FeaturedSpeciali

Zatch Bell! – Uno shonen particolare

Oggi vi parliamo di uno shonen che in pochi ricorderanno...

Oggi facciamo un salto nel passato e vi parliamo di una serie shonen non troppo conosciuta, cioè Konjiki no Gasshu! o se preferite Zatch Bell! da noi.

Probabilmente questa serie sarà stata l’infanzia di alcuni lettori o magari siete qui solo per conoscere meglio questo splendido titolo…

Partiamo subito con una breve sinossi della serie e parlando anche dei personaggi principali, senza omettere le differenze che sussistono tra la versione manga originale e quella animata.

Cosa è Zatch Bell!

La serie nasce come manga shonen di Makoto Raiku edito da Shogakukan e pubblicato sul Weekly Shonen Sunday, rivista settimanale pubblicata dalla stessa casa editrice. Stiamo parlando del lontano 2001, anche se la serie terminerà nel 2008 con la bellezza di 323 capitoli!

L’adattamento animato di Toei Animation risale al 2003-2006, quindi prima della conclusione dell’opera originale, motivo per cui cambia radicalmente molte cose e si conclude inevitabilmente molto prima.

Il nostro consiglio è sempre quello di recuperare la serie originale, visto che in questo caso l’anime salta veramente molto e cambia dettagli troppo importanti.

La trama e le particolarità

Il focus della trama sono i demoni (in italiano ribattezzati Mamodo per motivi di censura), misteriosi esseri che ogni 10000 anni scendono sulla Terra per combattere una guerra finalizzata alla conquista del trono di Re dei Demoni. Tuttavia, solo 100 demoni partecipano al gioco e non hanno nemmeno pieno uso dei loro poteri.

In parole povere, devono trovare un partner umano che legga il rispettivo libro di incantesimi e che dia loro comandi per sfruttare al massimo i loro poteri.

Inutile menzionare l’importanza del legame tra umano e demone, che dovranno coordinarsi per sfruttare al massimo il potere del libro in questione. I demoni devono scontrarsi tra di loro e bruciare il libro dell’avversario, in modo da rispedire l’avversario nel regno dei demoni, eliminandolo così dalla competizione.

Tre libri degli incantesimi di colore grigio, rosso e blu

Non è necessario uccidere o torturare il demone nemico, basta semplicemente sbarazzarsi del libro di incantesimi, che si rivela essere molto fragile.

Anche se nessun demone perderà la vita, non mancheranno i momenti tristi dovuti alla separazione fra l’essere umano e il rispettivo demone.

Il protagonista Kiyomaro Takamine è il solito studente liceale geniale che vive isolato dai suoi compagni di classe. Un giorno, la sua vita cambierà proprio grazie all’incontro con il demone Zatch, che col tempo lo aiuterà a integrarsi nella classe e a migliorarsi come persona.

A differenza di molti altri demoni, Zatch non ha ricordi della sua identità o del suo ruolo nel regno dei demoni. Inizia così un’avventura che farà maturare Kiyomaro e farà progressivamente ricostruire i ricordi del piccolo demone.

Cosa cambia tra anime e manga?

Abbiamo citato prima le differenze tra anime e manga, adesso ve ne parliamo nel dettaglio. Come già accennato in precedenza, l’anime prende una svolta totalmente diversa grazie alla sua produzione simultanea rispetto all’opera originale.

In primis l’anime presenta alcuni episodi filler, quindi episodi non canonici riempitivi che non sono presenti nel manga, per esempio la saga di Grisor. Per l’esattezza sono 29 episodi su 150 totali, quindi circa il 19% della serie.

Inoltre, cambia di molto il finale visto che l’anime si conclude molto prima e di conseguenza sono presenti molti meno demoni e incantesimi.

Scontri degni del genere shonen

Gli scontri all’interno della serie sono generalmente ben svolti e accattivanti, grazie all’enorme pathos che viene trasmessa dal duo Kiyomaro-Zatch. Trattandosi di scontri a coppia la coordinazione è l’elemento più importante e si vedrà più spesso come alcuni avversari abbiano nettamente una maggiore affinità.

Sin da subito ci saranno i primi scogli intramontabili, cioè nemici troppo forti per il livello attuale del protagonista. Fortunatamente, riusciranno sempre a farla franca in un modo o nell’altro, almeno all’inizio della serie!

Non mancheranno gli alleati ma soprattutto amici incontrati durante questo lungo cammino come Tia e Megumi o Kanchome e Parco, che si riveleranno abbastanza utili nell’ascesa al trono del protagonista.

Sfortunatamente, non tutti i demoni hanno buone intenzioni come Zatch e i suoi amici. Esistono altre fazioni oltre a quella del protagonista, con scopi diversi e a volte poco nobili.

Nonostante ciò, il gioco prevede inevitabilmente un solo Re, motivo per cui non bisogna mai dimenticare che ne rimarrà solo uno.

