Shin Megami Tensei V – Presentati i demoni Pisaca e High Pixie

Atlus ha rilasciato nella giornata di oggi il 136° e il 137° video della serie Daily Demon dedicata a Shin Megami Tensei V. I video introducono rispettivamente Pisaca e High Pixie, presenti nei diversi capitoli della serie e rispettivi spin-off.

Pisaca

I Pisaca sono creature demoniache che si nutrono di carne umana, in particolare di cadaveri. Sono allo stesso livello di altri abomini, come Rakshasa, e sono considerati l’incarnazione fisica di ignos fatuus. Si ritiene che l’origine dei loro nomi sia stata il risultato della demonizzazione delle tribù indù da parte del popolo ariano.

I Pisaca hanno il potere di assumere forme diverse a piacimento e possono anche diventare invisibili. A volte possiedono esseri umani e le vittime sono afflitte da una varietà di malattie e anomalie come la pazzia.

High Pixie

Le High Pixie sono pixie di alto rango che fungono da leader o comandanti dei pixie più giovani. Generalmente, un Pixie carismatico può ottenere questo grado dimostrando la sua abilità e lealtà.

Sorvegliano i pixie più giovani come guardiani e si assicurano che siano tenuti fuori pericolo, sebbene siano altrettanto dispettosi quanto le loro controparti più giovani. Sono incaricati di proteggere le rovine e le grotte dove abitano altri pixie.

Nel breve filmato High Pixie utilizza: Mazan, Sukunda e Media. Sono presenti in lista anche Zio e Concentrate.

In precedenza sono stati presentati i demoni Cybele, Aitvaras, Hecatoncheir e Lilith.

Shin Megami Tensei V uscirà il 12 Novembre in tutto il mondo su Nintendo Switch.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità e tanto altro ancora, vi consigliamo di seguirci sui nostri canali Social: siamo su TwitterFacebook e abbiamo la nostra community Telegram!

Fonte: atlustube

Maria Chiara Plances

Sicuramente, per trovarsi in un sito che parla di videogiochi e del mondo nerd, non può essere amante dell’uncinetto… Anche se non disdegna le patatine fritte.

Leave a Reply