Night in the Woods – Recensione su iOS

Diverso tempo dopo il lancio su console casalinghe e Nintendo Switch, Night in the Woods si fa strada sull’App Store di Apple cercando di ritagliarsi un piccolo spazio in un mercato sempre più sovrappopolato di titoli di ogni genere.

Il mercato indie sta sbarcando sempre più velocemente sui dispositivi mobile, e i prodotti di qualità iniziano ad essere davvero numerosi anche su smartphone. E tra di loro è giusto considerare anche Night in the Woods, una sorta di mix tra visual novel e gioco velatamente platform che fa della narrazione il suo punto forte.

Una foresta, una notte oscura e solitaria

L’avventura di cui vi parliamo oggi parla di Mae Borowski, una ragazza sola e sovraffollata di pensieri di tutti i tipi che decide di tornare a casa dopo aver abbandonato il proprio percorso di studio al college. Arrivata nella città natale conosciuta come Possum Springs, Mae dovrà cercare in tutti i modi di riallacciare i rapporti persi durante la sua assenza con gli abitanti della città e con i suoi vecchi amici d’infanzia.

Ciò in cui Night in the Woods eccelle è nel raccontare i sentimenti, le sensazioni, le paure, i drammi che un giovane ventenne deve affrontare nella sua vita. Le prospettive di un impegno lavorativo, oppure la scelta di continuare a studiare, l’indecisione nella creazione o meno di rapporti e legami con le altre persone. Tutti tratti caratteristici di un’età molto particolare e che porterà non solo Mae, ma anche noi stessi, a subire un’evoluzione che ci porteremo dentro per sempre.

Ma mentre la protagonista sarà impegnata a tentare di riallacciare i rapporti precedentemente spezzati, qualcosa di oscuro e pericoloso si muove nell’oscura foresta alle spalle della città. Qualcosa che solo Mae pare riuscire a scorgere e percepire, qualcosa che la getta costantemente in uno stato di confusione e paura.

Gameplay tra visual novel e platform

Come detto poco sopra, Night in the Woods ibrida la classica formula dei giochi visual novel con alcune meccaniche prese in prestito dai platform. Durante il corso di tutta l’avventura avremo modo di spostarci liberamente per la città di Possum City, saltando anche su alcuni tetti di case e arrampicandoci (rimanendo sorprendentemente indenni) sui cavi della corrente della città.

Questa meccanica non ha un vero peso o valore all’interno della produzione se non farci superare alcune fasi platform per risolvere qualche semplice puzzle, quanto invece la controparte visual novel ha un peso ben superiore. Durante i dialoghi con i vari personaggi avremo modo di decidere come rispondere ad ognuno di loro, e in base alle nostre risposte otterremo comportamenti diversi.

Tutto ciò ovviamente andrà a ripercuotersi sul successo di Mae nel riallacciare i rapporti con la propria città, anche se non andrà poi ad alterare troppo il finale del gioco. Bisogna però sottolineare l’enorme vastità di dialoghi che avremo modo di affrontare, poiché a dialoghi molto profondi e ragionati verranno contrapposti discorsi assolutamente fuori di testa ed esilaranti.

Insomma, in Night in the Woods non mancheranno di certo i momenti in cui ridere a crepapelle, così come non mancano nemmeno i momenti più seri su cui ragionare.

Visual novel e mobile, l’accoppiata perfetta

Ma come si comporta il gioco su iOS? Quanto è effettivamente comodo giocare sullo schermo del nostro iPhone o iPad?

Il tutto è presto detto: su iPhone 12 il gioco gira che è una meraviglia, lo schermo AMOLED del dispositivo esalta le sfumature di colore del gioco come non mai e dona loro una nuova vitalità e profondità. Il framerate del gioco è costante e non ci troveremo mai nelle condizioni di affrontare sessioni di gioco scattose.

Grosso è meglio… l’iPad, parlo dell’iPad

La resa visiva ovviamente dipende anche molto dal dispositivo su cui state giocando. Su iPhone 12, con il suo ampio display AMOLED da 6.1″ il risultato finale è assolutamente di pregio. Su iPad Pro da 11″ il risultato è ancora più bello, anche se la differenza tra LCD e AMOLED è piuttosto visibile malgrado l’ottima fattura del pannello dell’iPad Pro.

Insomma, per 4,99€ avrete modo di portarvi a casa un gioco di assoluta qualità, un indie davvero interessante che vi permetterà di giocare a una storia intrigante e simpatica, non senza qualche sbavatura di troppo ma sicuramente da giocare almeno una volta nella vita.

I comandi, ovviamente, sono tutti ben gestibili tramite il tocco sui nostri dispositivi. Per muoversi basta appoggiare un dito sul display, così come per scegliere una delle risposte possibili basta compiere uno swype laterale all’interno delle nuvolette apposite. La risposta del touch screen è istantanea, quindi non vi troverete mai ad avere problemi per via di una risposta tarda al vostro tocco.

Night in the Woods

Riassumendo

L’opera Infinite Fall trasporta su mobile un grande titolo indie proveniente dalla classiche console casalinghe e lo adatta alle diverse forme di iPhone e iPad. Night in the Woods è un’avventura profonda e oscura, ricca di sfaccettature e non priva di un paio di difetti che, tuttavia, non vi rovineranno l’esperienza complessiva del gioco.

Voto Finale
7.5/10
7.5/10

Pro

  • Le atmosfere
  • La narrazione
  • Lo stile grafico

Contro

  • Il finale è un po’ affrettato

Leave a Reply