Error – Annunciato il nuovo progetto horror legato alle Hololive

Cover Corporation, l’azienda dietro al famoso gruppo di Vtuber (Virtual Youtuber – Content Creator con degli avatar virtuali) Hololive, ha rivelato il loro nuovo progetto: Hololive Error. Questo dovrebbe avere un tema horror scolastico, legato al loro primo talento, Tokino Sora.

Non è ben chiaro che tipo di media andrà a ricoprire questo nuovo progetto, ma il tema presentato nel video-teaser che potete vedere qui sotto è di un inseguimento scolastico da parte di Sora verso il protagonista del video. Questo potrebbe avvicinarsi una tematica “yandere“, o di studentessa ossessionata per amore, comune in altri media giapponesi, come manga e anime.

Il video è ambientato a metà tra due scuole, una digitale e dalla costruzione antica, in legno, e una nel mondo reale, più moderna e conforme ai standard contemporanei. Questo parallelo tra le due scuole potrebbe essere una semplice scelta stilistica (Tokino Sora insegue il protagonista fino a trovarlo anche nel mondo reale, dal suo digitale) oppure potrebbe avere a che fare con la realtà aumentata, andando così a proporre un titolo sulla falsa riga di Pokémon Go. Per maggiori informazioni, vi consigliamo di visitare il sito ufficiale del progetto.

Il progetto già da questo mese comincerà a veder luce. Hololive di recente sta ricevendo sempre più attenzione dal mondo videoludico, grazie anche alle diverse collaborazioni con titoli famosi, come l’evento per Tales of Crestoria, oppure il DLC per Disgaea 6 a tema Hololive.

Vuoi restare sempre aggiornato?

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità e tanto altro ancora, vi consigliamo di seguirci sui nostri canali Social: siamo su TwitterFacebook e abbiamo la nostra community Telegram!

Fonte: Siliconera

Avatar

Giocatore fin da piccolo, ha sviluppato attrazione per diversi generi videoludici, in particolare titoli provenienti dall’oriente. Adora gli RPG, con una predilezione per il Dark Fantasy e le scelte multiple. Non disdegna niente e cerca sempre di espandere i propri orizzonti.

Leave a Reply