FeaturedRecensioniVideogames

Sam & Max Remastered – Recensione su Nintendo Switch

Il magico duo delle avventure grafiche torna in una nuova edizione sull'ibrida di Nintendo.

Due anni ormai son passati dalla definitiva chiusura del noto studio di sviluppo Telltale Games, che nel novembre del 2018 dichiarò ufficialmente il fallimento per bancarotta, causa gli insuccessi degli ultimi progetti rilasciati sul mercato, lasciando un certo amaro in bocca per il cessato sviluppo dei videogiochi in lavorazione, quali The Wolf Among Us: Season Two, Game of Thrones: Season Two ed il nuovo progetto basato su Stranger Things.

La società statunitense sin dalla sua fondazione nel 2004 si è sempre saputa distinguere per la sua spiccata capacità di sfornare avventure grafiche di buona fattura, tale da ritrovarsi attribuita il merito di aver revitalizzato il genere in un periodo in cui non godeva di troppa popolarità.

Successivamente alla chiusura dello studio, il suo co-fondatore Dan Connors e alcuni degli ex sviluppatori del team fondano un nuovo studio di sviluppo chiamato Skunkape Games, che come esordio nel settore procede nello sviluppo di una remaster di uno dei prodotti più iconici della vecchia società: Sam & Max Save the World.

Sam & Max Save the World Ramastered

Uscito originariamente su PC nel lontano ottobre 2006, Sam & Max Save the World costituisce il secondo capitolo della serie Sam & Max, e a distanza di 14 anni dal rilascio è possibile goderne in una versione ritoccata e migliorata per PC e Nintendo Switch, e di quest’ultima versione siamo pronti a parlarvene in questa recensione.

Ci pensa la ‘Polizia Freelance’

Nel mondo imbastito da Skunkape Games saremo chiamati a vestire i panni di Sam, un cane antropomorfo dalla personalità docile e con un smisurata fantasia in quanto a proverbi, e del coniglio Max, suo fedele compagno fuori di testa e sempre pronto a dire la cosa sbagliata al momento giusto.

I nostri protagonisti sono i bizzarri investigatori della Polizia Freelance, perennemente pronti a risolvere ogni strano caso dovesse venirgli commissionato, sia esso relativo ad un’associazione mafiosa che si occupa di giocattoli o che riguardi una breve tappa sulla luna.

Così come fu per la versione base del gioco, le vicende si sviluppano in 6 episodi autonomi, ciascuno dalla durata di circa un’ora e mezza e senza alcun filone principale a collegare le vicende, in cui il procedere di una trama verticale ci porterà alla risoluzione di brillanti enigmi che consentiranno al giocatore di avanzare di capitolo in capitolo, sebbene sia a nostra totale discrezione l’ordine in cui giocarli (vi consigliamo comunque di avviarli nell’ordine disposto).

Sam & Max Save the World Ramastered

Ciascuno degli enigmi a cui man mano vi si approccia è ben studiato, brillante e sempre piacevole da risolvere, perfettamente collocato in ogni situazione si venga a creare, nonostante secondo noi qualcuno richieda uno sforzo tale da portare i giocatori meno pazienti alla frustrazione, salvo poi raggiungere un notevole senso di appagamento quando lo si riesce a risolvere.

I vari rompicapi sono sparsi in differenti scenari esplorabili che, seppur proposti in quantità esigua, risultano ben diversificati. Muovendosi liberamente nell’ambiente il giocatore sarà in grado, tramite la pressione di un tasto, di verificare quali oggetti siano disponibili all’interazione.

Tra questi, alcuni verranno raccolti dal nostro personaggi e inseriti nell’inventario, mai eccessivamente ricco, e utilizzato al momento opportuno (se lo capirete).

L’aspetto narrativo del gioco non presenta alcuna differenza con il prodotto originale, lasciando sostanzialmente inalterati tutti i dialoghi e i tutti i vari risvolti di trama che coinvolgeranno i nostri protagonisti.

Lo strambo duo che non meritiamo

Sia Sam che Max godono senza ombra di dubbio di una caratterizzazione eccellente, sempre perfettamente calati nella dimensione di ciò che il loro personaggio rappresenta e protagonisti di linee di dialogo e scambi di battute che non potranno non strapparvi più di qualche sonora risata.

