Persona 5 Royal

Persona 5 Royal – Spiegazione del finale e della parte nuova

Tutto quello che c'è da sapere sui nuovi finali di Persona 5 Royal

Molti giocatori si staranno interrogando sul finale di Persona 5 Royal o magari gradiscono un semplice approfondimento in merito. Noi di GameIndustry.it vi spieghiamo oggi sia i nuovi finali che la parte di trama nuova.

Inutile ribadire che questo articolo contiene pesanti spoiler, se volete informazioni su Persona 5 Royal consultate pure la nostra wiki.

Se cercate qualcosa di più diretto, consultate pure la nostra guida che spiega come sbloccare il nuovo semestre e il nuovo finale.

Analizziamo tutti i punti salienti di Persona 5 Royal uno alla volta, citando anche alcune nostre speculazioni.

Non vi preoccupate, specificheremo le parti in forse nel testo, in modo da fornirvi un’informazione di prima qualità sul finale di questo magnifico titolo.

La vera identità di Kasumi Yoshizawa (Violet)

Uno dei colpi di scena più importanti all’interno della trama è la vera identità di Kasumi Yoshizawa, o se preferite Violet per i Ladri Fantasma.

Numerosi indizi sono sparsi durante la storia riguardo a questo misterioso personaggio non presente nella versione originale del gioco.

Come già citato nella nostra guida a Cenerentola, Kasumi in realtà non è chi dice di essere. Il vero nome della ragazza è infatti Sumire, la quale, dopo aver perso in un’incidente la sorella maggiore Kasumi, ha ricevuto l’aiuto di Takuto Maruki (avverazione), venendo trasformata a tutti gli effetti in quest’ultima.

Takuto Maruki ha usato Sumire come cavia per testare i suoi nuovi poteri e al contempo per renderla felice, essendo in quel momento schiacciata dal peso che la morte della sorella ha rappresentato per lei.

Alla fine del gioco possiamo vedere come Sumire saluti il protagonista e vada nella direzione opposta alla sua, oramai sicura di se stessa e pronta ad affrontare nuove sfide.

La storia di Takuto Maruki e le sue motivazioni

Dopo il suo ritiro dalla Shujin Academy il 18 Novembre, Takuto non si farà vivo fino alla parte nuova di Persona 5 Royal.

Riepiloghiamo cosa è successo a livello cronologico dentro la trama.

Takuto Maruki era un brillante dottorando impegnato nel campo sperimentale della scienza psicognitiva, ch ne ha viste di tutti i colori.

La famiglia della sua fidanzata, Rumi, viene assassinata brutalmente e porta la ragazza in un profondo stato di depressione, a causa di cui riesce a malapena a parlare.

Non potendo sopportare questa ingiustizia, qualcosa scatta dentro Takuto e proprio là inizia a manifestare per la prima volta il potere della sua Persona, Azatoth.

Purtroppo, Rumi perde la memoria e manco Takuto sa effettivamente cosa sia successo, essendo la prima volta che usa questo misterioso potere. Decide quindi di abbandonare la sua ex-fidanzata, ormai incapace di riconoscerlo per liberarla da una possibile ricaduta futura.

Le disavventure del giovane dottorando non finiscono qua, infatti la sua ricerca in merito viene interrotta per motivi a lui ignoti. Dietro la scusa dell’assenza di prove, l’università pone un freno alla ricerca di Takuto, che è ancora più motivato a seguire la sua via in maniera meno convenzionale.

In realtà si trattava del piano orchestrato da Masayoshi Shido, che si è appropriato delle sue ricerche per farle approfondire a Wakaba, la madre di Futaba. Il laboratorio di ricerca a Odaiba rimane così abbandonato, diventando proprio in questo istante il Palazzo di Takuto Maruki, anche se inconsapevolemente.

Continuando a usare i poteri della sua Persona Azatoth, incontra per puro caso una ragazza molto instabile psicologicamente, cioè Sumire Yoshizawa. Decide quindi di alleviare la sua pena avverando il suo desiderio di finta gloria e alienazione dalla realtà.

