My Hero Academia: The Strongest Hero – Una recensione PLUS ULTRA!!

A partire dal 18 maggio 2021 il franchise di My Hero Academia ha arricchito le sue file con il videogioco per dispositivi iOS e Android qui in occidente.

My Hero Academia: The Strongest Hero, gioco sviluppato da Xin Yuan Studios, distribuito in Europa da A Plus Japan su licenza Crunchyroll, ha delle ottime premesse per diventare uno dei titoli più interessanti sul mercato mobile. Di conseguenza, noi di GameIndustry.it ci mettiamo in gioco per spiegarne tutte le sfaccettature ed aiutarvi ad avere un’idea se può essere il passatempo che fa per voi!

“Anche tu puoi diventare un Hero!”

La prima cosa che ci ritroveremo a fare all’avvio del gioco sarà quella di selezionare il server su cui verranno poi salvati tutti i nostri progressi (cambiando server bisognerà ricominciare da capo!), in seguito verremo introdotti all’interno del mondo di My Hero Academia partendo dalle basi stesse del manga e rivivendo le scene principali della storia di Kohei Horikoshi.

In un mondo dove l’80% della popolazione è in possesso di un potere, chiamato quirk, il nostro protagonista, Izuku Midoriya, fa parte del 20% che non possiede tale capacità e che nonostante questo vuole ugualmente diventare un eroe che salva la gente con un sorriso impavido, come il suo idolo All Might. Sarà l’incontro fortuito con quest’ultimo a far sì che questo sogno possa diventare realtà.

Superata la fase della storia, ci verrà data la possibilità di scegliere il nome della nostra Hero Agency e di iniziare il tirocinio da aspirante Hero di Honey City.
Le prime missioni che affronteremo apparterranno alla campagna principale. Una volta superate, verremo mandati in giro per la città ad attivare diverse torri per accedere al network degli Hero e ottenere nuove sub-quest e missioni giornaliere.

Sebbene inizialmente sommersi dalle troppe informazioni, pian pianino riusciremo a fare nostro il menu principale e barcamenarci senza difficoltà nelle diverse attività proposte, alcune delle quali si sbloccheranno esclusivamente raggiunto un determinato livello con i nostri personaggi.

Come formare un Number One Hero

La modalità single player ha un’offerta abbastanza vasta.
Abbiamo già parlato della modalità campagna (Peacekeeping Handbook) e delle missioni secondarie, a queste bisogna affiancare delle attività specifiche che saranno necessarie per ottenere tutti i potenziamenti per i vari pulcini di eroi e non che ci ritroveremo nel nostro arsenale.

  • Supply: serviranno per ottenere cibo, denaro, attrezzi per il potenziamento delle armature e carte per il potenziamento delle carte supporto.
  • Hero Trials: aiuteranno ad ottenere dei pezzi per potenziare i BP del personaggio e i suoi attributi statistici.
  • Night Ops: offre l’opportunità di affrontare dei boss per ottenere chip per il potenziamento dei personaggi, inoltre ad ogni completamento consegna un gettone per l’acquisto di chip che eventualmente non si è riusciti a trovare come bottino.
  • Hero Theatre: Darà la possibilità di seguire la trama del manga/anime tramite diverse missioni di combattimento o caratterizzate da QTE. (Al momento sono disponibili solo gli eventi narrati alla prima stagione dell’anime/primi tre volumi del manga)
  • Operation X: Al suo interno sarà possibile affrontare diversi avversari con tutti i personaggi finora acquisiti e aprire diverse casse rifornimento con relativi bonus.

Tutte queste attività sfruttano stamina. Quest’ultima può essere ricaricata nel corso del tempo (un punto stamina ogni 3 minuti), con oggetti specifici (caramelle o monete), con le donazioni degli amici oppure durante specifici orari un cui ne verranno donate 50 unità bonus.

Le missioni citate finora sono accessibili tramite l’apposito menù “Solo”, mentre le missioni secondarie e giornaliere potranno essere gestite tramite la mappa in cui potremo decidere se muoverci manualmente e raggiungere l’obiettivo, se attivare il percorso automatico oppure utilizzare gli oggetti per il “Rush” e ottenere direttamente il bottino della missione.

Infine, ottenuto un buon livello con i personaggi, sarà possibile affrontare delle sfide evento settimanali ed ottenere dei punteggi che piazzeranno i nostri Hero nella classifica generale del server.

