maya/aztecho che però non riesce a risaltare all’occhio e che spesso sembra essere troppo pesante e porta il gameplay ad essere confusionario.

Se a livello stilistico non si ha un ottimo lavoro, il level design è invece ottimo, con un perfetto posizionamento dei vari nemici e della scelta del loro colore, che riescono a rendere i vari livelli unici tra loro.

Assenza di modalità in game

Il gioco comprende due sole modalità: Arcade e Allenamento.

La modalità Arcade sarà la modalità principale del gioco, divisa in tre difficoltà differenti, Facile, Normale e Difficile, che tra di loro differenziano in nemici e ordine degli stage.

Saranno inoltre presenti delle grafiche statiche rappresentanti la protagonista e pilota Axo che ci racconterà la lore dietro al gioco prima di ogni stage.

Uno dei boss del gioco

La modalità Arcade sarà collegata ad una classifica online. Per questo Manufacture43 ha deciso di fornire una sola vita a disposizione durante la run. Decisione abbastanza pesante e che potrebbe portare a far soffrire il gioco di ripetitività.

La modalità Allenamento invece ci consentirà di ripetere i vari livelli nelle diverse difficoltà disponibili, così da non dover per forza avviare una run in Arcade.

Conclusioni finali

Pawarumi è uno shoot’em up figlio dei nostri giorni, che porta una grande novità all’interno del genere. Il gioco riesce a essere frenetico, ma pienamente controllabile.

Imparare a memoria i vari stage e le varie fasi è un piacere sia per i più esperti che per i novizi del genere. Nonostante ciò, le limitazioni tecniche hanno il loro impatto, soprattutto su uno stile non troppo azzeccato da parte del team.

Infine vi ricordiamo che Pawarumi sarà disponibile a partire dal 24 Luglio 2019 su Nintendo Switch e Xbox One ed è già disponibile su PC via Steam.

Overall
8/10

Riassumendo

Pawarumi è un moderno shoot’em up, che nella sua semplicità alla base riesce a trarne un gameplay ottimo e veramente unico. Peccato per la brutta scelta stilistica, compensata da un ottimo level design.

Inoltre, l’assenza di modalità grava sulla longevità del titolo, che in poco tempo renderà le vostre run monotone.

Pros

  • Gameplay innovativo
  • Ottimo level design
  • Divertente sia per esperti della serie che per neofiti

Cons

  • Brutta scelta stilistica
  • Poche modalità
Tags

Giuseppe La Face

Nintendaro fin da piccolo, pensa ancora di poter diventare forte su Smash e vincere qualcosa. Fan di varie serie come Monster Hunter (senza mani) e Persona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close