AnteprimeFeaturedVideogames

Cyberpunk 2077 – La nostra anteprima dalla Gamescom 2019

Il nuovo ambizioso titolo di CD Projekt è sempre più vicino

Cyberpunk 2077, che fino a qualche anno fa sembrava ancora un miraggio, si sta finalmente avviando verso il suo rilascio. Durante la Gamescom di quest’anno abbiamo avuto modo di partecipare ad una demo a porte chiuse del titolo e siamo qui per condividere con voi le nostre impressioni sul nuovo gioco di CD Projekt.

Tipo di gioco e ambientazione

Per quei pochi che non fossero a conoscenza del gioco, si tratta di un Action RPG in prima persona con una forte componente narrativa. CP2077 è ambientato a Night City, una città futuristica in cui gli eccessi e la criminalità sono all’ordine del giorno.

Una scena di uno dei primi trailer mostrati di Cyberpunk 2077

La tendenza dei cittadini, che è diventata per molti una vera e propria dipendenza, è quella di modificare le proprie parti del corpo con supporti cibernetici. Molte persone arrivano addirittura a farsi sostituire gli arti per poter avere migliori prestazioni fisiche, non mancano inoltre modifiche al sistema nervoso, all’apparato ottico e a quello uditivo.

Il tutto avviene attraverso un sofisticato mercato nero che permette ai cittadini di installare modifiche altrimenti illegali.

Un viaggio attraverso Night City

La demo che è stata mostrata è stata giocata dagli sviluppatori, quindi non abbiamo avuto modo di mettere mano sul gioco, ma le impressioni sono state comunque molto positive.

La demo si è aperta con la breve dimostrazione delle possibilità di personalizzazione estetica del proprio protagonista, dopodiché è cominciata subito una missione. L’obiettivo del protagonista era quello di trovare un contatto da cui farsi dare nuove informazioni, quindi siamo subito entrati nel cuore dell’esplorazione di Night City.

Personalizzazione del personaggio in Cyb

Inutile dire che già dopo pochi minuti di demo siamo rimasti a bocca aperta. Night City è qualcosa di mai visto finora nei moderni videogiochi open world, vista la quantità incredibile di eventi, azioni, personaggi ed altro ancora che si muove a schermo. La sensazione è quella che la città sia viva e reattiva e non solo un’entità passiva al giocatore.

La sensazione che la demo lasciava traspirare era quella di un mondo in cui immergersi completamente, perdendosi fra gli affascinanti quartieri della città. L’atmosfera e le ambientazioni del gioco sono pura libidine per chi è amante dei contesti cyberpunk alla Blade Runner. Inoltre i vari NPC presenti in gioco sono talmente diversi nel loro aspetto e nei loro modi di fare da rendere la città ancora più realistica.

Girando per le vie di Night City ci è stato mostrato come sia possibile fare acquisti nei vari negozi in giro per la città, così da poter comprare tutto ciò che ci interessa. In particolare ci è stato fatto vedere l’acquisto di nuovi vestiti ed accessori, così da poter personalizzare come più ci garba il nostro protagonista.

Dopo qualche conversazione con dei tipi loschi e qualche giro per raggiungere la destinazione del protagonista, abbiamo incontrato un nuovo personaggio di nome Placide.

I Voodoo Boys e gli scontri fra gang

Placide mostrato in uno screenshot ufficiale del gioco

Placide è uno dei leader dei Voodoo Boys, gang che presiede il quartiere chiamato Pacifica, ed ha un lavoro per noi. L’obiettivo è quello di intrufolarci dentro un vecchio centro commerciale abbandonato che è stato conquistato dalla gang degli Animals.

Inutile dire che la gang rivale sta creando problemi e che quindi toccherà a noi fare il lavoro sporco. Durante questi intermezzi ci è stato possibile notare quanto siano importanti ed influenti le scelte fatte nei dialoghi. Difatti ogni nostra scelta scatenerà un effetto farfalla che andrà ad avere ripercussioni sul resto gioco.

Rispondere in un certo modo o in un altro potrebbe aprire o chiudere delle possibilità di approccio alla risoluzione di una determinata situazione. Questo perché le relazioni con i vari personaggi saranno fondamentali ed essere aggressivi con alcuni potrebbe compromettere il rapporto con essi, ad esempio.

