Trust Gaming GXT 433 Pylo – Recensione

Trust negli ultimi anni è riuscita a conquistarsi una grande fetta del mercato videoludico, principalmente grazie alla sua linea dedicata denominata Trust Gaming. Nel nostro portale abbiamo avuto modo di analizzare diversi prodotti, partendo da marchi più blasonati come Razer fino ad arrivare alla meno conosciuta e spagnola Energy Sistem.

Il mercato delle Cuffie da gaming è molto ampio, oggigiorno ogni videogiocatore che si rispetti ha un paio di cuffie dedite alla sua passione. Oggi vi vogliamo parlare delle Trust GXT 433 Pylo, un prodotto economico ma dalle alte prestazioni e soddisfazioni.

Cuffie Trust Pylo

Facili da usare

Partiamo dal presupposto che è possibile installare le cuffie senza dover operare alcun programma di terzi, non è richiesto alcun software e il tutto si aziona attraverso il jack. Per chi non lo sapesse, le Cuffie della Razer invece, richiedono l’ausilio di Software specifici (tipo Synapse) per sfruttare appieno il potenziale del device.

Iniziando ad analizzare la comodità che l’headset dona durante le lunghe sessioni di gioco, bisogna iniziare dal Memory Foam, il materiale impiegato per la realizzazione dei due padiglioni over-ear, che risultano morbidi e piacevoli da indossare anche per lunghe sessioni. L’archetto superiore è regolabile a scatto, presentando anche un cuscinetto per rendere più confortevole l’headset.

Trust Pylo 433

Qualità audio quasi impeccabile a prezzi modici

Come tutte le cuffie che si rispettino, le GXT 433 hanno a disposizione un microfono, situato sul padiglione sinistro, completamente pieghevole per venire incontro all’esigenza di ogni videogiocatore. Effettuando diversi test su PlayStation 5 e Xbox Series X|S, abbiamo avuto la conferma di quanto la qualità audio del microfono sia ottima, riuscendo a ridurre notevolmente il rumore di fondo e restituendo una voce chiara, ottenendo così un risultato molto più pulito di un normale device, rendendo il prodotto quasi perfetto per l’utilizzo sulle due nuove ammiraglie della nuova generazione videoludica.

Abbiamo testato anche la loro potenza durante l’utilizzo quotidiano, utilizzando programmi come Spotify per ascoltare musica o per vedere film attraverso Netflix. Vi confermiamo che anche in questo caso riescono a svolgere il loro lavoro quasi perfettamente. L’unica nota negativa risiede nei bassi non sempre troppo “limpidi” e che a volumi più elevati perdono leggermente di qualità. I bassi lavorano da 50 mm per renderli più piacevoli durante i momenti più concitati del gioco.

Microfono Pylo

A livello estetico si presentano come delle normali cuffie da gaming, con un telecomando dedicato sul cavo che permette la regolazione rapida dell’audio, con anche la possibilità di mutare il microfono in qualunque momento. All’interno dello scatola è presente una prolunga di un metro e un cavo a treccia multiuso per il collegamento su più dispositivi. Il materiale impiegato per la costruzione è del metallo opacizzato, piacevole al tatto e molto robusto.

Commento Finale

In conclusione, si tratta di cuffie di ottima fattura e siamo rimasti piacevolmente sorpresi dal costo veramente irrisorio se paragonato alla qualità dell’headset. Il prodotto si adatta perfettamente all’esigenza di ogni videogiocatore che impiega molto tempo nelle chat vocali, grazie alla sua comodità e alla sua qualità audio. La Trust è riuscita a immettere su un mercato già saturo, un prodotto competitivo e che secondo noi, riuscirà a conquistare molti videogiocatori. Ci sentiamo in dovere di consigliare queste cuffie soprattutto a chi è alla ricerca di un headset economico ma allo stesso tempo di ottima qualità.

Commento Finale

Le Trust Pylo 433 è un prodotto valido sotto quasi ogni fronte. Il prezzo economico renderà l’headset tra uno dei più gettonati, soprattutto da chi possiede una console di ultima generazione.

Voto Finale
8/10
8/10

Pro

  • Comode da indossare per lunghe sessioni
  • Microfono di ottima qualità
  • Bassi ottimi ma…
  • Prezzo basso

Contro

  • …a volume elevato comincia a perdere la sua qualità
  • Non molto comode da usare con un Notebook

Amante delle opera di nicchia e delle belle OST. Appassionato instancabile di molte cose, ma tra le tante spiccano il cinema e la fotografia.

Leave a Reply