Say NO! More – La recensione che NOn ti aspetti!

Nei siti di videogiochi come il nostro, si ha molto a che fare con news che trattano di giochi indie e che spesso risultano anonimi. Tuttavia non posso negare che quando ebbi a che fare con quella relativa a Say NO! More il mio interesse fu più che stuzzicato e di conseguenza la mia lista desideri su Steam si arricchì di un gioco in più che solo di recente è entrato a far parte della mia libreria.

Il titolo stesso del gioco è intrigante e curioso e indubbiamente molto affine al mio modo di agire: indubbiamente non sono una “Yes, man!”.

Questa volta però mi sono ritenuta una persona fortunata perché se avessi detto di “No!” nel dare una chance allo Studio Fizbin, vi assicuro che me ne sarei pentita. E se avrete la pazienza di continuare a leggere la recensione, vi spiegherò il perché!

Una breve siNOssi.

In questo nuovo mondo colorato, ci ritroveremo nei panni di uno stagista appena assunto in un’azienda. Le prime conversazioni che ci ritroveremo a fare sia con gli amici, sia con i colleghi o i nostri superiori, metteranno in luce un desiderio irrefrenabile di opporci a determinate ingiustizie o soprusi… Ma sarà altresì chiaro che non ne avremo la forza perché non abbiamo ancora la capacità di usare “quella parola”.

Giunti alla nostra postazione, quasi per magia, ci verrà fatto dono della conoscenza e di quello che sarà il nostro superpotere: in un mondo dove sembra che siamo tutti costretti a dire di sì ad ogni cosa, finalmente avremo la capacità di dire “No!”.

Da questo momento in poi si darà il via all’ingresso di situazioni assurde ed esilaranti e i nostri poteri cresceranno sempre di più e si adatteranno ad ogni situazione.
Non aggiungo altro per non rovinare la sorpresa!

Imparare a dire “NO!”

Come accennato prima, la versione testata è quella per PC, ma il titolo è disponibile anche per Nintendo Switch e iOS. I requisiti richiesti non sono proibitivi e per goderselo può bastare un hardware medio-basso.

Il gioco, fin dal suo avvio, si presenta molto colorato. Questa varietà è presente anche all’interno dell’editor che non solo ci darà la possibilità di personalizzare come meglio crediamo il nostro protagonista, senza alcuno stereotipo di genere, ma potremo anche scegliere il tipo di voce e la lingua in cui il nostro stagista sparerà i suoi “No!”.
Inoltre il gioco è interamente localizzato in italiano ed è possibile cambiare lingua in ogni momento.

Il gameplay del titolo è molto semplice. Durante il corso della nostra avventura verremo spinti a dire di “No!” a tutto ciò che ci si para innanzi utilizzando un unico tasto (in questo caso la barra spaziatrice), proseguendo nell’avventura verranno sbloccati fino a quattro modi diversi di dire di no (premendo i tasti 1, 2 ,3 ,4 sulla tastiera) e, per dare maggiore enfasi alla nostra risposta, potremo sfruttare dei gesti preparatori come annuire, applaudire, ecc. (tramite le frecce direzionali) per ridurre le difese dei nostri avversari e allo stesso tempo per riempire una barra adibita al caricamento del “No” e di conseguenza all’aumento della sua potenza!

Ma attenzione! Non sempre il “No!” sarà la scelta giusta. La decisione spetta a voi, però alle volte conviene ascoltare ciò che ci dicono i colleghi.

Un mondo NOn troppo lontaNO!

La vivacità dei colori, la grafica paffuta e comica che ricorda i videogame di fine anni ’90, accompagnano le animazioni comiche del nostro stagista e di quanto sta intorno assieme ad una colonna sonora veramente azzeccata e mai sottotono.

Anche i temi trattati all’interno del gioco non sono superficiali, ma uno spunto di riflessione su alcune situazioni odierne come lo status sociale, gli standard lavorativi e l’amicizia.

Una nota dolente, senza alcun dubbio, è però legata alla sua longevità. Sebbene parliamo di un gioco molto divertente da esplorare la prima volta, ha al suo interno esclusivamente la modalità storia.

Quest’ultima ha una durata di circa 3 ore di gioco e, sebbene sia rigiocabile per capitoli, dopo pochissime run in cui vengono esaminate le diverse opzioni, risulta alla lunga ridondante perché non intaccano minimamente la trama, la quale resta sui binari.

Conclusioni

Say NO! More risulta essere un esperimento riuscito da parte dello Studio Fizbin, che ci ha fornito di un gioco divertente ed esilarante dal quale si può apprendere molto tra un sorriso e una risata.

I personaggi, la colonna sonora, il gameplay intuitivo e la trama atipica sono sicuramente ottimi punti di forza che non possono non dare un giudizio più che positivo ad un titolo al quale non riuscirete a dire di “NO!”.

Peccato per la longevità, ma nessuno è perfetto ed è molto meglio così!

Say NO! More

Riassumendo...

Say NO! More è un NO-Playing Game che fa del suo gameplay intuitivo, dei suoi colori, della sua stravaganza e della colonna sonora il suo punto di forza. Riuscirà senza alcun dubbio a farvi sorridere o ridere in base alle diverse situazioni stravaganti che si verranno a creare e sicuramente porterà un nuovo significato alla parola “NO!”. Peccato per la sua longevità, ma nonostante ciò resta più che consigliato.

Voto Finale
8/10
8/10

Pro

  • Gameplay intuitivo.
  • Modalità storia esilarante.
  • Editor del personaggio vario.
  • Colonna sonora impeccabile.

Contro

  • Poca longevità.
  • Cast doppiatori veramente esiguo.
Maria Chiara Plances

Sicuramente, per trovarsi in un sito che parla di videogiochi e del mondo nerd, non può essere amante dell’uncinetto… Anche se non disdegna le patatine fritte.

Leave a Reply