Il leader dei Voodoo Boys
Nel trailer della conferenza E3 di Microsoft, per esempio, i modi bruschi del protagonista hanno portato a un litigio col leader dei Voodoo Boys

In altre situazioni ancora è possibile utilizzare diverse opzioni di dialogo in base al background scelto per il nostro protagonista, aprendo così altre vie ed altre possibilità.

Inutile dire che in tutto questo, la sceneggiatura è di altissimo livello ed è accompagnata da un doppiaggio altrettanto ottimo. La resa finale è qualcosa di magico.

Durante la conversazione con Placide, V (il protagonista) sarà costretto a collegarsi tramite un connettore ad un macchinario dei Voodoo Boys. Questo dispositivo permetterà al capo dei Voodoo Boys di entrare in collegamento con i sistemi ottici e uditivi di V, così da poter controllare i suoi progressi durante la missione e dargli supporto.

V accetta, seppur titubante e molto remissivo nei confronti di questa scelta, visto che non si fida particolarmente di Placide. È ora di raggiungere la destinazione e di entrare in azione.

Nel tragitto fatto dalla base dei Voodoo Boys al centro in disuso abbiamo potuto osservare anche il sistema di guida dei veicoli. Durante la demo è stata scelta una moto, ma ci è stato assicurato che saranno presenti molti tipi di veicoli.

Cyberpunk 2077 moto

È difficile giudicare il sistema di guida solamente osservando, anche se la prima impressione è stata quella che sia ancora un po’ troppo legnoso e poco reattivo. Bisognerà aspettare per poter giudicare con mano a prodotto finito.

Una libertà senza precedenti

Arrivati a destinazione, il team di sviluppo ha sottolineato come fosse possibile scegliere in assoluta libertà l’approccio per completare la missione. Il level design è stato infatti strutturato in modo tale da rendere possibile il completamento dell’obiettivo in svariati modi.

Per iniziare è stato scelto l’approccio stealth, ed ecco che il protagonista si è avvicinato di soppiatto ad un garage da cui stavano uscendo alcuni membri della gang, approfittando così del momento per entrare senza farsi vedere.

Approccio stealth in Cyberpunk 2077

Il personaggio della demo aveva delle abilità incentrare principalmente sull’hacking, di conseguenza tutto il percorso della missione è stato svolto in modo da mettere in pratica tutto ciò che avrebbe potuto fare.

V è stato infatti in grado di hackerare telecamere, creare distrazioni spegnendo schermi, manipolare i sistemi di sicurezza dei nemici ed altro ancora. Fra le varie zone del centro commerciale era presente una palestra, dove alcuni membri della gang si stavano allenando.

Uno di questi stava facendo boxe con un robot per l’allenamento, mentre un secondo sgherro stava alzando la sbarra sulla panca piana. Avvicinandosi di soppiatto, V manipola il robot da allenamento in modo tale da fargli sferrare un colpo fatale in pieno viso.

Subito dopo, sempre grazie alle sua abilità, hackera la panca piana elettronica così da bloccare il manubrio sulla gola del povero malcapitato che si stava allenando. Questi due esempi sono solo alcune delle tante possibilità che il gioco propone per completare le missioni.

Altri bersagli sono stati poi uccisi con un’arma corpo a corpo simile ad una frusta futuristica. Questo elemento conferma la possibilità di combattere sia in modo ravvicinato (anche a mani nude) che dalla distanza con le varie armi da fuoco.

Arrivati a questo punto, la demo si è interrotta per poi ricominciare dall’esterno del centro commerciale. Questa volta il personaggio principale aveva caratteristiche e statistiche completamente differenti, basate principalmente sulla forza bruta e sulla capacità di utilizzare al meglio le armi.

Approccio violento in Cyberpunk 2077

Questa volta V si è aperto la strada a suon di proiettili, facendo fuoco e fiamme sui poveri Animals all’interno del centro commerciale. Porte bloccate? Nessun problema. Grazie alla forza delle braccia cibernetiche è possibile sfondarle ed aprirsi il passaggio.