Il piano geniale del dottore

Lo scopo del consulente scolastico è quello di raccogliere i desideri di quanti più studenti alla Shujin per presentare la ricerca al professore che avrebbe dovuto approvare la sua tesi.

Per farlo, gli serve raccogliere informazioni anche dai Ladri Fantasma, essendo studenti.

Durante le sue magiche sedute, Takuto riesce a ottenere le informazioni necessarie e a conoscere i desideri di ogni membro del gruppo, salvo per Goro Akechi, che non frequenta la Shujin Academy.

In realtà, Takuto era già a conoscenza dell’identità dei Ladri Fantasma dalle vicende di Kamoshida, avendo intravisto Joker, Ann e Ryuji tornare dal Metaverso.

Il 18 Novembre Takuto abbandonerà la Shujin Academy, facendo un discorso agli studenti spronandoli a evitare il dolore e la negatività e stare in forma.

Il 24 Dicembre Takuto presenta la sua ricerca al professore, che la sminuisce invitandolo a non mettersi in mezzo a Masayoshi Shido. Proprio in quel momento fa la sua comparsa Yaldabaoth, che causa la corruzione della Persona di Takuto.

Infatti, prima della fusione tra i Memento e Tokyo mancava un catalizzatore che desse una forma tangibile alla Persona.

Dopo la sconfitta di Yaldabaoth a opera di Joker e Satanael, il potere passa direttamente a Takuto, che diventa il nuovo Dio del controllo nei fatti. Ciò avviene grazie al vuoto temporaneo creatosi subito dopo la caduta della precedente divinità.

Il momento tanto atteso

Adesso la Persona di Takuto ha pieno controllo non solo sul suo portatore ma anche sui Memento, controllati e sondati grazie a dei “cavi” collegati direttamente al Palazzo a Odaiba. Così facendo, i desideri delle masse possono essere esauditi in maniera veloce e tempestiva.

Quindi questo nuovo semestre non è mai esistito nella versione originale perché si tratta di una costruzione di Takuto Maruki in cui i desideri dei Ladri Fantasma sono divenuti realtà.

Azatoth rappresenta il dio creatore del mondo materiale, ma che non presenta alcun pensiero razionale e agisce inconsapevolmente da un punto di vista umano. Proprio per questo motivo, Azatoth rappresenta il mondo artificiale creato da Takuto Maruki ricolmo di felicità e privo di dolore.

Inoltre, il potere di Azatoth permette anche di riportare in vita i morti, dato che non si tratta di una questione di percezione, ma di effettiva realtà fisica.

Una volta completato il suo Palazzo e raggiunto il livello più alto, chiamato Eden, il giocatore affronterà una Takuto Maruki in tutto il suo splendore.

Ma perché Azatoth si trasforma proprio in Adam Kadmon? La risposta sta nel fatto che quest’ultimo rappresenta l’infinita saggezza a differenza della sua forma precedente. Inoltre, è anche interpretabile come il Messia, e potete anche notarlo dalle frasi che dirà durante la battaglia.

Takuto, unendo la fiaccola olimpica (il suo Tesoro quindi) a Azatoth, riesce a conseguire la conoscenza suprema e l’ambizione necessaria per raggiungere il suo obiettivo.

Un altro motivo per cui è stato scelto proprio Adam Kadmon risiede probabilmente nel richiamo ad Adamo, figura biblica che si ricollega all’Eden.

Nonostante il risveglio della sua Persona, il consulente scolastico non è riuscito a fermare il tentativo dei Ladri Fantasma e decide di donare tutto se stesso a Adam Kadmon.

Facendosi assorbire risveglia ancora una volta la Persona, rendendola tremendamente più forte. L’unico modo per sconfiggerlo sarà quello di colpire direttamente Takuto Maruki, situato nelle interiora di Adam Kadmon.

Grazie al temporeggiamento del gruppo, Joker riesce ad arrampicarsi col rampino in cima al colosso e a colpire la maschera del portatore, ponendo fine alla battaglia.

