RecensioniVideogames

Desperados III – Recensione versione PlayStation 4

Un far west d'attraversare

Siamo riusciti a mettere mano sul nuovo stratetico di Mimimi Games, produttori della saga di Shadow Tactis: Blades of the Shogun. Tornano in pista riportando il brand della serie Desperados in campo, in compagnia di John Coop e del resto della banda.

Ma saranno riusciti il team di Mimimi Games a proporci un buon strategico in tempo reale? Scopritelo insieme a noi in questa recensione.

Un Far West d’attraversare

Nonostante sia presente il numero III nel titolo, facendo pensare a un proseguo del filone principale, i ragazzi di Mimimi hanno preferito collocare la trama molto ben prima dei precedenti capitoli. Infatti ci ritroveremo a scoprire nuovi dettagli sul leggendario John Cooper, e di ciò che lo porteranno a diventare la legenda del far est insieme ai suoi compagni d’avventura.

La trama di Dsperados III non sarà nulla di troppo complesso, anzi farà del suo punto di forza la semplicità.

I dialoghi durante la nostra avventura saranno fatti con l’engine di gioco a differenza di altri titoli che utilizzano delle sequenze pre-renderizzate. Le sequenze non risulteranno mai troppo lunghe e saranno piacevoli da seguire.

Un gameplay curato

Fin da subito verremo guidati in un breve tutorial, così da spiegarci tutte le basi per poter gestire al meglio il level design che è stato curato nel dettaglio. In Desperados III avremo tanti modi per avanzare, dato che la mappa ci permetterà di agire come vorremo, riuscendo così a creare la strategia perfetta per ogni scontro.

Desperados si differenzia dagli altri titoli strategici in tempo reale grazie ai tanti modi disponibili per poter proseguire nella storia. Che sia una semplice esca o un lancio di coltello, a venirci incontro ci sarà anche la modalità Slow Mode, che ci permetterà di mettere in pausa il gioco per poter programmare le nostre azioni(di un solo personaggio).

Tutto il sistema di Desperados III, permetterà la creazione di sequenze uniche, talmente fatte bene che vi sembrerà di guardare una serie Western. Ad esempio, un semplice sparo che colpisce tre persone, sembrerà molto scenico.

Ogni personaggio avrà una sua peculiarità, permettendoci così di progredire come meglio si crede, ad esempio, il protagonista sarà esperto nel lancio del coltello/pugnale, ma avrà anche a disposizione una pistola e delle monetine da utilizzare per distrarre i nemici.

Oppure Doc McCoy, il cecchino del nostro team, potrà curare un membro del nostro party se ce ne sarà di bisogno, inoltre, potrà lanciare delle valigette con le quali riuscirà a distrarre i nemici.

L’unico lato dolente che rovina l’atmosfera western è la presenza del personaggio Isabelle, che farà uso della “magia voodoo”, rompendo quasi l’atmosfera.

Unity non eccelle

Desperados III è stato sviluppato con Unity, un motore grafico che non eccelle per quanto riguarda il dettagli grafico, risultando poco dettagliato, facendo notare così la bassa qualità delle texture usate, soprattutto quelle per le rocce.

Da elogiare le animazioni, i ragazzi di Mimimi sono riusciti ad effettuare un ottimo motion capture per le azioni dei vari personaggi che rispetto a Shadow Tactis sono avanti anni luce, peccato per i volti immobili dei personaggi, ma vista la distanza della telecamera, nessuno avrebbe potuto apprezzare la cosa. Nel complesso gli sviluppatori hanno cercato di spremere al massimo Unity, riuscendoci in parte.

In conclusione

Desperados III riesce a essere un gioco strategico in tempo reale ben riuscito, con un’anima propria, nonostante la grafica non sia delle migliori su PlayStation 4, riesce a reggere bene grazie a un gameplay ben pensato.
Speriamo di rivedere in futuro un altro capitolo della saga di Desperados.
Unica nota realmente dolente è la colonna sonora, che durante il gioco sarà abbastanza ripetitiva.

Riassumendo

Desperados III si presenta uno stratetigico ben solido, a partire dal gameplay che lascia tanta varietà al giocatore, cosi da prolungare la rigiocabilità.Peccato solo per il comparto grafico che non è dei migliori, il tutto accompagnato da una colonna sonora ripetitiva.

Overall
8.3/10
8.3/10

Pros

Level design

Longevità

Rigiocabilità

Cons

Colonna sonora

Grafica non eccelsa

 

Tags
Close