AnteprimeFeaturedVideogames

Luigi’s Mansion 3 – Provato alla Milan Games Week

Riuscirà il pauroso Luigi a fronteggiare i fantasmi?

Luigi, l’adorato sempiterno fifone e mascotte numero due di Nintendo, ha avuto il suo periodo di gloria nel 2001, quando uscì per GameCube Luigi’s Mansion, capostipite della saga che continua a far ridere chi l’ha giocato in passato e rapisce i neofiti della serie.

Durante la Milan Games Week del 2019, abbiamo avuto la possibilità di giocare una demo di 15 minuti del gioco nella sezione del padiglione dedicato a Nintendo. La demo era inedita, e mostrava uno scenario ben diverso dal gameplay tenutosi alla Gamescom.

Le sensazioni iniziali

La demo introduce il giocatore con un breve tutorial che fa vedere le basilari meccaniche di gioco tramite il Poltercucciolo, che funziona da cavia per far vedere come usare il flash per abbagliare i fantasmi o il sistema di aspirazione del Poltergust.

Terminato il tutorial il gioco parte, facendo vedere l’ingresso dell’idraulico pauroso in un misterioso castello, la cui presenza infastidisce il fantasma che lo presiede, apparentemente un defunto nobile.

Possiamo vedere Luigi che spavaldamente agita la torcia di fronte al Poltercucciolo

A differenza della sensazione arcade che dava Luigi’s Mansion 2, il terzo capitolo evince immediatamente un carattere molto più simile al primo capitolo, di esplorazione ed avventura. Una peculiarità molto interessante di questa demo è stata la possibilità di poter girare l’intero livello come più ci garbava, lasciando una parvenza di esplorazione quasi totale del quadro.

Attraversata la prima porta, ci ritroveremo di fronte alla prima orda di fantasmi, e siccome è la nostra prima battaglia effettiva, il Poltercucciolo comparirà per suggerirci le azioni da fare, nel caso ci fossimo dimenticati i tasti principali.

Una piccola grande carenza, speriamo momentanea

Sfruttando il giroscopio dei controller Switch, potremo muovere la mira dal basso verso l’alto e viceversa, ma non per ruotare la mira orizzontalmente, mentre coi dorsali potremo aspirare aria o spingerne via col nostro Poltergust G-00.

Purtroppo siamo rimasti scontenti della mappatura dei comandi, perché a differenza del controller GameCube, i tasti sono più lontani dallo stick della mira, rendendo la partita più complicata da giocare del previsto. Per esempio, mentre mireremo con la torcia per abbagliare i fantasmi dovremo premere il pulsante A, e nel frattempo ruotare lo stick, un movimento decisamente scomodo.

Chiedendo allo staff se i comandi saranno rimappabili nella versione completa non abbiamo ricevuto una risposta.

Goomluigi è una sostanza ectoplasmica che ci aiuterà a risolvere alcuni enigmi e a passare attraverso zone pericolose che Luigi non può attraversare.

Il comparto grafico è molto buono, avremo animazioni uniche e differenti ogni volta che Luigi tremerà di paura o per i fantasmi ogni volta che vorranno farci un dispetto diverso. Il gioco è fluido e non da la parvenza di calare di frame anche con molti elementi in azione e in movimento nello scenario.

La difficoltà generale del gioco è buona, non è troppo difficile, ma ci si dovrà impegnare per non essere sopraffatto dai nemici. Mentre all’inizio della stanza saremo costretti ad affrontare pochi spettri, man mano aumenteranno in numero e varietà, senza però risultare eccessivamente pericolosi.

La demo ci ha lasciato molto contenti, dovendo sfruttare appieno tutti gli accessori in dotazione di Luigi per poter riuscire nell’impresa. Siamo molto soddisfatti dell’esperienza e non vediamo l’ora di giocarci.

Luigi’s Mansion 3 uscirà in esclusiva per Nintendo Switch il 31 Ottobre 2019.

Tags
Vedi altro

Giovanni Panoga

Videogiocatore di non troppa vecchia data e appassionato di viaggi mal organizzati. Nel tempo libero lavora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close