Non è tutto, Takuto non si arrende e decide di ostacolare la fuga del gruppo. Joker decide di affrontarlo in uno scontro frontale, ma a causa dell’imminente crollo del Palazzo nessuno dei due potrà ricorrere ai propri poteri.

Segue una battaglia simbolica in cui l’unica arma di cui disporrete saranno i vostri pugni. Dopo aver “rinsavito” il dottore con le vecchie maniere, Joker riuscirà a salvarlo da una brusca caduta nel vuoto.

Cosa succede a Takuto Maruki dopo il finale?

Dopo la sconfitta di Takuto Maruki, possiamo scorgerlo nel finale come tassista che aiuta il protagonista a seminare i suoi inseguitori. Il cambio di cuore è avvenuto correttamente, visto che il suo Tesoro è andato perduto ed è cambiato realmente.

Possiamo anche notare come Takuto Maruki sia diverso rispetto agli altri proprietari di Palazzi, visto che non solo non vediamo la sua versione cognitiva, ma non scorgiamo nemmeno alcun intento particolarmente malefico.

Nonostante la corruzione della Persona, la sua indole rimane comunque benevola in fondo e riassume il detto “la strada dell’inferno è lastricata di buone intenzioni”. Infatti Takuto con la sua “superbia” insiste nell’imporre la sua realtà su tutti per renderli felici, anche se magari alcune persone gradirebbero risolvere i propri problemi da sole.

Goro Akechi è vivo o morto?

Bella domanda, purtroppo non si sa benissimo da quanto visto in Persona 5 Royal. Teoricamente Akechi sarebbe morto, visto che è stato resuscitato da Takuto nel tentativo di farlo incontrare ancora una volta con Akechi per la “sfida” che i due si erano promessi.

Se ricordate, uno dei requisiti per ottenere il vero finale era proprio legare con Akechi. Infatti, i due promettono di incontrarsi in futuro e sfidarsi. Ricordate quando Joker pensa alla sfida con Akechi prima di addormentarsi?

E allora perché avere dubbi sulla morte di Akechi? Semplice, nel filmato finale del gioco Joker intravede una sagoma che è palesemente Akechi, nonostante l’inquadratura riprenda solo il vestito e non il volto.

Subito dopo il protagonista guarda il l finestrino del treno e scorge il suo riflesso, ma con addosso il costume da Metaverso. È facilmente intuibile come Atlus voglia lasciare in sospeso ancora una volta la vicenda, indicando all contempo che il Metaverso non sia ancora del tutto stato distrutto.

Una possibile spiegazione logica per la sopravvivenza di Akechi risiede nel fatto che Akechi potrebbe essersi nascosto da qualche parte nel Metaverso sfuggendo alla sua versione cognitiva e a Shido. Non si sa infatti di chi sia lo sparo proveniente dall’altra parte della porta blindata.

Inoltre, Akechi in quanto wild card dispone di poteri analoghi a quelli di Joker, nonostante sia stato ridotto in pessime condizioni dall’immediatamente precedente scontro con i Ladri Fantasma.

Takuto potrebbe benissimo avere riportato in vita una versione fittizia di Akechi, mentre nella realtà originale Goro potrebbe essere stato ancora vivo e vegeto.

Purtroppo, non esistono conferme ufficiali e queste sono solo alcune nostre speculazioni in merito.

Bad Ending

In questo finale non vediamo nessun altro membro del gruppo ma, conoscendo le intenzioni di Takuto, staranno probabilmente vivendo in pace e felici nella loro ignoranza.

Vedremo solo Takuto Maruki che ci augurerà una buona permanenza nella realtà da lui creata. Il protagonista si addormenterà e non si saprà più niente dei Ladri Fantasma…

Fake reality ending

Accettando l’offerta del dottore eviteremo lo scontro con Cenerentola e passeremo il resto dei nostri giorni nella realtà fittizia architettata da Takuto. Il gruppo si diploma presso al Shujin e la foto commemorativa è scattata proprio dal dottore in persona.

Tutti vivono felici e contenti con i propri cari, incluso lo stesso Takuto Maruki.