Your Hero Academia

Quando saremo pronti, il gioco ci inviterà a provare le diverse modalità multiplayer presenti all’interno di My Hero Academia: The Strongest Hero. Quest’ultime sono principalmente suddivise nella modalità cooperativa e nella modalità versus.
Entrambe avranno diversi filoni su cui cimentarsi che ci daranno dei bonus utili per incrementare i Battle Point dei nostri personaggi.

In modalità cooperativa potremo affrontare diversi tipi di raid, alcuni con ricompense giornaliere e altri con ricompense settimanali.

Nella modalità Versus avremo a disposizione diverse sezioni in cui potremo affrontare altri giocatori formando diversi team con lo scopo di scalare la classifica oppure nel classico 1vs1 con un team formato da 3 personaggi. Nella prima versione saranno indispensabili i buff garantiti da equipaggiamento e BP, mentre nella seconda basterà il semplice personaggio base.

Vi è anche la possibilità in determinati giorni la settimana di registrarsi e partecipare alle gare di “Conquista zone” per incrementare il punteggio della propria alleanza.

“Sempre oltre il limite: PLUS ULTRA!!”

Dopo aver presentato le diverse modalità, è giunto il momento di spiegare come si svolge normalmente un combattimento all’interno del gioco.

Una volta scelta la missione che ci serve, selezioneremo da uno a tre personaggi da utilizzare. I personaggi, in base alle caratteristiche, sono suddivisi in tre tipologie:

  • S: personaggi specializzati nel corpo a corpo;
  • T: personaggi che sfruttano la media distanza;
  • P: personaggi che sfruttano la potenza e la lunga distanza, quest’ultimi sono particolarmente utili nel caso la missione preveda gruppi consistenti di nemici.

Ciascun personaggio ha a disposizione diverse tecniche esclusive con rispettive combo e anche una tecnica finale da usare una volta che si sarà riempito l’apposito indicatore.

Una volta in battaglia, possiamo decidere se combattere in modalità automatica o meno. La modalità automatica, in particolare, è utilizzabile negli scontri PvE sia in single player che in multiplayer cooperativo, mentre non sarà utilizzabile in modalità competitiva 1Vs1, modalità training e Rank Hero in locale.

In modalità single player sarà, inoltre, possibile collegare alle diverse mosse base dei personaggi anche un aiuto da parte degli altri personaggi che abbiamo collezionato e in base al rank (che va da B a SSS+) potremo selezionare per ogni mossa fino a tre personaggi. Ad esempio, per Izuku Midoriya al comando Q ho affidato Shoto Todoroki, al comando W ho posizionato Shota Aizawa e per il comando E ho inserito Tokoyami Fumikage (Dark Shadow).

Alcuni personaggi saranno più difficili da usare rispetto ad altri, ma la pratica sarà essenziale per ottenere migliori risultati e indubbiamente le battaglie saranno dinamiche e divertenti: alcuni nemici in particolare avranno bisogno di tattiche specifiche per essere sconfitti.

“Adesso ci sono io!”

All’avvio, il gioco ci metterà a disposizione esclusivamente Izuku Midoriya e, proseguendo nel tutorial, avremo anche Eijiro Kirishima e Denki Kaminari. Ulteriori personaggi saranno ottenibili tramite ticket nell’apposita sezione di gioco e tutto avverrà in modo randomico anche se al consumo di un determinato numero di ticket avremo la possibilità di avere un personaggio di un determinato Rank base: per esempio, Izuku Midoriya sarà un rank base B, mentre Katsuki Bakugo un S.

Nel caso si dovesse beccare un doppione, quest’ultimo verrà scomposto in pezzi “Resonance” da utilizzare per il suo potenziamento ed incremento Rank. Qui ci sarà una delle note dolenti del gioco: mentre i personaggi della 1-A sono facilmente potenziabili sia con il drop ticket che in altre situazioni di gioco, i personaggi ottenibili tramite evento come Shota Aizawa oppure All Might possono ottenere tali potenziamenti solo ed esclusivamente tramite i loro eventi o, se si acquisiscono abbastanza punti evento, nello shop in-game… Tuttavia i pezzi saranno sempre in numero limitato.

Anche i ticket saranno di un numero limitato. Nonostante vi sia un pull gratis ogni giorno, questo è esclusivo dei personaggi base e non degli eventi o degli speciali (negli speciali ci è solo la probabilità più alta di ottenere uno specifico membro di rank S della 1-A).
Una volta esauriti i ticket, siano essi per i personaggi o per le carte di supporto, si potrà sfruttare il pull comprando altri ticket con le monete. Le monete sono acquisibili in game con determinate azioni o con il bonus giornaliero oppure sono acquistabili tramite lo store google.

