FeaturedRecensioni

Empty Sharp – Recensione dell’Avventura Grafica indie italiana

Un titolo promettente dal bel paese

Come molti di voi sapranno l’industria videoludica italiana si sta pian piano risvegliando negli ultimi anni, dopo quello che possiamo definire un enorme letargo iniziato alla fine degli anni ’90.

Proprio durante quegli anni questa era molto attiva e considerata in ambito videoludico, in particolare per quanto riguarda il lato PC. Erano infatti gli anni d’oro delle avventure grafiche e la Simulmondo era una delle più grandi case di sviluppo.

Tutto ciò purtroppo fini a inizio 2000 con l’arrivo della fine dell’era d’oro delle avventure narrative e successivamente la chiusura di Simulmondo e di molte altre industrie videoludiche italiane.

Fortunatamente quelli che possiamo definire i semi lasciati da quell’era erano stati sparsi e dopo all’incirca 19 anni si sarebbero risvegliati.

A partire dal 2018 abbiamo potuto vedere come la nostra l’industria videoludica si stia riprendendo, grazie anche a titoli come Remothered Tormented Father.

Come accennato prima, l’industria italiana è stata fortemente influenzata dai giochi improntati sulla narrazione e ciò l’ha portata a integrare un ottima narrazione nella maggior parte dei titoli italiani di punta dell’ultimo periodo.

E ciò si riconferma anche in questo nuovo titolo nostrano chiamato Empty Sharp, che si ispira infatti ad un genere fortemente narrativo, presente soprattutto in oriente, cioè alle Visual Novel.

Si sarà rivelato un nuovo piccolo capolavoro italiano, oppure un titolo che punta troppo in alto? Scopriamolo insieme in questa recensione!

Una ragazza alla ricerca di se stessa

 

Un primo piano di Rosalie

È una notte cupa, segnata da una violenta tempesta, e Rosalie, la nostra protagonista, si preoccupa per il suo ragazzo, intento a preparare gli ultimi dettagli per una celebrazione della dea locale. La ragazza, dopo aver parlato con il padre e averlo pregato di rinviare la celebrazione, si rende conto che non l’ascolterà.

Gli inveisce quindi contro e scappa per cercare il suo ragazzo. La ragazza è cosi determinata a ricongiungersi con il suo amato che non si fa nessun problema a mentire a un mercante, amico di suo padre, e successivamente corrompere l’ubriacone che sorvegliava l’uscita della città.

Tutto ciò purtroppo si rivela inutile, visto che appena raggiunge il suo ragazzo questo giace a terra in una pozza di sangue e pieno di bruciature. Questi ha giusto il tempo di rivelarle che ciò che gli è successo era stato architettato e dopo averle detto che l’ama, esala il suo ultimo respiro.

I contadini del luogo, impietositi da ciò e guidati dall’affetto che provano nei loro confronti, rivelano a Rosalie che suo padre vuole ucciderla perché si dice che in lei alberghi un demone. Scoperto ciò la ragazza decide di partire per capire meglio sé stessa e trovare una cura.

Questo è l’inizio di un viaggio che la porterà a conoscere tante persone tormentate da un triste passato e portare un enorme cambiamento nel loro destino.

Una VN con alcuni elementi ispirati alle avventure grafiche

Una scena di dialogo di Empty Sharp

Il gameplay di Empty Sharp si ispira fortemente alle VN: la componente narrativa è infatti l’elemento predominante del titolo, in ogni nuovo capitolo i giocatori si troveranno a interagire con vari personaggi e tramite le loro scelte cambieranno i rapporti che questi hanno con Rosalie e con gli altri.

A diversificare il titolo è proprio l’aggiunta di un gameplay ispirato alle avventure grafiche; mentre in molte VN il tutto è concentrato totalmente sui dialoghi tra i personaggi, in Empty Sharp non è così.

Dopo che avrete interagito con i vari personaggi, la maggior parte delle volte vi troverete a dovere esplorare delle aree di gioco, dove sarà richiesto di risolvere vari enigmi non solo tramite l’utilizzo degli elementi visibili a schermo e con cui si potrà a interagire, ma anche grazie al comparto audio.

Risolvendoli vi sarà permesso di proseguire, mentre se gli sbaglierete subirete dei danni che ridurranno la vostra barra vitale fino ad azzerarla.

Fortunatamente interagendo con i mercanti sparsi per il mondo, potrete spendere le monete che recupererete durante le vostre esplorazioni per comprare cibo e recuperare i vostri punti vita.

Terminata la fase da puzzle game si ritornerà in quella VN e qui si deciderà il finale dei vari capitoli tramite delle risposte che potranno portare al Good Ending o al Bad Ending: tutto starà a come il giocatore deciderà di interagire con il protagonista del capitolo.

Reparto tecnico

Scena comics animata di Empty Sharp

Per essere un titolo creato da una sola persona, Empty Sharp si rivela un buon indie, soprattutto considerato che per la sua creazione è stato usato RPG Maker MV.

Graficamente il titolo fa uso di una enorme componente di pixel art, seppure i modelli di base risultino piuttosto basilari, il gioco dimostra una grande cura nel design dei personaggi primari, in particolare durante le fasi dialogate. Ogni personaggio risulta veramente ben curato e molto dettagliato.

Il titolo mostra però le sue migliori caratteristiche durate i filmati di gioco, ispirati fortemente ai Video Comics. Non solo possono vantare un buon art design, ma anche un ottimo doppiaggio.

Tali scene, seppur non animate, riescono a catturare il giocatore grazie proprio all’ottima recitazione e interpretazione dei doppiatori.

Per quanto riguarda i comandi, questi potrebbero risultare un po’ strani all’inizio per via della possibilità di muoversi solo tramite l’utilizzo delle frecce direzionali.

In conclusione

Rosalie che sorride

Empy Sharp si presenta come un’altra piccola perla del gaming indie italiano: il titolo risalta tantissimo in ambito narrativo, proponendo una storia e dei personaggi ben caratterizzati e per nulla stereotipati.

Seppur non possa fare vanto di una veste grafica di nota, il titolo riesce comunque a risultare godibile grazie a un ottimo art design e caratterizzazione dei personaggi.

Se amate le VN realizzate con RPG Maker vi consigliamo molto questo titolo, non solo perché potrebbe banalmente piacervi, ma soprattutto perché sarà capace di regalarvi tante ore di emozioni grazie all’ottima narrazione, a dei puzzle game ben strutturati e dei filmati di gioco ben disegnati e recitatati.

Empty Sharp
  • 8.5/10
    - 8.5/10
8.5/10

Riassumendo

Empty Sharp risulta essere un’esperienza estremamente godibile grazie ad un’ottima storia e dei personaggi ben caratterizzati, compensando la veste grafica basilare con un’ottimo art design in pixel art.

Per gli amanti delle Visual Novel e di giochi da RPG Maker, questo è sicuramente un titolo da non lasciarsi sfuggire.

Tags
Vedi altro

Mario Cofano

Appassionato di cultura Videoludica e animazione, in particolare predilige i giochi di stampo orientale. Apprezza molto quando un titolo dà la giusta importanza sia a gameplay, trama e grafica senza però eccedere troppo in nessuno di essi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close