FeaturedRecensioniVideogames

Frostpunk Console Edition – Recensione

Una lotta contro il gelo

Frostpunk dopo 1 anno dall’uscita su PC arriva finalmente anche su console. Questo titolo ha combinato i migliori elementi dei survival e city building in uno dei giochi di strategia più accattivanti e particolari dell’ultima generazione videoludica.

Ma saranno riusciti a trasporre il titolo in un buon porting su console? Scopritelo insieme a noi in questa recensione.

Il devastamento dell’umanità

Frostpunk pone le sue basi in un background dalla tipica ambientazione steampunk europea, in cui i cambiamenti climatici verso la fine del 1800 hanno portato al gelo l’intero pianeta e con esso l’intera umanità.

Le persone rimaste vive dovranno cercare le poche risorse rimanenti per sopravvivere, mentre cercheranno di costruire l’ultima città sulla Terra grazie alla nostra guida nel ruolo di leader.

La nostra città in Frostpunk Console Edition

Non è una storia felice o traboccante di speranza poiché proprio quest’ultima sarà particolarmente difficile da mantenere alta; ma è sicuramente una storia che comunica efficacemente le difficoltà che ci attendono per sopravvivere: alcune decisioni, controverse o meno, avranno ripercussioni sul morale dei cittadini.

La storia è raccontata attraverso animazioni che aiutano a dare un tono deciso e cupo all’atmosfera. Lo stile artistico minimale del mondo congelato si sposerà perfettamente all’estetica steampunk adottatta per la civiltà, cosi da far sembrare ancora più “viva” la città, a differenza del pianeta desolato che abitano i suoi cittadini.

Un gestionale fuori dagli schemi

Il vero protagonista del gioco però sarà il gameplay, in cui Frostpunk brillerà di luce propria, mescolando vari sistemi gestionali in un qualcosa che potrà risultare simile a “Tropico” ma in una chiave completamente diversa.

In questo caso infatti ci toccherà prendere delle decisioni per tutto ciò che ne resta dell’umanità, nel mezzo di una terra desolata e ghiacciata, dove anche respirare potrebbe rischiare di ammalarvi. La speranza e il malcontento saranno i nostri parametri di riferimento, che andranno ad alzarsi e diminuire in base alle nostre decisioni gestionali.

Elementi del gameplay di Frostpunk Console Edition

Come leader dell’ultima città sulla Terra, avremo il compito fondamentale di dirigere i lavoratori per raccogliere risorse e portare avanti la comunità. Infatti i lavoratori saranno parte fondamentale del gioco, dato che dovranno lavorare in prenda alle temperature più gelide per portare carbone, acciaio e legno per sostenere la città.

Sarà compito vostro fornir loro di un riparo e delle condizioni termiche sufficienti perché riescano a lavorare senza rischiare di morire ad ogni passo.

Frostpunk limiterà il numero di risorse iniziali, obbligandovi al progresso grazie all’officina, dove potrete effettuare degli upgrade ai macchinari di estrazione e raccolta o implementare nuove tecnologie.

Alla chiave di Frostpunk ci sarà infatti la gestione delle risorse ridotte e dei lavoratori, visto che ci ritroveremo spesso ad averne troppi pochi per le nostre necessità e le numerose postazioni lavorative vuote.

A rendere il tutto ancora più complicato sarà il ciclo giorno/notte, i cittadini lavoreranno solo di mattina, permettendo loro di riposare durante la notte per essere in forza il giorno seguente.

Ciò è però manipolabile grazie a delle controverse leggi che permetteranno il prolungamento dei turni o addirittura un implemento dei turni di emergenza di 24h.

Ovviamente quest’ultime andranno ad aumentare il malcontento, consigliamo quindi di non abusarne, dato che alcuni lavoratori potrebbero cadere nella morte per affaticamento.

Naturalmente, questi lavoratori saranno esseri umani con dei bisogni, quindi le risorse che raccoglieremo verranno utilizzate per mantenerli in vita, che sia per una tenda con temperature vivibili, cibo cotto o delle cure.

Molte scelte da fare

Oltre al gestire i lavoratori, le razioni e le altre risorse, sarà necessario applicare delle decisioni politiche, poichè nessuna civiltà può rimanere nell’anarchia totale. Come leader della città saremo costretti a prendere delle decisioni difficili, e queste potranno cambiare in positivo o negativo il morale della città.

Le varie leggi che potremmo decidere

Sarà possibile sceglierle dal “libro delle leggi“, un albero di varie scelte che avranno diverse ripercursioni.

Ci ritroveremo spesso a delle scelte morali che avranno conseguenze a lungo termine. Ad esempio: potremo risparmiare le scorte di cibo sostituendo i pasti completi con la minestra, la quale porterà scontento ogni volta che sarà consumata o potremo costringere i bambini a lavorare.

Le scelte morali saranno tante e sarà difficile scegliere la cosa migliore per tutti, senza però sconvolgere drasticamente la città.

Una richiesta da parte della popolazione di Frostpunk

Si aggiungeranno alle possibilità di creare malcontento anche le richieste delle persone: ad ogni partita ci sarà la possibilità di incappare in questi eventi. Se accontentati miglioreranno lo stato e la felicità della città, in caso contrario andranno a peggiorarle, ma non sempre sarà possibile soddisfarli senza conseguenze.

Ogni partita necessiterà di scelte etico-morali che avranno diversi risultati. Ad esempio, se uno dei minori muorirà durante il lavoro ci ritroveremo con una madre abbattuta e quindi le statistiche cambieranno in negativo.
Sono proprio queste scelte difficili ma stimonati, insieme a una solida gestione del sistema survival-citybuilding, ciò che distingueranno Frostpunk dagli altri giochi gestionali.

Altri dettagli dell'editor del titolo

In poche parole

Anche se la desolazione e la disperazione all’interno di Frostpunk saranno palpabili, non andranno ad appesantire il gioco. Il gameplay risulterà unico nel suo genere e vario, miscelando il tutto anche a un sistema d’esplorazione ben fatto.

La storia risulterà avvincente e longeva, e potrà andare avanti in vari modi in base alle scelte del giocatore, non dando alcun senso di ripetitività.

L'esplorazione delle lande innevate di Frostpunk

Il tutto viene trasmesso attraverso un comparto grafico eccezionale che rende il tutto ancora più bello.
Ma le domande etiche che Frostpunk solleva, costringendo il giocatore a bilanciare i bisogni delle persone e la sopravvivenza della città senza sacrificare la priopria umanità, ne rimangono la parte più affascinante.

Frostpunk Console Edition
Overall
9/10

Riassumendo

Il porting di Frostpunk risulta ben riuscito in tutti i lati, riuscendo a portare le ambientazioni cupe anche su console, con il suo gameplay pratico ma difficile allo stesso tempo.

Nota d’onore al sistema tecnico e le scelte che saranno disponibili durante l’avventura.

Pros

  • Buon sistema gestionale
  • Difficoltà
  • Varietà

Cons

  • Storia lineare
Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close