News

Gaming Disorder – Uno studio di Oxford è contrario alla decisione dell’OMS

Un nuovo studio sembra smentire il cosiddetto Gaming Disorder

Uno studio condotto ad Oxford è contrario alla decisione dell’OMS di dichiarare la dipendenza da videogiochi una malattia (il cosiddetto “Gaming Disorder“).

I videogiochi potrebbero non essere il problema

Una persona intenta a giocare a League of Legends, uno dei giochi causa della dipendenza da videogiochi

Andrew Przybylski, co-autore della ricerca, ha infatti affermato che l’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha “fallito nell’esaminare il contesto molto più ampio che è la vita dei giovani”.

Lo studio è stato eseguito ricavando dati da un campione di 1000 adolescenti e dai loro tutori e ha dimostrato che un uso prolungato dei videogiochi non sia correlato agli effetti dannosi descritti dall’OMS.

I risultati dello studio hanno mostrato che la dipendenza dai videogiochi è sintomo di qualcosa di più ampio, dichiarando quindi “debole“, come diversi altri studi precedenti, la base della decisione dell’OMS di definire il Gaming Disorder come malattia a tutti gli effetti.

Entrambi i co-autori di questa ricerca, Andrew Przybylski e Netta Weinstein, credono che tale “malattia” siano invece sintomi di problemi psicologici radicati nella vita dei soggetti.

Il nostro studio non dimostra in alcun modo che i videogiochi, di per sé, siano da accusare per i problemi di cui soffrono alcuni videogiocatori.

Ci servono più dati e l’aiuto delle compagnie videoludiche se vogliamo arrivare alla verità dietro questa faccenda.

Per ulteriori news sulle ultime vicende del mondo videoludico, vi rimandiamo al nostro speciale dedicato alle proteste verso Blizzard per la questione di Hong-Kong.

Fonte: VG 247

Artem Nemchynskyy

Giocatore fin da piccolo, ha sviluppato attrazione per diversi generi videoludici, in particolare titoli provenienti dall'oriente. Adora gli RPG, con una predilezione per il Dark Fantasy e le scelte multiple. Non disdegna niente e cerca sempre di espandere i propri orizzonti.

Lascia un commento

Close