Ad ogni interazione dei due, sia questa con uno degli NPC presenti o con uno degli oggetti accessibili all’interazione, lo scambio di battute che ne consegue è un susseguirsi di pungenti frecciatine e di un ficcante humour che vi farà venir voglia di ascoltare ogni singola conversazione disponibile nel gioco per la semplice curiosità di sapere con quale altra battuta scorretta esordirà Max o che fantasioso proverbio partorirà Sam.

Se da un lato però la localizzazione dei sottotitoli in lingua italiana permette di godere degli ironici dialoghi dei personaggi, dall’altra bisogna puntualizzare che alcune delle battute prevedono giochi di parole o riferimenti che con la conversione linguistica lasciano per strada parte del loro fascino comico.

Sam & Max Save the World Ramastered

Inoltre, piccole porzioni dei testi che sono presenti nell’ambiente, come un segnale stradale o l’insegna di un negozio, hanno ricevuto una traduzione solo parziale, per cui potrebbe risultare leggermente fastidioso notare questo contrasto linguistico, ma nulla che possa incidere sulla piacevole esperienza di gioco.

Una notevole svecchiata

I ragazzi di Skunkape Games hanno indubbiamente lavorato al loro meglio per rendere un gioco vecchio 14 anni appetibile anche per il mercato moderno, e tale lavoro è chiaramente evidente basandosi sulle notevoli migliorie che il gioco ha ricevuto sotto l’aspetto tecnico.

I modelli dei personaggi hanno ora linee più morbide e definite, in particolar modo quelli dei protagonisti, che risultano ora maggiormente vividi e con animazioni semplicemente più convincenti, ambientazioni comprese.

Sam & Max Save the World Ramastered confronto

Ogni dettaglio degli scenari presenti è ben curato e definito, fatta eccezione per un paio di texture a bassa risoluzione che stonano un pò con il resto dell’ambiente, difetto che viene risalta maggiormente se si fruisce dell’opera in versione portatile su Nintendo Switch, che offre invece una migliore prestazione nella sua versione da console casalinga.

Infine, un merito va dato anche alle musiche, sempre perfettamente in tono con le atmosfere che il gioco crea nelle diverse situazioni, con tracce che conferiscono all’opera un coerente mood tra il comedy e il poliziesco.

In conclusione

Sam & Max Save the World Remastered è un ritorno che tenta di riportare le avventure grafiche in un periodo storico in cui il mercato offre loro poco spazio, ricalcando le stesse intenzioni dello studio originale tempo addietro. Una sorta di tributo romantico a quello che hanno rappresentato e un ambiziosa voglia di conferire a questo genere ad un pubblico più ampio. L’aria che è palpabile seguendo le vicende dei due protagonisti mantiene lo stesso spirito che 14 anni fa ha affascinato il pubblico, aggiungendo all’equazione quel tocco di svecchiamento grafico e sonoro che meglio lo calano tra le produzioni moderne, un’opera che su Nintendo Switch trova senza dubbio la console perfetta per il tipo di gioco che è. Considerando il costo di 19,99 euro su PC dallo store di Steam e sull’e-shop di Nintendo, è senza dubbio un titolo che non potete farvi mancare se siete amanti delle avventure grafiche o se volete avvicinarvi a questo magico mondo.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità sulla serie di Sam & Max, le nostre recensioni e tanto altro ancora, vi consigliamo di seguirci sui nostri canali Social: siamo su Facebook e Twitter, e abbiamo la nostra community Telegram!

Sam & Max Save the World Remastered

Riassumendo

La serie di Sam & Max è tornata e lo fa nel migliore dei modi: dialoghi sempre freschi e mai banali, cura nei dettagli notevolmente migliorata, personaggi interessanti e enigmi all’altezza del genere, il tutto condito da uno spirito ironico che vi farà innamorare dell’opera. La portabilità che offre Nintendo Switch è semplicemente un punto a favore per l’opera, che trova nella console un’ottima collocazione. Un titolo che riesce a riportare l’amore per le avventure grafiche ormai passate, nella speranza di assistere ad un forte ritorno sul mercato di un genere che può ancora dare qualcosa.

Voto Finale
7.8/10
7.8/10

Pro

  • Gag e dialoghi sempre funzionanti e divertenti
  • Personaggi ben caratterizzati
  • Enigmi brillanti e ben contestualizzati
  • Migliorata la qualità grafica di ambienti e personaggi

Contro

  • Alcuni dialoghi in lingua originale perdono il loro acume nell’adattamento italiano
Tags
Close