Come ogni buona trama non mancheranno le sottotrame che copriranno nel dettaglio le vicende di altri personaggi, come Brago e Sherry, che ricoprono un ruolo molto importante dentro la serie.

Una scena del manga con Brago e Sherry

Fra incantesimi e potenziamenti

Come parlare di questa serie senza citarne qualche incantesimo! In fondo Zatch Bell si basa interamente sugli attacchi sferrati dai demoni…

Uno dei più importanti da ricordare è il famoso Baou Zakeruga, uno degli incantesimi più forti di Zatch e temuto da tutti. Ha l’aspetto di un gigantesco drago interamente composto di elettricità e varierà da anime e manga, ma non aggiungiamo altra causa spoiler.

Quello citato poc’anzi era solamente il quarto incantesimo, citiamo quindi il primissimo, cioè Zaker. È una normalissima scossa elettrica che fuoriesce dalla bocca del demone.

Non mancano anche incantesimi non offensivi, come il secondo, cioè Rashield, che funge da scudo agli attacchi nemici, caricandoli di elettricità e deflettendoli al mittente.

Un libro di incantesimi che brilla e cambia colore

Ovviamente diversi incantesimi possono essere combinati tra di loro per creare effetti devastanti, conferendo anche molta varietà agli scontri.

Gli incantesimi si sbloccano in maniera graduale, in base all’affinità della coppia e dell’esperienza del demone. In presenza di emozioni forti o situazioni critiche è anche possibile accedere a incantesimi che prima non erano nemmeno leggibili nel libro!

Infatti, a volte il libro degli incantesimi può addirittura cambiare colore

Film e videogiochi

La serie ha anche due film, cioè Zatch Bell!: 101st Devil e Zatch Bell!: Attack of Mechavulcan, disponibili in inglese in Blu-ray da Marzo 2018 e prima relegati al solo Giappone.

Non essendo canonici ed essendo solamente dei film riempitivi non ne consigliamo necessariamente la visione, ma potete comunque acquistarli online. Sono solamente disponibili in Nord America, in quanto pubblicati da Discotek Media.

Più prolifica invece la produzione di videogiochi, che spazia da Game Boy Advance a PlayStation 2 e Gamecube.

Kanchome contro Zofis nel gioco Zatch Bell! Electric Arena

Tra i più importanti per noi occidentali ricordiamo Zatch Bell! Electric Arena (GBA), un picchiaduro 2D, e Zatch Bell! Mamodo Fury (PS2/GC), picchiaduro 3D. Entrambi sono usciti solo in Nord America oltre che in Giappone.

Anche qui la situazione italiana non è mai stata florida, dato che come conseguenza non è nemmeno esistita un’edizione localizzata nella nostra lingua.

Qualche curiosità sull’autore Makoto Raiku

Il mangaka è noto per avere intentato causa a Shogakukan, editore del manga come avete letto sopra. In pratica, Raiku ha intentato una causa perché cinque tavole erano scomparse a poco tempo dalla conclusione del manga.

Queste tavole smarrite avevano un valore di circa 200,000 yen ciascuna e la causa era invece di 3,3 milioni di ye. Fortunatamente, l’autore ne uscì trionfante ricevendo però un risarcimento di 2,55 milioni di yen e segnando una sorta di rivincita verso la valorizzazione del lavoro dei mangaka.

Una foto di Makoto Raiku, autore di Zatch Bell! e molte altre serie

Il lavoro mitizzato dei creatori di manga non è così pittoresco come viene descritto, anzi, spesso e volentieri porta a numerosi sacrifici e a scadenze abbastanza proibitive.

L’autore ha dovuto rallentare la produzione del manga a causa di un incidente alla mano nel 2005 che gli ha impedito di lavorare alla serie fino al Febbraio 2006.

La (triste) situazione italiana

Sfortunatamente in Italia la serie manga è stata interrotta col volume 4, a causa delle scarse vendite e del fallimento della casa editrice che se ne stava occupando, cioè Play Media Company.

Il problema fondamentale risiede nel fatto che questa serie fosse abbastanza popolare in Giappone, ma non abbastanza all’estero. In ogni caso, l’adattamento animato è andato in onda in diverse nazioni, tra cui anche la nostra anni fa.

Conclusione

Con questo speciale vi abbiamo parlato di Zatch Bell!, uno shonen che offre sicuramente spunti interessanti a livello di combattimenti.

Unendo il concetto di incantesimi e coppie umano-demone questa serie riuscirà a conquistare un angolino del vostro cuore, sebbene non siamo lontanamente vicini ai veri colossi del genere shonen.

Se vi va di leggere o vedere qualcosa di nostalgico ma non troppo, questa serie potrebbe proprio fare al caso vostro!

Fonti utili: Zatch Bell Wiki

Tags

Marco Giordano

Grande fan dei generi di stampo orientale, predilige quasi ogni genere purché motivato da scelte estetiche o da una trama solida. Attratto non solo dal lato informatico dei videogiochi, ma anche dal loro aspetto stilistico ed economico.

Lascia un commento

Close