Clid the Snail – Un’anteprima veramente convincente

Un mondo in preda a una terribile piaga sta decimando tutti gli animali, l’uomo si è estinto da un pezzo e sembra non esserci una cura. All’interno di questo oscuro mondo, vestiremo i panni di una lumaca, Clid esiliata dal proprio villaggio e in cerca di uno scopo insieme alla sua amica lucciola Belu.

Questa è la trama di Clid the Snail, uno sparatutto con visuale dall’alto sviluppato da un piccolo studio indipendente: Weird Beluga Studio; il titolo uscirà questa estate su PS4 e PS5, mentre su PC lo vedremo entro la fine del 2021. Grazie a Koch Media abbiamo avuto l’onore di provarlo in anteprima su PC ed oggi ve ne parleremo più nel dettaglio.

Una lumaca molto arrabbiata

La prima cosa che ci ha colpiti è Clid, abbiamo apprezzato molto la scelta di inserire una lumaca umanoide come protagonista, ma non lasciatevi ingannare, Clid è tutt’altro che lento ed è anche parecchio irascibile.

Durante tutto il gameplay, dalla durata di circa 30 minuti, Clid non ha mai perso l’occasione di lamentarsi con Belu, la sua lucciola guida, oppure di insultare i Bavosi, lumache mutate dalla piaga che dilaga nel mondo.

Anche i vari NPC che incontreremo alla fine della preview ci hanno colpito in positivo grazie al loro design molto ispirato e mai banale.

Devastate tutto col vostro arsenale

Dal lato Gameplay, il titolo si presenta molto solido, le bocche da fuoco sono parecchie, nella nostra anteprima abbiamo avuto modo di provare ben 4 armi diverse ognuna con una propria peculiarità, si passa dal SMG allo Shotgun in un attimo ed in modo molto intuitivo.

I comandi sono i classici di uno sparatutto con visuale dall’alto, levetta sinistra movimento, destra mira, grilletto destro sparo, grilletto sinistro mira di precisione; dunque chi ha un minimo di dimestichezza si sentirà subito a suo agio.

Abbiamo gradito l’aggiunta della barra del vigore che vi darà la possibilità di correre e schivare, ed i medikit monouso che andranno ricaricati una volta utilizzati, insomma sì, abbiamo anche delle componenti souls-like.

Non ci hanno convinto tuttavia i nemici che risultano parecchio lenti e facilmente eliminabili, stessa cosa vale per il boss, che abbiamo sconfitto al primo tentativo e senza troppe difficoltà.

Massacrate orde di nemici a colpi di….Rock

La colonna sonora è una delle qualità che più abbiamo apprezzato, interamente basata su rock e metal riuscirà sempre a farsi ascoltare con piacere soprattutto durante i combattimenti.

Graficamente molto appagante

Altra nota a favore va al comparto grafico che abbiamo apprezzato particolarmente, non a caso Clid the Snail ha vinto i Playstation Awards 2019 come “Best game award” e “Game with Best Art”.

Come detto sopra, il mondo di Clid è afflitto da una terribile piaga che muta gli animali ma anche l’ambiente, che si presenta pieno di candele e cadaveri sparsi ovunque.

La resa generale, dunque, è molto appagante e riesce a rendere benissimo l’atmosfera, inoltre la sezione che abbiamo potuto esplorare è ben disegnata e abbastanza intricata, con anche qualche enigma sparso qua e là.

Abbiamo però sentito la mancanza di una mappa da consultare per essere sicuri di aver esplorato bene l’area.

Questo non è un addio Clid

Dunque, Clid the snail si è dimostrato un ottimo titolo che seppur con qualche piccolo difetto, presenta un gameplay molto solido riuscendoci a farci divertire parecchio.

In conclusione, siamo veramente curiosi di vedere cosa riuscirà a fare Weird Beluga Studios sulle console di casa Sony e, soprattutto, non vediamo l’ora di scoprire come continuerà l’avventura del nostro bavoso amico questa estate.

Antonino Nicola D'angelo

Nato a Palermo il 3 Febbraio del 1999, cresciuto a pane e videogiochi ed amante di anime e manga. Gioca ad un po’ di tutto, prediligendo il genere degli RPG.
“Da un calcio alla ragione e fa spazio all’impossibile”

Leave a Reply