FeaturedRecensioniVideogames

Ciconia When They Cry – Recensione

L'ultima opera del maestro Ryukishi07

Finalmente Ciconia When The Cry: Phase 1: For You, the Replaceable Ones sbarca anche in Occidente su Steam, segnandosi come il quinto titolo della serie When They Cry, che molti conosceranno per Higurashi e Umineko.

Sfortunatamente, è disponibile solo la prima parte (su 4) che pone le basi per uno sviluppo futuro veramente molto interessante. Noi di GameIndustry.it vi parliamo di questo nuovo titolo che promette davvero tanto!

La trama di Ciconia

Dopo una traumatica terza guerra mondiale, il mondo era ormai sull’orlo della distruzione. Grazie ai progressi della tecnologia, è stato possibile salvare il pianeta e garantire l’ulteriore sviluppo della vita umana.

Tuttavia, circa 100 anni dopo dalla mancata catastrofe, una nuova tecnologia minaccia ancora una volta la quiete bellica delle nazioni. Stiamo parlando del “Gauntlet“, un bracciale di uso militare dalla potenza sconfinata! Solo alcuni giovani prodigi sono in grado di impugnarne uno e di usarne il potere.

Da quest’ultima premessa si nota come i protagonisti di questa avventura siano i giovani e non gli adulti,un luogo abbastanza comune a molte opere nipponiche, tra l’altro.

In questa prima parte non mancheranno innumerevoli colpi di scena e dettagli nascosti, che rendono la narrazione abbastanza interessante e degna del maestro Ryukishi07.

Ovviamente, rimarranno molti punti interrogativi alla fine, dato che il resto verrà sviluppato successivamente, ma reputiamo che il giocatore possa farsi molte idee su cosa potrebbe accadere in seguito!

Comparto tecnico superiore

Uno dei punti di forza di Ciconia risiede proprio nel comparto tecnico, che segna un miglioramento notevole rispetto agli altri titoli della serie When They Cry.

Sarà disponibile non solo una grafica in HD, ma anche delle animazioni più dettagliate, delle cutscene migliori e un comparto sonoro ottimo che risente delle influenze di Umineko.

Monologo di Miyao, il protagonista che indossa un Gauntlet

Nota importante per i meno esperti o per chi non conosce bene la serie, non aspettatevi che il lato tecnico sia curato quanto il resto, dato che le opere di Ryukishi07 non sono mai state eccelse sotto questo punto di vista.

Per quanto riguarda invece l’interfaccia non segnaliamo nulla di particolare, ma è abbastanza gradevole e semplice.

Il distacco col passato

Ignorando i discorsi puramente tecnici, molti lettori saranno interessati a capire in cosa differisce Ciconia dagli altri titoli della serie When They Cry.

In primis, il tipo di mistero e il setting dell’opera sono totalmente diversi e si punta a un clima più fantascientifico ed al tempo stesso sempre filosofico. Ma non disperate, rimangono sempre presenti le scenette in stile anime e gli intermezzi esilaranti.

Okonogi ed esempio di dialogo

Sono numerose le critiche allo stile di vita dell’uomo e a come viene gestita la società, che risulta schiavizzata dalla tecnologia e dalle comodità. Non mancano inoltre i cenni al mondo dell’occulto e ai complotti, tematiche che si abbinano molto bene al tipo di società descritta in Ciconia.

Giocando farete sicuramente qualche collegamento a Higurashi o Umineko, ma non aggiungiamo altro per evitare spiacevoli spoiler. Al momento possiamo solo dirvi che non c’è nulla di palesemente esplicito, quindi potete godervi il titolo anche non sapendo niente su When They Cry.

Una piccola precisazione, essendo ancora la prima parte non ci sbilanciamo più di tanto sulla caratterizzazione dei personaggi, ma in questo caso il cast è veramente grande.

Alcuni personaggi vengono rilegati a qualche scenetta ma mai approfonditi nel dettaglio, sicuramente un rischio che va affrontato quando si decide di allargare di così tanto il cast!

Un prezzo un poco esoso…oppure no?

In molti si sono lamentati del prezzo di Ciconia, che viene venduto a ben €35 circa, una cifra non da poco per un gioco che dura sulle 15 ore approssimativamente.

Effettivamente, il prezzo può risultare non adatto a tutti, specialmente se paragonato agli episodi di Umineko o Higurashi. Tuttavia, siamo del parere che sia meglio esaminarne comunque le cause..

La causa principale risiede proprio nel cambio dello stile di vita dello staff, che è significativamente invecchiato con gli anni. Si può intuire come non vi siano stati grossi cambiamenti all’interno dello staff o ricambi generazionali, probabilmente per garantire la stessa qualità dei titoli precedenti.

Schermata iniziale di Ciconia When They Cry

Nonostante i problemi di salute o familiari di alcuni membri del team, possiamo dire che ci riteniamo abbastanza soddisfatti da quanto visto in questo primo episodio di Ciconia!

Ad occuparsi della localizzazione invece troviamo sempre lo stesso team che ha curato la localizzazione inglese di Umineko, cioè Witch Hunt. Anche questa volta il risultato è buono, ma non possiamo entrare nel dettaglio non avendo una conoscenza troppo approfondita della versione originale giapponese.

Un inizio col botto?

Questo primo episodio di Ciconia When They Cry ha sicuramente mosso qualcosa, specialmente per noi di GameIndustry.it. La passione dell’intero staff dietro al titolo è tangibile e ci possiamo ritenere soddisfatti dal lavoro che è stato svolto.

Nota dolente il prezzo che resta comunque alto al momento ed il comparto tecnico che non è mai stato la punta di diamente di questo genere di visual novel.

Ma nonostante tutto, questa prima parte pone delle ottime ed interessanti basi per una visual novel che potrebbe segnare il genere come hanno fatto in passato Higurashi e Umineko.

Per ulteriori informazioni potete consultare il sito ufficiale di 07th Expansion, che presenta anche sezioni in lingua inglese.

Riassumendo

Ciconia When They Cry parte molto bene con questo primo episodio, che per alcuni può risultare ancora troppo costoso. In ogni caso, si prospetta un futuro roseo per questa opera!

Overall
8/10
8/10

Pros

  • Premesse molto interessanti
  • Trama intrigante e ricca di spunti
  • Molta interazione nel cast
  • Comparto tecnico migliorato

Cons

  • Comparto tecnico che resta comunque nella norma
  • Prezzo non accessibile a tutti
Tags

Marco Giordano

Grande fan dei generi di stampo orientale, predilige quasi ogni genere purché motivato da scelte estetiche o da una trama solida. Attratto non solo dal lato informatico dei videogiochi, ma anche dal loro aspetto stilistico ed economico.

Lascia un commento

Close