FeaturedRecensioniVideogames

DIRT 5 – Recensione della versione Xbox Series X|S

Pronti a gettarvi nuovamente in pista?

Codemasters è sempre stata una software house che ha saputo sempre rinnovarsi. Con il corso degli anni abbiamo visto come il team di sviluppo abbia accettato nuove sfide ambiziose, accompagnati dal pilota scozzese Colin McRae, per una consulenza di un’esperto del settore.

Noi avevamo apprezzato a suo tempo il quarto capitolo, che sembrava migliorare alla base tutte le funzioni che la serie di DIRT ci offriva. Questa volta la serie cerca di discostarsi quasi completamente ai suoi canoni, abbracciando uno stampo molto più Arcade, che strizza l’occhio alle produzioni recenti dello stesso genere.

Visto che al lancio di Xbox Series X|S è stata rilasciata una patch per sfruttare la potenza della nuova generazione, abbiamo testato questo quinto capitolo su quest’ultima, cercando di assaporare tutte le migliorie che la nuova console di Redmond potesse offrire. Sarà riuscito ancora una volta Codemasters a conquistare il nostro cuore?

Fango e terra!

Il gioco ci lancia subito nella mischia, in una gara introduttiva, nel quale sentiremo già dal primo impatto la potenza della nuova generazione. Avremo davanti a noi un tracciato che ci introduce le prime meccaniche di gioco. Conclusa la competizione, ci troveremo nel menù principale, dove il telecronista ci guiderà tra le modalità disponibili.

Abbiamo una modalità carriera che ci introduce ad un protagonista che aspira all’ascesa nel mondo delle corse off-road, come questo sia diventato famoso dopo ogni gara. La storia si compone livello dopo livello, fino a raggiungere la fine del capitolo. Sicuramente non spiccherà per la narrazione, ma si tratta di una buona scusa per conoscere meglio le piste e le modalità presenti in questa produzione. Gli eventi saranno disponibili su una semplice mappa, e saremo noi a scegliere quali affrontare prima.

Man mano che taglieremo dei traguardi, sbloccheremo dei timbri che ci daranno accesso a nuove sfide, trovando così nuovi eventi particolari che metteranno alla prova le nostre abilità alla guida di veicoli fuori dal normale.

Carriera stellare

Aumentare il nostro livello ci darà accesso a delle livree nuove, spendendo così i nostri soldi per la personalizzazione del veicolo. Purtroppo però, non è possibile cambiare le parti dei veicoli, incidendo così nelle prestazioni di quest’ultimo. Una mancanza non da poco, visto che avrebbe giovato alla varietà e ad un pizzico di brio in più nelle gare.

Arrivati ad un certo punto della campagna saremo chiamati a scegliere uno Sponsor, il quale ci permetterà di ottenere dei bonus tra crediti e reputazione, ogni qualvolta soddisferemo uno obiettivo prefissato. Questo fa si che all’interno delle gare venga aggiunto un pizzico di sfida in più, dovuto agli obiettivi del nostro Sponsor.

Come vi abbiamo detto in precedenza, la modalità carriera non spicca di certo per la sua narrazione, ma il suo punto di forza è la varietà dei contenuti, tutti sempre divertenti e variegati. Le otto tipologie di competizioni sono interessanti, tra questi troviamo Stampede, che ci permette di utilizzare delle auto con grosse cilindrate e un quantitativo di cavalli abnorme.

La nostra modalità preferita è quella della Gymkhana, una corsa all’insegna della derapata dove il nostro scopo è quello di effettuare le azioni più spericolate e spettacolari per ottenere punti. Le arene sono sempre particolari e non semplici d’affrontare.

Per tutti i neofiti del genere, DIRT 5 è pensato per essere un gioco accessibile a tutte le tipologie di videogiocatori, abbandonando così quasi del tutto la sua natura simulativa. Nonostante ciò, all’interno delle gare sarà possibile attivare degli aiuti, che a nostro avviso sono quasi nulli, poiché l’IA non è particolarmente agguerrita come ci si aspetterebbe da un titolo della serie. La volontà di rendere il titolo più arcade è palpabile in quasi ogni meccanica, la fisica è ormai quasi diventato “nulla”, mostrando dei danni molto abbozzati.

Tecnicismi ottimi

Nonostante l’abbandono alla natura Arcade, siamo soddisfatti dal lato tecnico della guida. I veicoli sono facili da guidare e i movimenti sempre precisi, non abbiamo mai riscontrato grossi problemi durante le diverse modalità. Apprezzabile anche l’integrazione della vibrazione del controller di Xbox Series X|S, in base al terreno calpestato questi vibrano in modo differente, inoltre, alla pressione del freno è possibile avvertire lo scatto della frenata.

Il pezzo da novanta è sicuramente la modalità DIRT 5 Playground, una community più consolidata per il brand. Questa novità ci permette di creare dei percorsi, gare ed eventi a nostro piacimento, grazie ad un editor ben integrato. All’interno del pannello avremo la possibilità di giocare gli eventi creati dagli altri giocatori e alla fine, valutarli.

In compagnia anche meglio

Abbiamo testato anche il multigiocatore, partendo dalla modalità Vampire, che ci mette alla caccia delle prede (se saremo noi i vampiri). La modalità King invece ci imporrà di non effettuare collisioni con altri giocatori per non perdere la corona. I server online sono abbastanza stabili, abbiamo avuto solo qualche leggera disconnessione dovuto però ad un problema tecnico dei giocatori presenti in sala, ma del resto non abbiamo riscontrato problemi.

Sul lato grafico, il prodotto di Codemasters non eccelle, soprattutto a causa di alcune texture non sempre convincenti. A farlo però da padrone sono gli effetti luce del Ray-Tracing, dipingendo le arene da colori sempre accessi e ammalianti. Il titolo sulla console di Xbox gira a ben 60 FPS, nonostante non siano sempre stabili. L’engine grafico purtroppo non è al passo con i tempi anche per la vecchia generazione, ci auguriamo che possano essere fatte migliorie per il prossimo capitolo di Codemasters.

Commento Finale

In conclusione, DIRT 5 è un prodotto di ottima qualità, soprattutto se siete degli amanti delle corse dell’off-road. Siamo rimasti soddisfatti dagli innumerevoli eventi presenti tra le diverse modalità, oltre che un parco auto immenso, che supera le sessanta auto.

Il nuovo prodotto di Codemasters si sposa con una vasta tipologia di utenti e questo lo rende un prodotto molto più accessibile. Ci sentiamo in dovere di consigliarlo a tutti coloro che amano il genere o sono alla ricerca di un Arcade che non stanca facilmente.

DIRT 5

Riassumendo

Il quinto capitolo di DIRT riesce a soddisfare in parte le richieste dei giocatori. Le modalità presenti sono innumerevoli e sempre divertenti. Vi consigliamo l’acquisto se siete a ricerca di un titolo Arcade di buona qualità.

Overall
7.5/10
7.5/10

Pros

  • Molte modalità ed eventi
  • Parco auto molto vasto
  • La guida è quasi sempre perfetta
  • La modalità Playground dona innumerevoli ore di gioco

Cons

  • Graficamente si poteva fare molto di più
  • La mancanza di personalizzazione tecnica dei veicoli
Tags

Federico Molino

Amante delle opera di nicchia e delle belle OST. Appassionato instancabile di molte cose, ma tra le tante spiccano il cinema e la fotografia.
Close