FeaturedRecensioniVideogames

Control: AWE – Recensione dell’ultima espansione

Lo scrittore Alan Wake è tornato....

Dopo aver riscontrato un grande successo nell’agosto del 2019, Control è tornato alla carica con un nuovo contenuto aggiuntivo intrinseco di trama. Stiamo parlando di AWE, o anche conosciuto in Italia con la traduzione di EMA (Eventi del Mondo Alterato).

Si tratta di un contenuto che è stato programmato da lungo tempo, dove prima di questo è arrivato The Foundation, la prima espansione di Control.

Parliamo di un contenuto molto atteso quello di AWE, perché vede il ritorno di una delle icone più importanti nell’universo di Remedy, Alan Wake, scrittore e protagonista dell’omonimo gioco.

Nelle tre ore impiegate ad affrontare il contenuto aggiuntivo ci siamo divertiti, abbiamo appreso nuove informazioni sul mondo che collega Control a quello di Alan Wake. Ma saranno riusciti gli sviluppatori a fare centro con questo contenuto?

Alla ricerca di risposte

La nuova missione è accessibile solo dopo aver completato il settimo incarico principale della storia del gioco base. All’avvio del gioco ci comparirà un breve filmato mentre ci troveremo all’Esecutivo Centrale, nel quale si può intravedere Alan Wake.

Lo scrittore è solo, seduto e davanti a lui solo la sua macchina da scrivere con il quale è intento a comporre un racconto, mentre ripete quest’ultimo ad alta voce. A tratti sentiremo nominare anche il nome di Jesse Faden, come se Alan stesse componendo il racconto della Direttrice dell’FBC. Il nostro obiettivo è quello di fare chiarezza su questa visione, dunque la prima tappa sarà quella del dipartimento investigativo.

Giunti al settore degli Eventi del Mondo Alterato, scopriremo che quest’ultimo è chiuso da ben due anni, vista che la contaminazione è elevata. In questa zona non è presente l’Hiss a minacciarci, ma l’oscurità, un nemico ancora più pericoloso.

Rimani nella luce!

Il fulcro principale di AWE è proprio quello dell’oscurità, dove ci troveremo ad affrontare delle zone completamente al buio con un nemico ad attenderci all’interno delle ombre per sfruttare quest’ultima a suo vantaggio. Spesso ci troveremo in stanze dove dovremo utilizzare la luce per liberare il passaggio, o comunque riattivare la corrente con i generatori.

Il nemico principale è il Dottor Hartman, che ha subito una mutazione e che si aggira nell’ombra, pronto a trafiggerci. Tra i nemici ci sono i soldati controllati dal Sibilio, nonostante questi sono presenti in una quantità esigua, il contenuto aggiuntivo si adagia principale in rapidi puzzle e in zone con sequenze quasi “platform“.

Non tutto “brilla”

La vera mancanza di AWE è quella di aree completamente nuove, perché in questo caso ci ritroveremo spesso a esplorare zone che abbiamo già visto negli scorsi mesi. L’unica cosa stimolante è quello di conoscere meglio Alan Wake, capire il suo destino dove lo ha portato e cosa sta scrivendo.

Purtroppo il finale, senza spoilerarvelo, lascia spazio solo ad un nuovo capitolo dell’omonimo scrittore, senza però spiegare il legame che ha con Jesse Faden.

Purtroppo non sono presenti grandi contenuti per l’end-game, sono stati aggiunti due nuovi cabinati che permettono di affrontare nuovamente alcune fasi più importanti del gioco base. Degna di nota la menzione al Labirinto del Posacenere, che riaffrontarlo con l’ost “Take Control” resta un’esperienza unica.

Commento Finale

Nonostante tutto, si tratta di un contenuto aggiuntivo piacevole che arricchisce la trama di Control. In questo caso, il team di sviluppo ha dato inizio al Cross World dI Remedy, intrecciando le due storie. Sicuramente a tutti i fan di Alan Wake farà piacere rivederlo coinvolto in alcune nuove vicende, allo stesso tempo, per chi ha amato Control si troverà una nuova avventura ma soprattutto sfida.

Ci saremmo aspettati qualcosa in più nelle tre ore impiegate per il completamento, ma rimane comunque un buon contenuto senza eccellere.

Contro - AWE

Commento Finale

AWE rimane un contenuto aggiuntivo di buona qualità, che purtroppo non riesce ad eccellere come ci saremmo aspettati dal ritorno di Alan Wake. Nonostante tutto, si tratta di un esperienza da non perdere se siete fan dello scrittore o vi è piaciuto il precedente contenuto di Control.

Overall
7/10
7/10

Pros

  • Storia piacevole da seguire…
  • Sfruttare le meccaniche della luce è una trovata interessante
  • La difficoltà è molto appagante
  • La possibilità di poter riaffrontare il Labirinto del Posacenere

Cons

  • …ci saremmo aspettati di più da Alan Wake
  • Mancano dei contenuti end-game validi
Tags

Federico Molino

Amante delle opera di nicchia e delle belle OST. Appassionato instancabile di molte cose, ma tra le tante spiccano il cinema e la fotografia.
Close