Nuovo Good Ending

In realtà, questo sarebbe tecnicamente il lieto fine, ma lo è davvero? Tratteremo questo tema delicato in un altro articolo futuro!

Il futuro di Persona 5

Le sorprese non finiscono qua, dato che è già uscito Persona 5 Scramble in Giappone, un titolo spinoff ma canonico che segue le vicende del gioco originale.

Ancora non si hanno certezze in merito, nonostante Atlus abbia dichiarato che si tratti di un seguito di Persona 5.

Ma, considerato il finale di Persona 5 Royal, è possibile affermare che di fatto potrebbe essere un sequel della versione Royal, dato che i due giochi convergono verso gli stessi eventi alla fine.

Artwork ufficiale di Persona 5 Scramble

Possibili riferimenti a Persona 2!?

Una delle questioni spinose di questo titolo riguarda proprio la presenza di qualche vecchia conoscenza da Persona 2 (SPOILER PESANTI). Se non avete giocato il titolo fermatevi qui, non andate oltre perché stiamo per spoilerarvi parecchia roba sulla trilogia classica di Persona.

In parole povere, molti fan speravano di incontrare Nyarlathotep, il boss finale di entrambi i Persona 2, dato che si erano intravisti dei tentacoli nei trailer. Alla fine, Azatoth è pur sempre il padre di Nyarlathotep nella lore lorecraftiana e il figlio gli fa anche da messaggero.

Abbiamo scorto anche un altro possibile riferimento a Persona 2: Innocent Sin, ma è una nostra speculazione. Quando Takuto intrappola Sumire la tiene in ostaggio grazie ai tentacoli di Azatoth formando una croce, scena che forse vi ricorderà qualcosa.

È la stessa cosa che mostra Nyarlathotep nel finale di Innocent Sin quando rivela a Jun i suoi genitori, in particolare il padre, di cui ha assunto le sembianze.

Cosa sarebbe servito o avremmo gradito

Il nuovo semestre è un’aggiunta abbastanza gradita e completa un gioco che di base era quasi perfetto.

Ci lamentiamo del solito trattamento brusco della parte finale della storia, che, sebbene non pregiudichi l’esperienza di gioco in alcun modo, poteva essere evitato per dare più spazio ai nuovi personaggi introdotti da questa riedizione.

Il problema inerente a Goro Akechi ci può anche stare, in fondo serve per creare il solito alone di mistero e fomentare l’hype della fanbase per possibili spiegazioni future.

La scelta di un finale che lascia spazio all’immaginazione è davvero ottima dal punto di vista logico, visto che permette di aggiungere eventuali dettagli senza rovinare altri elementi considerati in precedenza.

Davvero ottima la gestione dell’antagonista, che non rientra nella solita equazione “adulto=cattivo” ma riesce ad andare oltre e avvicinarsi in parte ai Ladri Fantasma.

Ciò è dovuto anche al fatto che Takuto sia abbastanza giovane e quindi più vicino ai problemi adolescenziali del gruppo. In un certo senso Takuto rappresenta un po’ il consulente scolastico o il professore più in gamba di altri, disposto ad ascoltarci per ore senza chiedere nulla in cambio.Akira a cena con Takuto Maruki

In fondo, in Persona 5 Royal i personaggi che predicavano tanto la forza di volontà per fronteggiare i problemi sono i primi ad essersi rifugiati in una realtà ideale.

Sumire rientra perfettamente nella stessa categoria di Takuto e, proprio come lui, riesce a uscire dal circolo vizioso di un’illusione felice.

Che dire, Persona 5 Royal evolve quanto visto con la versione originale e ci offre diversi spunti di riflessione sulla società (non solo giapponese) e sulla forza di volontà individuale.

Nonostante le numerose avversità, i Ladri Fantasma decidono di ritornare a una realtà “reale” piuttosto che affidarsi a una felicità “astratta”.

Marco Giordano

Grande fan dei generi di stampo orientale, predilige quasi ogni genere purché motivato da scelte estetiche o da una trama solida. Attratto non solo dal lato informatico dei videogiochi, ma anche dal loro aspetto stilistico ed economico.

Lascia un commento

Close