Per quanto riguarda le microtransazioni, pur essendo alcune molto dispendiose, sono tutte utilizzabili esclusivamente una volta al giorno: indubbiamente una mossa per limitare uno shopping compulsivo.

I personaggi ottenibili tramite evento che, al momento della scrittura di questa recensione, sono stati resi disponibili sono in ordine di uscita: Shota Aizawa, All Might, Endevoar, Stain, Tomura Shigaraki e Hawks.

Il gioco si intitola My Hero Academia: The Strongest Hero, però il senso non solo di poter ottenere i villain, ma soprattutto di utilizzarli in modalità che non siano quelle competitive, ci sfugge.

“Boku no Hero”

Tra le tante attività che il gioco ci mette a disposizione, abbiamo quelle relative alle commissioni per gli eroi (missioni che richiedono un determinato numero di ore per ottenere oggetti utili al potenziamento) e le attività nel dormitorio.
Il dormitorio è un luogo importante per far riposare i nostri eroi, dopo che hanno completato le commissioni, in cui sarà possibile non solo personalizzare le diverse stanze, ma anche fare determinate azioni richieste da ogni personaggio ottenuto in versione chibi con lo scopo di incrementarne la felicità.

Avremo anche la possibilità di visitare i dormitori dei nostri amici e vedere come hanno sistemato loro le diverse stanze. Una componente social molto carina e rilassante.

Infine, ci preme sottolineare che My Hero Academia: The Strongest Hero, essendo un gioco in licenza, sfrutta anche la colonna sonora dell’anime oltre che alcuni brani composti per l’occasione o rivisitati.

Anche le scene tratte direttamente dall’anime sottolineano la cura che si è voluta mettere nel prodotto finale.

Il gioco è cambiato molto rispetto alla sua uscita e ad ogni aggiornamento risulta sempre più user friendly e cerca di aiutare il giocatore ad incrementare le sue possibilità di goderselo senza per forza stare ore su ore online oppure spendere un patrimonio per ottenere qualcosa in più.

Conclusioni

My Hero Academia: The Strongest Hero si pone all’interno del mercato mobile come gioco free-to-play con la possibilità di microtransazioni.

Nonostante la confusione iniziale nel tutorial, il gioco risponde sempre meglio alla dinamica del tempo. Quasi ogni settimana vi sono degli aggiornamenti che portano delle novità che aiutano nell’affiliazione e allo stesso tempo consentono di fare attività diverse da quelle base.

Chi è appassionato dell’anime o del manga, sicuramente sarà felice di giocare con diversi personaggi e potenziare i preferiti per riuscire ad ottenere una squadra competitiva e che riesce a dare soddisfazioni sia in modalità PvE sia in modalità PvP.

Sebbene simile ad altri titoli di altri franchise, quest’ultimo cerca di riproporre delle dinamiche che chi conosce l’opera originale non potrà non apprezzare, ma allo stesso tempo aiuta chi è totalmente ignaro delle vicende ad entrare in questo nuovo mondo con degli Hero che hanno tante potenzialità, ma che allo stesso tempo non sono invincibili.

Ci sentiamo di dire ai nostri lettori di dargli una possibilità e di divertirvi con questo simpatico free-to-play. E ricordatevi il nostro motto, “Sempre oltre il limite: PLUS ULTRA!!”.

My Hero Academia: The Strongest Hero

Riassumendo...

My Hero Academia: The Strongest Hero è un gioco free-to-play per mobile in continuo aggiornamento e che offre divertimento e sfide in single player e multiplayer usufruendo delle tipiche meccaniche del genere e ai continui rimandi all’opera originale. La varietà dei personaggi e i combattimenti dinamici con mosse esclusive offriranno diverse ore di divertimento senza diventare frustrante.

Voto Finale
8/10
8/10

Pro

  • Gioco ufficiale e su licenza.
  • Combattimenti divertenti e dinamici.
  • Attività varie e per tutti i gusti.
  • Microtransazioni ridotte al minimo.
  • Titolo in continuo aggiornamento.

Contro

  • Potenziamenti randomici.
  • Monotonia delle quest giornaliere.
  • Gli eventi personaggio durano troppo poco.
Maria Chiara Plances

Sicuramente, per trovarsi in un sito che parla di videogiochi e del mondo nerd, non può essere amante dell’uncinetto… Anche se non disdegna le patatine fritte.

Leave a Reply