ComicsPersona 5Recensioni

Persona 5 (Manga) – Recensione

I Phantom Thieves sbarcano anche in Italia!

Finalmente arriva in Italia anche il manga del noto JRPG Persona 5, che molti di voi probabilmente conosceranno. La serie cartacea edita da J-Pop conta all’attivo in Sol Levante 5 volumi ed è tuttora in corso.

Attraverso i disegni di Hisato Murasaki ripercorre abbastanza fedelmente le vicende narrate nel videogioco da cui è tratto, permettendo a chi conosce il titolo di rivivere le avventure dei Phantom Thieves e a chi ancora non lo ha giocato di entrare nel mondo dei Persona.

Sinossi di Persona 5 volume 1

Joker gira per la città di Tokyo

In un mondo corrotto dove solo i più forti detengono il potere e i più deboli possono solo chinare il capo e obbedire, un gruppo di adolescenti decide di unirsi per riformare la società.

L’obiettivo potrebbe sembrare irraggiungibile, quasi utopico, ma diventa possibile grazie ad un potere scaturente dalla loro sete di giustizia e dal loro spirito di ribellione: i Persona.

Nel primo volume facciamo la conoscenza del protagonista, Akira Kurisu, appena trasferitosi nella frenetica Tokyo. Il ragazzo, vittima di un errore giudiziario, allontanato dalla sua stessa famiglia, deve scontare un anno di libertà vigilata sotto l’attenta supervisione di Sojiro Sakura, il proprietario del caffè Leblanc a Yogen-Jaya, un quartiere della città.

Considerata la sua condizione dovrebbe condurre una vita tranquilla e mantenere una condotta irreprensibile, eppure quando lungo la strada per la sua nuova scuola, la Shujin, si ritrova con il suo nuovo compagno Ryuji Sakamoto in un castello che sembra uscito da una fiaba a tinte horror appare subito chiaro che il suo percorso di riabilitazione sarà arduo e pieno di ostacoli.

Joker e Ryuji nel primo Palace della storia

Imprigionati da dei soldati di guardia nelle segrete incontrano Morgana, una creatura parlante simile ad un gatto, a conoscenza di molti dettagli sul Palace, il luogo in cui si trovano. La conversazione è interrotta dal re della magione il quale condanna Sakamoto… a morte. Come salvare Ryuji?

Akira di fronte alla potenza del nemico si sente debole e impotente, ma proprio quando è ormai prossimo alla resa emerge il suo spirito di ribellione e di giustizia, risvegliando così il suo Persona.

A chi apparterrà il castello? E perché proprio loro si trovano lì?

Questo e molto altro sulle pagine di Persona 5 volume 1.

Take your heart!

Persona 5, è nato appunto come videogioco ed è naturale chiedersi se la trasposizione “su carta” sia all’altezza. Infatti l’RPG di Atlus è molto longevo, per completare la storia principale occorrono mediamente sulle 100 ore di gioco e indubbiamente non è semplice riassumere la trama senza tralasciare eventi rilevanti.

Joker risveglia il suo Persona per la prima volta

Ciononostante il primo volume riesce a narrare magistralmente i primi passi di Akira Kurusu e dei suoi amici, grazie anche al tratto di Hisato Murasaki che caratterizza ciascun personaggio con delle linee che infondono personalità. Gli scenari raramente sono spogli e le espressioni dei personaggi sono specchio dei loro sentimenti, riflettono con maestria i loro stati d’animo.

Un altro elemento a favore del manga risiede nella sua localizzazione italiana: Persona 5, rilasciato in Italia nel 2017, di cui trovate a questo link la recensione, fu tradotto solo in inglese, ponendo così una barriera linguistica per chi non comprende bene la lingua.

Oltretutto trattandosi di un gioco con tantissimi dialoghi e, come anticipato, longevo, poteva essere frustrante giocare con un dizionario alla mano per cercare i termini sconosciuti.

Il manga invece presenta un’ottima traduzione e un adattamento molto curato: ad esempio la parola Palace, che nella serie assume un significato peculiare, è stata mantenuta e non è stata tradotta in “Palazzo”.

Una tavola di intermezzo del manga

A ciò si aggiunge una pregevole edizione curata da J-Pop, stampata su buona carta e con sovraccoperta. Purtroppo sono assenti pagine a colori, ma probabilmente non erano presenti nemmeno nell’edizione giapponese.

In compenso presso le fumetterie aderenti e nelle fiere comprando il primo numero si ha in regalo il poster raffigurante la copertina del volume, realizzata da Kenro Yokoyama.

Infine per ciò che riguarda la narrazione notiamo come questa durante tutto il primo volume si mantenga avvincente: la presentazione dei personaggi e la spiegazione di concetti legati ai Persona non rallentano il ritmo incalzante, ravvivato da dialoghi scorrevoli seppur spesso lunghi, e scosso da un drammatico colpo di scena.

In sintesi per adesso il manga di Persona 5 è pienamente promosso, consigliato ai fan vecchi e nuovi della serie. Ci auguriamo che riceva una meritata, calorosa accoglienza e non ci resta che sperare che il suo successo permetta la pubblicazione italiana del bellissimo spin-off disegnato da Rokuto Saito, Mementos Mission.

Persona 5 (Manga)
Overall
7.5/10

Riassumendo

La versione cartacea della storia di Persona 5 si presenta come un’ottima alternativa per seguire le avventure dei Phantom Thieves. Disegni curati, una grande attenzione ai dettagli e la localizzazione in italiano rendono l’opera accessibile sia ai fan del gioco che ai nuovi arrivati.

Pros

  • Narrazione coinvolgente e fedele al gioco
  • Disegni e personaggi curati
  • Ottima localizzazione italiana

Cons

  • Non c’è alcuna pagina a colori
Tags

Elisabetta Uras

Piccolo pinguino che ama i viaggi nel tempo e le storie a lieto fine. Le piace ascoltare il fragore delle onde al tramonto e osservare il cielo stellato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close