FeaturedRecensioniVideogames

Destiny 2: Oltre la Luce, il ritorno dei guardiani

Siamo sbarcati in Europa, abbracciando il nuovo potere della stasi!

Con il secondo capitolo di Destiny 2, Bungie è riuscita a portare una ventata d’aria fresca all’interno dei videogiochi sparatutto online. Il netto cambiamento però è arrivato quando è uscita l’espansione Ombre dal Profondo, che celebrava anche il divorzio tra lo sviluppatore e Activision.

Il contenuto a suo tempo ci aveva convinto appieno, avevamo avuto per l’occasione modo di provare il titolo nella sua nuova versione nella piattaforma Steam.

Quest’oggi siamo tornati a imbracciare le armi come Guardiani con una nuova espansione, Oltre la Luce (Beyond Light in inglese), che ha portato Bungie a rinnovare ancora una volta il suo titolo, concretizzando la promessa di far risorgere il prodotto in una veste completamente diversa.

Abbiamo giocato a Destiny 2: Oltre la Luce su PlayStation 4, per poi passare alla versione per PlayStation 5 il 19 Novembre (nonostante ancora non siano disponibili i miglioramenti, dato che l’uscita è prevista per il prossimo 8 dicembre).

Ci teniamo a ringraziare l’ufficio stampa che si occupa della distribuzione dei codici dell’espansione, il quale ci ha fornito i mezzi per poter portare questo contenuto all’interno del sito.

Luogo in cui è racchiuso Rasputin

Oltre quella immensa luce

Nella narrazione di Oltre la Luce ci sono gli Eliksni, un popolo pacifico e dalle immense risorse che vivono in pace sulla superficie dell’Europa. Anche grazie all’influenza del viaggiatore, il territorio dove vivevano ha goduto di immense prosperità, e del benessere per chi ci viveva all’epoca.

L’antagonista principale, Eramis, è riuscita a brandire il potere della stasi, ancora sconosciuto ai molti. Anche per questo è considerata la Kell dell’Oscurità nonché leader dei caduti. Si tratta di un personaggio ben caratterizzato, che conosceremo man mano che andremo avanti nella campagna, ma soprattutto, che spingerà al ritorno di alcuni vecchi volti del passato.

Cambiamenti repentini

Quella di questa espansione, non è una trama semplice e lineare, ma si intreccia in diversi colpi di scena, portando a mostrare nuove sfaccettature mai viste all’interno dell’universo di Destiny. Verremo a conoscenza di alcuni elementi che da molto tempo cercavano risposte, andando così a sistemare il quadro generale della lore. Sarà un elemento fondamentale quello di leggere i vari diari sparsi per la mappa, dato che aiuteranno a comprendere meglio le scelte e le conseguenze di alcune azioni.

La campagna ci richiederà all’incirca dodici ore per poter essere portata a termine, per concludersi con un finale degno di nota. Anche i filmati in computer grafica rendono ancor più magistrale il lavoro svolto con Oltre la Luce. Nonostante alcune missioni ripetitive, in questo contenuto gli sviluppatori sono riusciti a raggiungere un gradino più in alto rispetto al passato.

Varietà

Il nuovo standard di luce permette il proseguimento delle missioni molto dinamico, che ci costringerà spesso a dover livellare prima di poter affrontare delle nuovi missioni, accettando così la possibilità di doversi occupare quasi obbligatoriamente delle missioni secondarie.

Esplorare le ambientazioni dell’Europa lascia alcune soddisfazioni, perché cambiano totalmente lo scenario rispetto a quello visto negli anni precedenti. Certo, alcune similitudini sono ancora presenti, ma è quasi inevitabile vista l’atmosfera quasi simile. Le terre ghiacciate sono vaste e solitamente è consigliato esplorarle a bordo dell’astore, il quale giocherà un ruolo chiave.

Nuovo potere, nuove responsabilità

L’aggiunta più succulenta dell’espansione è sicuramente la stasi. Questo introduce delle nuove sottoclassi che danno il benvenuto a delle vere e proprie nuove abilità che vanno a mutare il gameplay. Le nuove tecniche ci permettono di avere un controllo maggiore all’interno delle battaglie. Ogni classe avrà una super-abilità inedita, ma di cui non vi anticipiamo nulla per non rovinarvi la sorpresa.

Come detto in precedenza, scenograficamente è stato fatto un lavoro magistrale, le ambientazioni sono molto più ispirate, ricche di scorci magnifici e che vengono esaltate da una composizione musicale d’eccellenza. Bisogna anche dire che alcuni asset sembrano “riciclati” ma non stonano con la visione generale. Le ambientazioni restano suggestive e totalmente promosse.

Non abbiamo riscontrato nessun calo di framerate sulla versione per PlayStation 4, nonostante poco dopo ci siamo spostati sulla nuova arrivata di Sony, permettendoci di sfruttare dei caricamenti più veloci e una stabilità generale superiore rispetto alla vecchia generazione (nonostante ancora non sia disponibili la patch ufficiale per i miglioramenti). Anche il doppiaggio italiano gioca il suo ruolo chiave, ben intrepretato e ancora una volta piacevole di sentire la lingua nostrana dai nostri guardiani.

Commento Finale

In conclusione, Oltre la Luce è un contenuto che getta le basi per un futuro radioso di Destiny 2. La narrazione è promossa sotto quasi ogni aspetto, anche grazie ad un antagonista ben caratterizzato e una cura maniacale per la lore di contorno dell’universo di gioco. Non vediamo l’ora di vedere cosa Bugie ha in serbo per noi nei prossimi mesi, a partire dalla patch per la nuova generazione.

Destiny 2: Oltre la Luce

Riassumendo

Destiny 2: Oltre la Luce è un contenuto di ottima qualità, che getta le basi per un futuro promettente per il titolo di Bungie. I cambiamenti apportati dagli sviluppatori hanno fatto risorgere il titolo dalle ceneri, portandolo verso una luce completamente nuova.

Voto Finale
8.5/10
8.5/10

Pro

  • Trama ben curata e che riempie la lore di Destiny
  • Il potere della stasi porta una ventata d’aria fresca al gameplay
  • L’Europa è piacevole da esplorare

Contro

  • Ci saremmo aspettati qualche missione meno ripetitiva all’interno della campagna
  • Alcuni asset sono stati riciclati nuovamente
  • Qualche piccolo crash durante l’esplorazione
Tags

Federico Molino

Amante delle opera di nicchia e delle belle OST. Appassionato instancabile di molte cose, ma tra le tante spiccano il cinema e la fotografia.
Close