In un secondo momento, il protagonista si è trovato in una sala circondato da nemici e con una torretta pronta a sparare a qualsiasi cosa si avvicinasse. Con una corsa atletica, V è corso dietro la postazione con la torretta e l’ha staccata di forza dal supporto sui cui è montata.

E qui abbiamo potuto apprezzare il detto “ripagare con la stessa moneta”, visto che il protagonista ha iniziato a sparare all’impazzata in tutta la stanza grazie alla torretta portata in giro di peso. Grazie a ciò è stato possibile analizzare il gunplay del titolo, che precedentemente non sembrava convincere.

Vi possiamo assicurare che anche questo aspetto sembra migliorato notevolmente, grazie ad una resa realistica delle armi e a degli effetti sonori di grande qualità. È presente anche una buona distruttibilità ambientale capace di mostrare le capacità del motore grafico.

Gameplay di sparatorie durante Cyberpunk 2077

Ovviamente tutto ciò è stato possibile grazie alla capacità di forza bruta di questo personaggio, il che ci fa capire quanto l’esperienza di gameplay possa variare da un giocatore all’altro. Mostrare la stessa missione svolta in modi completamente differenti è stato sicuramente intelligente da parte del team di sviluppo, visto che ha fatto in modo di risaltare le possibilità fantasiose lasciate al giocatore.

Le possibilità di crescita, modifica e personalizzazione del proprio personaggio sembrano essere quindi estremamente profonde e curate. Ciò non può fare altre che farci piacere ovviamente, visto che l’immersione è sicuramente aiutata in modo particolare da quest’aspetto.

Una difficoltà resa al punto giusto

Verso la fine della missione c’è stata un’intensa boss battle che ci ha colpito per la frenesia dell’azione.

Il capo degli Animals non è stato un bersaglio semplice da abbattere ed il suo moveset ci è sembrato variegato al punto giusto. Se la difficoltà del titolo finale si conferma essere di questo livello, possiamo aspettarci un buon livello di sfida.

Il capo degli Animals
Artwork ufficiale del capo degli Animals, Sasquatch

Dopo lo scontro c’è stato un colpo di scena davvero inaspettato, ma che abbiamo scelto di non raccontarvi per evitare troppi spoiler riguardanti la trama del gioco. Vi possiamo sicuramente dire che se il livello narrativo rimane su questo standard per l’intera produzione, ci troviamo davanti a qualcosa di magistrale.

Con questo plot twist la demo si è conclusa, lasciandoci decisamente a bocca aperta. Non conosciamo la configurazione del PC su cui stava girando la demo, ma da quello che abbiamo visto anche il livello tecnico è altissimo.

Non ci sono stati cali di framerate e gli effetti particellari delle esplosioni ci sono sembrati di ottima fattura. Anche il sistema di illuminazione sembra essere stato curato nei minimi dettagli, visto che il sistema di ciclo giorno-notte permette di apprezzare particolarmente quest aspetto.

Le nostre conclusioni

Cyberpunk 2077 ha tutte le carte in regola per poter essere il prossimo capolavoro di CD Projekt, grazie alla sua ambientazione mozzafiato e la cura maniacale riposta dagli sviluppatori in tutti i suoi aspetti. L’unico dubbio che ci è rimasto riguarda il sistema di guida che potrebbe sicuramente essere migliorato.

Non vediamo l’ora di poter mettere mano in prima persona al gioco per potervi dare un parere più accurato riguardo quest’opera. Fino ad ora le aspettative sembrano che siano state mantenute, vedremo se l’effetto sorpresa riuscirà a rimanere impresso fino all’uscita del gioco ad Aprile 2020.

Per maggiori informazioni sulla Gamescom 2019, vi consigliamo di dare un’occhiata ai nostri provati di Marvel’s Avengers e di Sniper: Ghost Warrior Contracts.

Vi lasciamo infine con un po’ di immagini scattate da noi direttamente all’interno dello stand dedicato a Cyberpunk 2077:

 

 

 

 

 

Tags
Vedi altro

Mattia Incoronato

Classe '98, appassionato fin da piccolo da videogiochi e tecnologia, studente universitario presso la facoltà di informatica di Camerino. Patito della DC Comics, del cinema e del rap italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close