Monster HunterMonster Hunter World: IceborneNews

Monster Hunter World: Iceborne – Mostrati il Brachydios e altre novità

Un nuovo drago anziano fa la sua apparizione

Capcom ha tenuto una nuova livestream dedicata a Monster Hunter World: Iceborne, nella quale sono state svelate numerose novità sull’espansione.

Il ritorno esplosivo del Brachydios

Render del Brachydios per Monster Hunter World Iceborne

Nel corso della livestream è stato presentato ufficialmente il Brachydios, il Wyvern Brutale apparso per la prima volta come flagship di Monster Hunter 3 Ultimate.

Come in passato, questo mostro combatterà usando le sue zampe e la testa per spargere in giro una melma esplosiva, che può attaccarsi ai cacciatori. In questo titolo otterrà anche nuove mosse, che secondo gli sviluppatori daranno alla melma proprietà differenti, come un timer di esplosione più breve o la capacità di impedire i movimenti del cacciatore.

Sono stati mostrati anche dei combattimenti contro il Barioth, altro mostro che fa il suo ritorno da Monster Hunter Tri, e l’Acidic Glavenus, subspecie del flagship di Monster Hunter Generations.

È stato infine svelato un mostro completamente nuovo, il drago anziano Namielle. Questo drago sarà in grado di manipolare l’acqua a proprio piacimento, ma non sono state fornite ulteriori informazioni a riguardo.

Il nuovo drago anziano namielle

Il nuovo arco narrativo

Il trailer mostrato durante la diretta svela anche alcune cutscene inedite, dalle quali è possibile intuire alcuni elementi della trama di Monster Hunter World: Iceborne.

Il team di sviluppo ha dichiarato di voler espandere ulteriormente la narrativa di Monster Hunter: World con questa espansione, approfondendo ulteriormente sia elementi dell’ambientazione, sia la caratterizzazione di alcuni personaggi.

Una nave della 5a flotta lascia astera

Aggiustamenti alle meccaniche di gioco

Sono state quindi elencate tutte quante le modifiche apportate al bilanciamento di gioco. Queste comprendono cambiamenti ai danni di determinate mosse, modifiche al funzionamento di certe abilità e anche ritocchi all’intelligenza artificiale di determinati mostri.

Gli sviluppatori hanno presentato anche diversi miglioramenti apportati al resto del gioco, come lo scaling della difficoltà della missione in tempo reale in base al numero di giocatori, nuove opzioni per matchmaking e alcune novità presso il fabbro.

Una di queste prevede l’applicazione di speciali pendenti alle proprie armi, che tuttavia avranno una funzione solamente decorativa e non forniranno alcun bonus.

Delle doppie lame con un pendente attaccato all'elsa

Essi potranno essere ottenuti in vari modi, procedendo nella storia principale, completando quest secondarie oppure sfruttando una nuova funzione chiamata “Hunter Helper

Questa funzione andrà a beneficio dei cacciatori di Rango Maestro che andranno ad aiutare i compagni di Alto e Basso Rango, o quelli di Alto Rango che andranno in missione coi novellini.

Così facendo essi riceveranno un oggetto extra a fine missione, che dipenderà dalla differenza di rango tra i due giocatori. Tra le varie ricompense possibili ci sono proprio alcuni pendenti.

Monster Hunter World: Iceborne uscirà su console il 6 Settembre, mentre arriverà su PC a Gennaio 2020. Se volete saperne di più sul gioco, vi invitiamo a leggere il nostro Provato della beta.

Fonte: Capcom

Tags
Vedi altro

Alberto Marcuzzi

Amante dei videogiochi di ogni genere fin dalla tenera età, è inevitabilmente attratto dai titoli provenienti dalla terra del Sol Levante. Quando inizia un nuovo gioco, non è soddisfatto finché non ne ha sviscerato tutte le meccaniche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close