Persona 5

Persona 5 Scramble – Il Game Director Daisuke Kanada descrive il gioco

Tutto ciò che c'è da sapere sul nuovo titolo della serie Persona tramite il suo Director

Il Game Director Daisuke Kanada descrive il nuovo Persona 5 Scramble tramite tre video promozionali che rispondono a diverse domande sul titolo.

Daisuke Kanda ci parla di Persona 5 Scramble

Persona 5 Scramble, di cui è da poco uscito il nostro provato della demo giapponese del titolo, e di cui è uscito da poco il trailer PV #3, è descritto dal Game Director Daisuke Kanada in tre video-intervista.

I video, realizzati da Esquire Japan, mostrano il Game Director parlare delle meccaniche del gioco e fare dei chiarimenti su quello in cui consiste. Già usciti precedentemente solo in Giapponese, sono però stati ripubblicati con dei sottotitoli inglesi poco tempo fa.

Persona 5 Scramble è un Sequel o uno Spin-off di Persona 5?

Nel primo video dei tre, Daisuke Kanada viene chiesto della posizione di Persona 5 Scramble per quanto riguarda la sua serie di appartenenza. L’Action RPG sviluppato da ATLUS e Omega Force, dice, è sì un sequel di Persona 5, in quanto continua le sue vicende, ma vuole anche mantenere un’anima da Action RPG.

Chiarisce che gli sviluppatori di Omega Force hanno tenuto molto a cuore il feeling di Persona 5, e hanno cercato di mantenere la stessa anima del titolo. I personaggi sono gli stessi, e così è l’universo di gioco, il quale, precisa, è stato curato perché i giocatori possano riconoscervi Persona 5.

E’ possibile iniziare da Persona 5 Scramble, ma certamente, essendo gli eventi ambientati 6 mesi dopo la fine del gioco precedente, una conoscenza dei personaggi e degli eventi può far comprendere meglio questo nuovo capitolo.

Interessante dettaglio è anche che durante la sequenza iniziale di Persona 5 Scramble, appare un “2” vicino a Persona 5, messo perché sia ancora più evidente che il titolo vuole riprendere lo spirito dell’ultima fatica di ATLUS.

Proprio per farlo capire, la compagnia ha, in fase pubblicitaria, aggiunto sezioni di trama, per chiarire sulla storia del titolo. Ad ogni modo, è completamente possibile seguire la storia di Persona 5 Scramble senza aver giocato Persona 5, in quanto i suoi avvenimenti sono unici e originali.

Inoltre, il team dietro a Persona 5 Scramble si è impegnato a fondo per rendere il gameplay apprezzabile anche ai fan del titolo originale, tramite particolari aggiunte a livello di gameplay.

Daisuke Kanada parla del sistema di combattimento e della trama

Proprio il combattimento musou è il protagonista del secondo video incentrato su Persona 5 Scramble con Daisuke Kanada. In questo video potete vedere come i due intervistatori provano le prime fasi del gioco, oltre che avere a che fare con diverse sezioni più avanzate dove affrontano diversi nemici.

Se volete sapere di più sulle fasi iniziali del gioco, ATLUS ha anche rivelato delle scan riassuntive di Persona 5 Scramble: The Phantom Strikers.

Importante è il feeling Dynasty Warrior del titolo fuso ad una componente JRPG più classica, con ad esempio pause quando si evocano i Persona, e il modo in cui viene descritta la trama del titolo.

Il Game Director dice infatti che mentre Persona 4 Golden avesse una trama più positiva e allegra, Persona 5 ne ha una un po’ più tetra. In Persona 5 Scramble, hanno voluto creare un feeling più allegro al titolo, rimanendo però fedeli a quello che è sempre stato Persona 5.

La filosofia di Persona 5 Scramble

Nell’ultimo video, invece, Daisuke Kanada parla di come intende lui il videogioco. Racconta di cosa pensa debba fare un gioco, e cosa vuole che lasci.

Secondo lui, un gioco deve seguire un protagonista, ma ciò che succede su schermo deve essere una cosa dettata dal giocatore. Sottolinea anche il fatto che un gioco debba avere un impatto sulla vita del giocatore, e sia, dunque, indimenticabile, e che lasci un segno.

L’intenzione di ATLUS è quella di creare giochi che facciano capire i loro titoli diversamente più si va avanti nella loro storia, e che alla fine regalino un messaggio al giocatore.

L’esperienza che Daisuke Kanada e il suo team vogliono creare è quella di un giocatore che dopo aver giocato qualcosa a cui può legarsi, possa interpretarlo in un modo nuovo.

Il Game Director parla poi del suo rapporto con i videogiochi, di come tutta la sua vita sia girata intorno ad essi, e di come sia stato affascinato da questo tipo di narrativa “che va sempre avanti”.  Per quanto riguarda la sua carriera come Game Director, parla di come l’importante sia iniziare dalle piccole cose.

In particolare, cita la sua esperienza con Persona 2, in cui, da piccoli problemi ha espanso i suoi orizzonti per rendere la sua piccola parte di gioco il più divertente possibile.

Altri pensieri di Daisuke Kanada: Localizzazione e idee

Per quanto riguarda la localizzazione, dice che il miglior modo per toccare altre culture sia rendere il proprio titolo il più divertente possibile secondo la propria concezione di divertimento, che inesorabilmente potrà diventare universale.

La filosofa di ATLUS, a questo proposito, è quella di fare il meglio per il proprio paese, ma secondo loro tutto il mondo può essere toccato da questa idea genuina di divertimento. Kanada parla poi del modo in cui si creano le idee nel loro team, e di come vengono decise.

Secondo lui, le idee dipendono dalla creatività dei vari membri del team, ma dipendono sempre da budget e utenti, e quando non si riescono a soddisfare, bisogna sacrificare uno dei due. La migliore situazione è quando si riesce, tramite associazioni di idee, ad arrivare ad una che soddisfi tutti.

Inoltre, dice anche che è importante saperle esprimere, per poter far andare l’idea a genio a tutti. Infine, il video finisce con una nota comica, in cui il Game Designer dice che non sempre le idee possono salvare da compiti noiosi.

Se siete interessati ai giochi di Persona, vi rimandiamo alla nostra recensione di Persona 5 e il nostro articolo di approfondimento sulla serie.

Vi ricordiamo inoltre che Persona 5 Scramble: The Phantom Strikers è in uscita il 20 Febbraio in Giappone su PlayStation 4 e Nintendo Switch.

Fonte: Esquire Japan

Tags

Artem Nemchynskyy

Giocatore fin da piccolo, ha sviluppato attrazione per diversi generi videoludici, in particolare titoli provenienti dall'oriente. Adora gli RPG, con una predilezione per il Dark Fantasy e le scelte multiple. Non disdegna niente e cerca sempre di espandere i propri orizzonti.

Lascia un commento

Close