AnteprimeVideogames

Xevorel – Provato il promettente indie italiano

Abbiamo testato il titolo sviluppato da Amberaxe

Il mercato dell’industria dei videogames all’italiana sta finalmente prendendo piede e i piccoli team di sviluppo pieni di talento sono pronti a mostrare i frutti del loro lavoro.

Questa volta abbiamo avuto il piacere di provare una build di Xevorel, un titolo che sta venendo sviluppato da Amberaxe.

Il team Amberaxe è piccolo studio di sviluppo italiano con sede a Milano, nato nel 2017 e particolarmente amante della pixel-art. Il progetto a cui si stanno dedicando in questo periodo è per l’appunto Xevorel, un action RPG in sviluppo per piattaforme mobile e PC.

Fantasy e Pixel Art

Premesso che la build PC che abbiamo testato è una versione del gioco ancora in via di sviluppo e che è servita principalmente per darci un idea di quello che sarà il prodotto finale, ecco le nostre prime impressioni riguardo il gioco.

Il titolo, un action RPG a scorrimento orizzontale, si presenta con un’accattivante grafica in pixel-art particolarmente curata. Difatti la direzione artistica è sicuramente il primo elemento che salta all’occhio visto che riesce ad unire semplicità e cura nella realizzazione degli ambienti.

Hub centrale di Xevorel

La pixel-art di Xevorel è realizzata come si deve e tutti gli sprite (sia dei personaggi, sia dei nemici) risultano realizzati ottimamente.

L’atmosfera dark fantasy è una scelta che funziona e durante le esplorazioni sarà sempre piacevole dare uno sguardo agli ambienti in cui si è immersi.

Il gameplay

A livello di gameplay il titolo è veramente semplice e immediato, ma al contempo altrettanto divertente. Una scelta di questo tipo è sicuramente ideale per il mercato mobile, grazie alla possibilità di entrare in modo tempestivo in gioco.

Avviato il gioco, il giocatore si ritrova in un’ambiente che funziona da hub centrale. Da qui è possibile entrare nella taverna per migliorare le statistiche, comprare oggetti e selezionare quale livello giocare.

Una volta scelto il livello, verremo catapultati in azione, pronti per sconfiggere i nemici che si pareranno davanti a noi.

Il personaggio controllato è in grado di: saltare, attaccare e usare abilità magiche.

Ogni qual volta ci imbatteremo in un mostro, verremo teletrasportati in una mini “arena” nella quale saremo chiamati ad affrontare una piccola orda di nemici. Durante i combattimenti è possibile sfruttare le abilità magiche e utilizzare il salto per schivare i colpi nemici.

Negli scontri coi nemici più piccoli la sensazione sarà quella di un button-mashing abbastanza preponderante, visto che è molto difficile venire sconfitti o morire contro di loro. Contro i nemici più importanti sarà invece fondamentale capire quando e come utilizzare le abilità.

Nella build provata da noi non c’era la possibilità di selezionare il personaggio, ma il team di sviluppo ha confermato che nella versione finale saranno presenti più personaggi.

Ognuno di loro sarà caratterizzato da uno stile di combattimento diverso, in modo tale da dare più varietà al gameplay.

Durante l’esplorazione dei vari livelli ci saranno anche alcune fasi platform molto semplici, che non guastano e creano diversità nel level design.

Conclusioni

Xevorel è un titolo che è sicuramente molto affascinante dal punto di vista della direzione artistica e dell’atmosfera, ma su cui bisogna ancora lavorare per poterlo rendere al meglio.

Il sistema di combattimento è (per ora) abbastanza limitato e scarno, ma ci sono ottime basi per poter costruire qualcosa di immediato, divertente ma allo stesso tempo più ricco.

La struttura di gioco funziona ed il titolo è accessibile a chiunque, rendendolo molto appetibile per il mercato mobile.

Crediamo in questo progetto e pensiamo che possa essere un gioco di grande successo su smartphone, auguriamo quindi buon lavoro al team di Amberaxe che saprà sicuramente migliorare ancora di più il titolo.

Tags
Vedi altro

Mattia Incoronato

Classe '98, appassionato fin da piccolo da videogiochi e tecnologia, studente universitario presso la facoltà di informatica di Camerino. Patito della DC Comics, del cinema e del rap italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close